Foto sexy su Instagram, autogol di Neymar

| Per dimostrare la tesi di un rapporto consensuale, aveva pubblicato sui social le immagini e i post della presunta vittima di stupro. Rischia una condanna per "crimine informatico". Perizia sulla ragazza. Polizia nel ritiro

+ Miei preferiti

Autogol di Neymar: la pubblicazione di immagini della ragazza che avrebbe stuprato in un albergo di Parigi il 15 maggio scorso sui suoi profili sociale per avvalorare l’ipotesi di un rapporto consenziente, e di una trappola estorsiva, compresi i messaggi in chat, rischiano di costargli un’altra denuncia per diffusione di immagini non autorizzate crimine informatico, con il rischio di una condanna da 1 a 5 anni di carcere. La polizia federale ha fatto un blitz nel ritiro della nazionale carioca per sentire il giocatore.La ragazza ha allegato alla denuncia una serie di certificati medici su ecchimesi, lividi e altre lesioni. Poi vive in uno stato d’ansia e ha perso pesa a causa dello stress dopo il week end nella capitale francese a spese del giocatore del PSG. si sarebbe sottoposta nei giorni scorsi: l'esame parla di ematomi sul corpo della donna, di perdita di peso, ansietà e di problemi gastrici post-stress. La tesi di un rapporto consensuale sembra contraddirsi con la lunga denuncia della presunta vittima, agganciata su Instagram e invitata, a spese di Neymar, a Parigi per un incontro. Si sarebbe presentato ubriaco e dopo “le carezze iniziali”, le avrebbe imposto un rapporto sessuale con la violenza.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”
Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”
Nella denuncia appena presentata, l’ennesima vittima del miliardario pedofilo racconta un incontro con l’allora tycoon: “Sorridevano complici, erano amici”
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le due isole caraibiche in cui per anni il miliardario ha ospitato, rinchiuso e violentato centinaia di ragazzine, sono entrate nel mirino dell’arcipelago americano
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
La supermodella potrebbe comparire fra i 120 giurati che decideranno le sorti dell’ex produttore di Hollywood accusato di stupro
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Chauntae Davies, una giovane reclutata da Ghislaine Maxwell, nel 2002 ha partecipato ad un viaggio in Africa in cui erano presenti Kevin Spacey e l’ex presidente Clinton, definito “un vero gentiluomo”
The Harvey Weinstein show
The Harvey Weinstein show
L’ex produttore hollywoodiano è arrivato in tribunale con il deambulatore: rischia l’ergastolo. A scaldare la folla in attesa ci ha pensato Rose McGowan, una delle sue prime accusatrici
Harvey Weinstein si prepara al processo
Harvey Weinstein si prepara al processo
A poche ore dall’inizio delle udienze in cui dovrà rispondere di due stupri, l’ex produttore si è confidato con la CNN
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
La complice del miliardario pedofilo Jeffrey Epstein vivrebbe spostandosi di continuo, sotto la protezione delle intelligence di potenze straniere per via dei tanti i segreti pericolosi di cui è conoscenza
La cugina Christina, l’ultimo imbarazzo della Royal Family
La cugina Christina, l’ultimo imbarazzo della Royal Family
Cugina di secondo grado di Andrea e scrittrice di successo, Christina Oxemberg sta raccontando a puntate che Epstein e la Maxwell lo consideravano “un povero idiota”. Pesanti rivelazioni anche sulla sua famiglia
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein
Ex modella polacca, faceva parte della class action con cui gli avvocati del produttore avevano raggiunto un accordo. Ma lei si è staccata presentando denuncia di stupro da sola: “Mi ha rovinato la vita”