Altre quattro donne accusano Weistein

| Sarebbero state violentate o costrette ad atti sessuali in periodi diversi nelle suite dell’ex produttore. Le quattro, che hanno richiesto l’anonimato, hanno presentato una causa comune di risarcimento danni

+ Miei preferiti
Messo in secondo piano dalle notizie sul coronavirus, Harvey Weinstein si gode – per quanto possibile – un po’ di serenità lontana dai riflettori nel chiuso della sua cella. Ma la pace è destinata a durare poco: altre quattro donne identificate come “Jane Does” per non rivelare l’identità, hanno intentato una causa contro il magnate del cinema, accusato di averle aggredite sessualmente. Le accuse includono la storia di una donna che afferma di essere stata violentata da Weinstein nel 1994, quando aveva circa 17 anni.

La causa questa volta si estende includendo altri nomi come Robert Weinstein, fratello di Harvey, la “Miramax”, la loro ex società di produzione e perfino la Disney, che ha posseduto l’azienda per un certo periodo. Secondo la causa, Robert Weinstein e altri dirigenti e dipendenti hanno chiuso un occhio sui presunti abusi e alcuni sono stati complici nel facilitare alcuni incontri.

Harvey Weinstein, 68 anni, sta attualmente scontando una pena detentiva di 23 anni dopo la condanna per le accuse di atto sessuale criminale e stupro. Attraverso Imran Ansari, uno dei suoi avvocati, ha negato le ultime accuse: “Mister Weinstein nega categoricamente le accuse mosse contro di lui in modo anonimo. Nega di aver avuto un contatto sessuale inappropriato con un minorenne, e si difenderà vigorosamente. In ogni caso, alcune di queste accuse, comprese quelle che si presume siano avvenute negli anni ‘80 e ‘90, sono da considerare cadute in prescrizione e non sono soggette ad alcuna eccezione ai sensi di legge”.

Analogamente alle precedenti accuse contro Weinstein, le quattro “Jane Does” dicono che Weinstein ha usato la sua posizione di potere e ha minacciato di rovinare le loro carriere nell’industria del cinema se avessero denunciato le aggressioni.

Una donna, oggi 43enne, afferma di aver incontrato Harvey Weinstein in una stanza d’albergo nel 1994 per quello che pensava fosse un incontro d’affari, quando aveva circa 17 anni. Un Weinstein quasi nudo l’ha accolta alla porta e nonostante i suoi rifiuti l’ha costretta a fare sesso orale per poi violentarla. Prima di lasciarla uscire dalla stanza, Weinstein le avrebbe sottratto la patente di guida minacciando di rovinarle la carriera e di danneggiare fisicamente lei e la sua famiglia. Un’altra donna sostiene che Weinstein l’ha attirata in una suite dell’Hotel “Barrière Le Majestic” durante il Festival di Cannes del 1984, quando aveva circa 34 anni: sarebbe riuscita a fuggire dopo i tentativi violenti di avere la meglio su di lei. La terza donna aveva 26 anni quando nel 2008 ha incontrato Weinstein al “Cipriani’s Restaurant” di New York: qualche giorno dopo, con la scusa di un incontro d'affari nel suo appartamento di SoHo, Weinstein ha violentato la donna e ha minacciato di “seguirla” se avesse detto a qualcuno dell'aggressione. La “Sconosciuta 4” è invece stata intrappolata in una suite d’albergo nel 2013, quando aveva 28 anni e partecipava alla Mostra del Cinema di Venezia. Non fidandosi, quella sera aveva portato un’amica, ma Weinstein ha preteso che se andasse costringendola a fare sesso orale. Nella denuncia afferma di non aver mai parlato prima perché temeva Weinstein, capace di mettere fine alla sua carriera se si fosse fatta avanti.

La causa, intentata dall’avvocato Jordan Merson, si conclude con la richiesta di un risarcimento in denaro per le spese mediche e le sofferenze emotive che la quattro donne hanno sopportato. “La Disney era proprietaria della Miramax, che ha pagato risarcimenti a diverse donne vittime degli abusi sessuali di Harvey Weinstein. Sulla base del controllo della Disney sulle finanze della Miramax, la Disney sapeva o avrebbe dovuto sapere di questi pagamenti, che avrebbero dovuto richiedere ulteriori indagini e indagini”. Harvey Weinstein deve ancora rispondere di altre accuse di violenza sessuale davanti ad un tribunale di Los Angeles.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Nell’ennesima richiesta di libertà condizionata, i legali della 59enne britannica denunciano violenze fisiche e mentali a cui sarebbe sottoposta la complice del pedofilo Jeffrey Epstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
Un giudice ha approvato un piano di liquidazione delle tante società dell’ex re Mida di Hollywood che include diversi fondi di liquidazione risarcitori per le sue vittime
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea