Caso Epstein: è l’ora del principe Andrea

| Un video svelato dal Daily Mail mostra il secondogenito di Elisabetta all’uscita dell’appartamento newyorkese del multimiliardario pedofilo

+ Miei preferiti
A Buckingham Palace, almeno all’apparenza, non si sono scomposti: la notizia circolata da settimane dell’amicizia che legava Jeffrey Epstein, il multimiliardario pedofilo morto suicida in carcere, e il principe Andrew, secondogenito della Regina Elisabetta nonché fratello di Carlo, è stata bollata come del tutto infondata, e comunque “si parla di questioni su cui il principe non sarà tenuto a testimoniare”.

Ma adesso, a Londra l’imbarazzo diventa notevole: l’edizione domenicale del “Daily Mail” ha appena pubblicato in esclusiva un video in cui si vede il principe all’ingresso della residenza newyorkese di Epstein in compagnia di una giovane donna. Le immagini, riferisce il quotidiano, risalgono al 6 dicembre 2010, la stessa data in cui il principe era stato ripreso al Central Park in compagnia del multimiliardario.

Il principe Andrea era già stato chiamato in causa da Virginia Roberts Giuffre, la principale accusatrice di Epstein, che aveva svelato di essere stata costretta ad andare a letto anche il con il principe. Non è ancora chiaro se Buckingham Palace replicherà alla diffusione delle immagini video, mentre il principe Andrea è in vacanza in Spagna in compagnia dell’ex moglie Sarah Ferguson, con cui si continua a parlare di un possibile nuovo matrimonio.

Sex scandals
USA: la giustizia punta Peter Nygard
USA: la giustizia punta Peter Nygard
È il nuovo nome nello scandalo dei ricchi che approfittano di ragazzine minorenni. Sul conto dello stilista canadese non c’è ancora alcuna accusa formale, ma l’FBI ha fatto irruzione nei suoi uffici
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Harvey Weinstein condannato
Harvey Weinstein condannato
La giuria del tribunale di New York ha condannato l’ex produttore per violenza sessuale di primo e terzo grado: rischia fino a 25 anni di galera. Assolto dai reati più gravi. A breve l’inizio di un nuovo processo in California
Caso Epstein, la testimone che 10 anni fa poteva fermarlo
Caso Epstein, la testimone che 10 anni fa poteva fermarlo
Non è stata mai ascoltata dalle autorità giudiziarie, perché attraverso i suoi legali il finanziere era riuscito a stipulare un accordo, giocando con appelli e contestazioni per rimandare ogni cosa
Processo Weinstein, la parola alla giuria
Processo Weinstein, la parola alla giuria
Si avvia alla conclusione il processo contro l’ex produttore di Hollywood: i 12 giurati si sono chiusi in camera di consiglio per valutare gli atti di accusa e l’attendibilità delle testimonianze. Consapevoli che sarà una sentenza storica
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea
Dopo Jeffrey Epstein scoppia il caso dell’eccentrico stilista canadese Peter Nygard, anche lui accusato di stupro e violenza da diverse donne
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
“The Legal Rottweiler” parte sempre all’attacco, facendo vacillare le presunte vittime dell’ex produttore alla sbarra a New York. Nella sua carriera 39 assoluzioni su 40 casi di reati sessuali
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Emanuela Postacchini, 29 anni, da anni a Los Angeles, ha raccontato in aula di essere stata attirata in una stanza d’albergo per fare sesso a tre
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Soprusi, abusi, feste esclusive, commenti: dietro le quinte dell’olimpo delle top model si celavano i comportamenti di due altissimi dirigenti
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Una delle donne che accusa l’ex produttore di stupro racconta ai giudici la scena della violenza. Ma poi aggiunge di aver avuto una relazione con lui