Bannon VS Trump: il Russiagate si complica

| Si intitola “Fire and Fury: inside the Trump White House”, il libro anticipato dal quotidiano “Tha Guardian” in cui l’ex chief strategist accusa il presidente di incontri sovversivi e antipatriottici

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Grandezza dei pulsanti nucleari a parte, l’anno di Donald inizia decisamente in salita. Questa volta, ad insinuarsi nel già poderoso fascicolo sul “Russiagate” è un nome che fa (e farà ancora) molto rumore: Steve Bannon. Nientemento il suo ex chief stategist, uomo di punta della prima ora, giornalista e politico con idee dichiaratamente di ultradestra, rimasto al fianco di “The Donald” dal 20 gennaio al 18 agosto dello scorso anno, quando fu estromesso si dice dopo le pressioni di Ivanka Trump, la figlia prediletta e più ascoltata.

Ma la vendetta, anche nel neonato 2018, è un piatto da consumare freddo, dopo una discreta permanenza in frigorifero. L’occasione giusta è un libro che fa segnare il tutto esaurito prima ancora di arrivare nelle librerie: “Fire and Fury: inside the Trump White House”. Uno sguardo molto ravvicinato sul primo anno presidenziale di Donald, ma senza neanche scordarsi le bizze del resto della famiglia presidenziale, anticipato con abbondanza di dettagli dal quotidiano “The Guardian”. A firmare quello che sarà uno dei libri destinati a restare fra i più scottanti dell’anno appena iniziato è il giornalista Michael Wolff, che ha raccolto e ordinato i ricordi di Bannon, a cominciare da quelli più scottanti e delicati, in grado di riaccendere i riflettori sul “Russiagate” dopo il tentativo, peraltro riuscito, di distrarre l’opinione pubblica americana con la drastica riduzione delle tasse.

In particolare, a finire sotto la lente è un incontro avvenuto nel chiuso della “Trump Tower”, il quartier generale newyorkese del tycoon, fra Donald Junior, il marito di Ivanka e un non meglio precisato gruppo di alti funzionari di Mosca, alla ricerca di notizie con cui danneggiare Hillary Clinton, rivale nella corsa alla Casa Bianca. Incontri definiti senza mezzi termini “sovversivi” e “antipatriottici”.

E non finisce qui, perché grazie ad un lavoro certosino di raccolta e catalogazione di oltre 200 interviste, Wolff svela anche alcuni retroscena inediti, come le lacrime - “non di gioia” - di Melania, la first lady in carica, scese durante la lunga notte della vittoria di Donald. Il meglio però, Bannon lo riserva a Ivanka e il marito Jared Kushner, definiti poco gentilmente la coppia “Jaranka”, e verso lo stesso Donald, che accusa di affrontare con indifferenza le vicende del Russiagate, “Come uno che sta sulla spiaggia aspettando l’impatto di un uragano di categoria 5”. Lapidaria la conclusione di Bannon riportata nel libro: “Quelle indagini schiacceranno Donald junior come un uovo”.

Immediata la risposta della Casa Bianca, che liquida le parole di Bannon con “Tante falsità”, a cui si è aggiunto il solito tweet di Trump: “Quando è stato licenziato, non solo ha perso il lavoro, ma anche la testa: era un impiegato che ha passato il poco tempo alla Casa Bianca provocando soltanto false fughe di notizie”. Per tutta risposta, Trump ha anche sciolto la commissione incaricata di far luce sulle presunte frodi elettorali durante le elezioni del 2016, quelle che hanno visto Hillary uscire sconfitta malgrado un vantaggio di oltre tre milioni di voti. Mentre dalla Casa Bianca partiva lettera di diffida indirizzata a Bannon, accusato di aver violato un accordo di non divulgazione, svelando “informazioni confidenziali e in alcuni casi diffamatorie” sul presidente e i membri della sua famiglia.

Articoli correlati
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Decine di giovani donne sarebbero state costrette alla schiavitù sessuale su un’app di messaggistica criptata. Arrestato l’uomo che gestiva un traffico in cui fra le vittime ci sono molte minorenni
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
L’ex socialite britannica, complice del miliardario pedofilo, ha avviato una causa affermando che Epstein le aveva assicurato il proprio appoggio economico
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Dopo la lettura della sentenza, l’ex produttore ha chiesto la parole rivolgendosi alle sue accusatrici. Lo attende un altro processo per stupro e tentata violenza Los Angeles
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Secondo i giudici americani, il duca di York avrebbe escluso ogni possibilità di deporre davanti all’FBI. La giustizia statunitense “valuta altre opzioni”
La vita del detenuto Harvey Weinstein
La vita del detenuto Harvey Weinstein
Dai reda carpet più prestigiosi al più sinistro carcere d’America: l’ex produttore attende di conoscere gli anni che dovrà scontare fra appelli dei suoi avvocati e infermerie
Timothy Hutton accusato di stupro
Timothy Hutton accusato di stupro
Secondo una donna oggi 50enne, l’attore l’avrebbe violentata in un hotel di Vancouver. Lui respinge ogni accusa e spiega di essere tormentato dalle richieste di denaro e minacce della donna
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
L’impero del finanziere pedofilo comprendeva 15 società a responsabilità limitata e 10 spa, due isole caraibiche, diverse residenze e numerose auto di lusso, per un totale di 636 milioni di dollari
USA: la giustizia punta Peter Nygard
USA: la giustizia punta Peter Nygard
È il nuovo nome nello scandalo dei ricchi che approfittano di ragazzine minorenni. Sul conto dello stilista canadese non c’è ancora alcuna accusa formale, ma l’FBI ha fatto irruzione nei suoi uffici
Harvey Weinstein condannato
Harvey Weinstein condannato
La giuria del tribunale di New York ha condannato l’ex produttore per violenza sessuale di primo e terzo grado: rischia fino a 25 anni di galera. Assolto dai reati più gravi. A breve l’inizio di un nuovo processo in California