"E' un'estorsione, lei era consenziente"

| Il calciatore si difende. Il padre: "Un avvocato ha tentato di estorcere soldi, lo abbiamo respinto". Prima il contatto sui social, poi le ha pagato viaggio e albergo per un incontro: "Era ubriaco, mi ha violentato"

+ Miei preferiti

Dopo Cristiano ronaldo, anche il top player brasiliano Neymar è stato accusato di stupro da una donna che, venerdì scorso, a Santo Amaro, distretto di San Paolo, lo ha denunciato alla polizia. Il padre dell'attaccante, Neymar Silva Santos, in un'intervista con "Brasil Urgente", della TV Bandeirantes, ha difeso suo figlio. Ha confermato che il figlio ha incontrato la giovane donna a Parigi, il 15 maggio, ma ha detto che la relazione tra i due era consenziente. Il padre del giocatore ha anche detto di aver ricevuto un avvocato che ha detto di rappresentare la donna. Il giocatore del PSG ha diffuso un video sul suo profilo FB in cui accusa la giovane di un tentativo di estorsione. L’aveva conosciuta su Instagram, poi l’ava invitata a Parigi pagandole i biglietti aerei e la permanenza in albergo. 

La famiglia Neymar aveva respinto le richieste dell’avvocato: “Ci siamo incontrati nella nostra proprietà a San Paolo, davanti a tre testimoni. Non sapevamo cosa fosse successo. Quando hanno detto di cosa si trattava, li abbiamo avvertiti che non accettiamo l'estorsione. Ho tutto documentato. Stavamo già aspettando la denuncia. Quando abbiamo subito l'estorsione, già attendevamo la denuncia", ha detto Neymar padre.

Il padre di Neymar ha detto di non aver registrato le conversazioni con l'avvocato della donna che accusa suo figlio di stupro. Poi:” Abbiamo scattato delle foto, abbiamo immagini di loro che prendono un appuntamento con Whatsapp per incontrarmi. Ho chiesto loro di andare nella nostra proprietà a San Paolo. Ho messo tre testimoni. Non conoscevamo i motivi (dell'incontro), che avrebbero dovuto dimostrarlo. I nostri avvocati hanno detto che non c'era un accordo. Non abbiamo accettato estorsioni. Il padre di Neymar ha persino dichiarato di avere le prove che suo figlio è vittima di "una trappola".

Secondo il documento, registrato presso la stazione di polizia per la difesa delle donne di Santo Amaro (6° MDD), il crimine si sarebbe verificato il 15 maggio, a Parigi. La possibile vittima e Neymar avrebbero incontrato Instagram e si sarebbero incontrati nella capitale francese. Per questo, un consulente di Neymar, identificato come "Gallo", avrebbe comprato i biglietti e prenotato i biglietti al Sofitel Paris Arc Du Tromphe, dove si sarebbe verificato il crimine.

Il rapporto dice che Neymar è arrivato in albergo verso le otto di sera, ubriaco. Dopo momenti di scambio di carezze, Neymar sarebbe diventato aggressivo e avrebbe praticato rapporti sessuali contro la volontà della ragazza, che due giorni dopo sarebbe tornata in Brasile senza più vederlo.

Secondo la denuncia, la donna "è stata emotivamente scossa e ha avuto paura di denunciare quanto accaduto in un altro paese, decidendo di agire una volta rientrata a casa. La polizia ha già raccolto conversazioni tra la giovane donna e Neymar sui social network e ora attende l'esito dell’esame medico."C'è stata una denuncia presentata dalla vittima al 6° DDM (Delegacia de Defesa da Mulher). L'indagine di polizia rimane confidenziale", ha detto il Segretariato di Pubblica Sicurezza di San Paolo, in una dichiarazione ufficiale.

 
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Annabella Sciorra: il racconto dello stupro di Weinstein
Annabella Sciorra: il racconto dello stupro di Weinstein
La prima testimone nel processo contro l’ex produttore di Hollywood racconta i dettagli della violenza subita anni prima. E la difesa va all’attacco
Caso Weinstein, il processo entra nel vivo
Caso Weinstein, il processo entra nel vivo
Definito un “predatore sessuale e stupratore”, l’ex produttore di Hollywood alla sbarra per rispondere di due violenze sessuali. Non ammesse alcune email presentate dalla difesa
Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”
Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”
Nella denuncia appena presentata, l’ennesima vittima del miliardario pedofilo racconta un incontro con l’allora tycoon: “Sorridevano complici, erano amici”
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le due isole caraibiche in cui per anni il miliardario ha ospitato, rinchiuso e violentato centinaia di ragazzine, sono entrate nel mirino dell’arcipelago americano
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
La supermodella potrebbe comparire fra i 120 giurati che decideranno le sorti dell’ex produttore di Hollywood accusato di stupro
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Chauntae Davies, una giovane reclutata da Ghislaine Maxwell, nel 2002 ha partecipato ad un viaggio in Africa in cui erano presenti Kevin Spacey e l’ex presidente Clinton, definito “un vero gentiluomo”
The Harvey Weinstein show
The Harvey Weinstein show
L’ex produttore hollywoodiano è arrivato in tribunale con il deambulatore: rischia l’ergastolo. A scaldare la folla in attesa ci ha pensato Rose McGowan, una delle sue prime accusatrici
Harvey Weinstein si prepara al processo
Harvey Weinstein si prepara al processo
A poche ore dall’inizio delle udienze in cui dovrà rispondere di due stupri, l’ex produttore si è confidato con la CNN
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
La complice del miliardario pedofilo Jeffrey Epstein vivrebbe spostandosi di continuo, sotto la protezione delle intelligence di potenze straniere per via dei tanti i segreti pericolosi di cui è conoscenza