Foto sexy su Instagram, autogol di Neymar

| Per dimostrare la tesi di un rapporto consensuale, aveva pubblicato sui social le immagini e i post della presunta vittima di stupro. Rischia una condanna per "crimine informatico". Perizia sulla ragazza. Polizia nel ritiro

+ Miei preferiti

Autogol di Neymar: la pubblicazione di immagini della ragazza che avrebbe stuprato in un albergo di Parigi il 15 maggio scorso sui suoi profili sociale per avvalorare l’ipotesi di un rapporto consenziente, e di una trappola estorsiva, compresi i messaggi in chat, rischiano di costargli un’altra denuncia per diffusione di immagini non autorizzate crimine informatico, con il rischio di una condanna da 1 a 5 anni di carcere. La polizia federale ha fatto un blitz nel ritiro della nazionale carioca per sentire il giocatore.La ragazza ha allegato alla denuncia una serie di certificati medici su ecchimesi, lividi e altre lesioni. Poi vive in uno stato d’ansia e ha perso pesa a causa dello stress dopo il week end nella capitale francese a spese del giocatore del PSG. si sarebbe sottoposta nei giorni scorsi: l'esame parla di ematomi sul corpo della donna, di perdita di peso, ansietà e di problemi gastrici post-stress. La tesi di un rapporto consensuale sembra contraddirsi con la lunga denuncia della presunta vittima, agganciata su Instagram e invitata, a spese di Neymar, a Parigi per un incontro. Si sarebbe presentato ubriaco e dopo “le carezze iniziali”, le avrebbe imposto un rapporto sessuale con la violenza.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
La procura distrettuale di Los Angeles sta avviando le procedure per l’estradizione dell’ex produttore, che deve rispondere di uno stupro avvenuto a Beverly Hills nel 2010
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Decine di giovani donne sarebbero state costrette alla schiavitù sessuale su un’app di messaggistica criptata. Arrestato l’uomo che gestiva un traffico in cui fra le vittime ci sono molte minorenni
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
L’ex socialite britannica, complice del miliardario pedofilo, ha avviato una causa affermando che Epstein le aveva assicurato il proprio appoggio economico
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Dopo la lettura della sentenza, l’ex produttore ha chiesto la parole rivolgendosi alle sue accusatrici. Lo attende un altro processo per stupro e tentata violenza Los Angeles
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Secondo i giudici americani, il duca di York avrebbe escluso ogni possibilità di deporre davanti all’FBI. La giustizia statunitense “valuta altre opzioni”
La vita del detenuto Harvey Weinstein
La vita del detenuto Harvey Weinstein
Dai reda carpet più prestigiosi al più sinistro carcere d’America: l’ex produttore attende di conoscere gli anni che dovrà scontare fra appelli dei suoi avvocati e infermerie
Timothy Hutton accusato di stupro
Timothy Hutton accusato di stupro
Secondo una donna oggi 50enne, l’attore l’avrebbe violentata in un hotel di Vancouver. Lui respinge ogni accusa e spiega di essere tormentato dalle richieste di denaro e minacce della donna
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
L’impero del finanziere pedofilo comprendeva 15 società a responsabilità limitata e 10 spa, due isole caraibiche, diverse residenze e numerose auto di lusso, per un totale di 636 milioni di dollari
USA: la giustizia punta Peter Nygard
USA: la giustizia punta Peter Nygard
È il nuovo nome nello scandalo dei ricchi che approfittano di ragazzine minorenni. Sul conto dello stilista canadese non c’è ancora alcuna accusa formale, ma l’FBI ha fatto irruzione nei suoi uffici