Ashley Judd: ho abortito dopo uno stupro

| L’attrice americana, fra le prime ad accusare Weistein, ha raccontato di aver subito tre stupri e di essere rimasta incinta: “Non potevo pensare di diventare madre del figlio del mio violentatore”

+ Miei preferiti
Era l’ottobre del 2017 quando Ashley Judd, insieme alla collega Rose McGowan, denuncia pubblicamente le molestie sessuali e le angherie professionali subite da Harvey Weinstein, il potente produttore hollywoodiano che per vendicarsi dei rifiuti “avrebbe divulgato nell’ambiente del cinema affermazioni false e maliziose per mettere fine alla sua carriera”. Come sia andata è storia recente: una schiera di 93 donne punta il dito contro l’ex re di Hollywood accusandolo di stupro, aggressione, molestie e ricatto. Weinstein sarà chiamato a breve a rispondere davanti alla legge in diversi processi, rischiando una pena ben più pesante dell’espulsione dalle colline della capitale mondiale del cinema.

Da allora la Judd, vero nome Ashley Tyler Ciminella, attrice di origini italiane da parte di padre protagonista di numerosi film di successo, è diventata una voce dei movimenti in difesa delle donne, a cominciare da #MeToo, mentre come tante altre sue colleghe o meno, attende di sapere come finirà la richiesta danni presentata nei confronti di Weinstein.

Proprio in questa nuova veste, Ashley è stata chiamata di recente a partecipare al “Women in the World Summit” di New York, decima edizione di una conferenza che riunisce leader femminili, attiviste e donne il cui coraggio sono riusciti a scuotere le coscienze del mondo intero.

Quando ha preso la parola, Ashley Judd ha voluto parlare del suo passato, usando parole forti e crude che hanno colpito e commosso i presenti, ribalzando poi ovunque. Nel corso della sua carriera, ha dichiarato la Judd, “Sono stata violentata per tre volte, e durante una di queste sono rimasta incinta. Ma ho scelto di abortire e sono grata di averlo potuto fare in maniera sicura: non avrei potuto condividere un figlio con il mio stupratore che per di più avrebbe potuto far valere i suoi diritti di paternità”. Poi, commentando la proposta di legge di vietare l’interruzione di gravidanza appena si sente il battito del feto presentata dallo stato della Georgia, ha ribadito: “La democrazia inizia esattamente sulla nostra pelle: non dovrebbero esserci regole su ciò che si vuole fare con il proprio corpo”.

Sex scandals
Processo Weinstein, la parola alla giuria
Processo Weinstein, la parola alla giuria
Si avvia alla conclusione il processo contro l’ex produttore di Hollywood: i 12 giurati si sono chiusi in camera di consiglio per valutare gli atti di accusa e l’attendibilità delle testimonianze. Consapevoli che sarà una sentenza storica
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea
Dopo Jeffrey Epstein scoppia il caso dell’eccentrico stilista canadese Peter Nygard, anche lui accusato di stupro e violenza da diverse donne
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
“The Legal Rottweiler” parte sempre all’attacco, facendo vacillare le presunte vittime dell’ex produttore alla sbarra a New York. Nella sua carriera 39 assoluzioni su 40 casi di reati sessuali
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Emanuela Postacchini, 29 anni, da anni a Los Angeles, ha raccontato in aula di essere stata attirata in una stanza d’albergo per fare sesso a tre
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Soprusi, abusi, feste esclusive, commenti: dietro le quinte dell’olimpo delle top model si celavano i comportamenti di due altissimi dirigenti
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Una delle donne che accusa l’ex produttore di stupro racconta ai giudici la scena della violenza. Ma poi aggiunge di aver avuto una relazione con lui
Processo Weinstein, la testimonianza di altre 2 vittime
Processo Weinstein, la testimonianza di altre 2 vittime
Un’ex costumista che sognava di recitare e un’aspirante modella sono passate dalle grinfie dell’ex produttore. Ad una ho proposto sesso a tre per fare carriera: “Charlize Theron e Selma Hayek hanno fatto così”
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare
L’accusa nel corso di una conferenza stampa del procuratore di New York: “Abbiamo richiesto più volte di poter interrogare il duca di York, ma non abbiamo avuto risposta”
Annabella Sciorra: il racconto dello stupro di Weinstein
Annabella Sciorra: il racconto dello stupro di Weinstein
La prima testimone nel processo contro l’ex produttore di Hollywood racconta i dettagli della violenza subita anni prima. E la difesa va all’attacco