Caso Weinstein, il processo entra nel vivo

| Definito un “predatore sessuale e stupratore”, l’ex produttore di Hollywood alla sbarra per rispondere di due violenze sessuali. Non ammesse alcune email presentate dalla difesa

+ Miei preferiti
Il copione è sempre lo stesso: Harvey Weinstein si presenta in tribunale camminando a fatica, fra due ali di folla da cui partono fischi e qualche insulto. Nulla che impedisca alla corte di entrare nel vivo del processo più atteso dell’anno, quello che vede alla sbarra l’ex produttore di Hollywood, accusato di essere stato uno stupratore seriale.

Il vice procuratore distrettuale di New York non fa sconti: “Nel corso del dibattimento vedrete che quell’uomo seduto in un lato dell’aula, nonostante le apparenze non è un anziani inoffensivo, ma un predatore sessuale e stupratore”.

Ad accusarlo una schiera di 80 donne formata da attrici ed ex dipendenti delle società di Weinstein. La difesa ha subito tentato di giocare la carta a sorpresa, assicurando di essere in possesso di diverse “email affettuose” scambiate fra l’ex produttore e le sue vittime, “che a breve saranno in aula per accusarlo”. Alcune, afferma l’avvocato Damon Cheronis, “si vantavano di avere una relazione sessuale con lui”. A gelare l’attacco a sorpresa ci ha pensato il giudice James Burke, che ha impedito alla difesa l’uso delle email, permettendo solo di fare riferimento generico alla “sostanza e al loro contenuto”. È la seconda sconfitta della difesa di Weinstein, dopo il fallito tentativo di spostare la sede del dibattimento da New York ad un’altra sede, dove secondo gli avvocati dell’ex produttore l’impatto mediatico ha trasformato il caso “in un carnevale”.

In compenso, a giudicare l’ex re mida di Hollywood nelle sei settimane previste del processo sarà una giuria sulla carta non così ostile, formata per metà da maschi bianchi, un solo uomo di colore e cinque donne.

Weinstein deve rispondere dello stupro di una donna avvenuto in una stanza d’albergo di New York nel 2013 e di aver costretto un’altra donna ad atti sessuali nel 2006. Accuse pesanti, che potrebbe valergli una condanna all’ergastolo. Lui ha ribadito che in entrambi i casi si trattava di rapporti consensuali. Nel corso dell’udienza è stata resa nota l’identità di una delle due che lo accusano: Jessica Mann, aspirante attrice finita nella rete dell’allora potente padrone della “Miramax”.

Quello ad Harvey Weinstein è il secondo processo dell’era #MeToo dopo quello dell’attore Bill Cosby, condannato per stupro nel 2018.

Galleria fotografica
Caso Weinstein, il processo entra nel vivo - immagine 1
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
Alexandra Zarini, 35 anni, accusa il patrigno Joseph Ruffalo di averla violentata per anni, coperto dalla madre e dalla nonna, che sapevano tutto ma le chiedevano il silenzio per evitare uno scandalo
Quel che resta del «Lolita Express»
Quel che resta del «Lolita Express»
Un quotidiano inglese è riuscito a salire a bordo dell’aereo che Jeffrey Epstein utilizzava per portare amici Vip e ragazzine nelle sue residenze. Giace in completo abbandono in una pista di un aeroporto della Georgia
La foto che imbarazza Clinton
La foto che imbarazza Clinton
Non prova altro che la sua presenza, ma è apparsa poco prima dell’intervento dell’ex presidente alla convention dem, gettando l’imbarazzo generale
Caso Epstein, violentata a 11 anni
Caso Epstein, violentata a 11 anni
È la nuova testimonianza che si aggiunge alle donne che accusano il miliardario pedofilo e la sua complice Ghislaine Maxwell
I legali di Ghislaine Maxwell: è una detenzione troppo opprimente
I legali di Ghislaine Maxwell: è una detenzione troppo opprimente
La squadra di avvocati che difende l’ex socia-amante di Jeffrey Epstein chiede il regime di carcerazione normalmente concesso ai detenuti in attesa di processo. L’ex socialite è sorvegliata 24 ore su 24
Ghislaine Maxwell voleva reclutare Paris Hilton
Ghislaine Maxwell voleva reclutare Paris Hilton
Colpita dall’avvenenza e dalla scioltezza dell’ereditiera, la maitresse di Epstein le aveva messo gli occhi addosso
La nipote di Churchill fra gli ospiti di Epstein
La nipote di Churchill fra gli ospiti di Epstein
Il nome di Silvia Hambro, ex damigella di Lady Diana, spunta fra gli ospiti del magnate pedofilo. Ma le si affretta a precisare: “Era solo lavoro, non ho visto nulla e nessuno mi ha molestata”
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Dalle deposizioni di Virginia Roberts, su cui è stato tolto il segreto, spuntano nomi eccellenti delle amicizie del miliardario, tutti resi ricattabili grazie al sesso
Anche Ghislaine organizzava orge con ragazzine
Anche Ghislaine organizzava orge con ragazzine
Una parte dei documenti desecretati da un giudice getta nuove inquietanti ombre sulla figura della Maxwell, finora considerata la “maitresse” di Epstein e in realtà altrettanto attiva negli abusi sessuali