Chi ha paura di Lady Ghislaine Maxwell?

| L'ex amante del suicida Jeffrey Epstein è sparita da mesi ma alcune ex "sex slave" l'hanno denunciata, accusandola di essere lei la reclutartice di minorenni. Avvistata in un ristorante di Los Angeles

+ Miei preferiti

Dopo l'apparente suicidio di Jeffrey Epstein in una prigione di New York City, l'attenzione si è spostata verso la sua presunta complice, l'altolocata britannica Ghislaine Maxwell, ex amante del finanziere finito sotto accusa per pedofilia. Di tutte le domande che il suo coinvolgimento con Epstein hanno sollevato, una è particolarmente pressante per gli investigatori: dove si trova? "In questo momento, tutto dipende da Maxwell", ha detto Ambrosio Rodriguez, un avvocato della difesa ed ex procuratore per crimini sessuali. "Il pubblico potrebbe non sapere dove si trova, ma posso garantirvi che l'FBI sa esattamente dov'è". Però è stata fotografata, con un amica, in un ristorante di Los Angeles.

Mercoledì scorso, una delle accusatrici di Epstein ha intentato una causa contro Maxwell, 57 anni, stella del jet set internazionale, sostenendo che guidava il pool del personale domestico del finanziere "per rendere possibile e facilitare l'abuso sessuale e lo stupro": l'aveva fatto anche con quando lei, nel 2002, aveva solo 15 anni.

Nel 2016 è stata citata in giudizio per diffamazione da una delle presunte vittime di Epstein, Virginia Giuffre, per aver invocato accuse contro le sue "ovvie menzogne". Il caso è stato risolto in via extragiudiziale per una somma non rivelata. La Giuffre aveva detto di essere stata avvicinata a 15 anni dalla signora Maxwell e costretta a fare sesso con Epstein e diversi uomini potenti, che hanno tutti negato le accuse.

L'accusa si rivolge alla donna che alimentava i capricci di Epstein con almeno tre ragazze al giorno.

Da allora Ghislaine Maxwell si è praticamente ritirata dalla scena pubblica. Due anni fa viveva a Londra, senza indirizzo fisso, come hanno precisato i suoi avvocati a un giudice nel 2017. Questa settimana Vanity Fair ha scritto di alcune voci secondo cui ha vissuto in Florida e a Londra, mentre il Daily Mail ha rivelato che stava soggiornando in una proprietà di fronte all'oceano nel Massachusetts con il suo presunto fidanzato, il manager Scott Borgerson che ha immediatamente negato tali rapporti, minacciando querele. Un amico della donna ha raccontato al Daily Beast che pensavano tutti fosse in Francia, mentre il New York Post ha pubblicato una foto in un fast-food scattata a Los Angeles, ma non è chiara la data. Se Maxwell o altri presunti complici vivevano all'estero, gli esperti hanno detto che la prossima è la loro estradizione negli Stati Uniti, nel caso in cui fossero accusata di reato penale. "I pubblici ministeri federali sono molto abituati a trattare il problema di un imputato che non si trova nel paese", ha detto Deborah Tuerkheimer, un ex assistente procuratore distrettuale di Manhattan. "In un caso di tale importanza, e quando c'è così tanto in gioco, non sarebbe affatto sorprendente per i pubblici ministeri federali fare tutto ciò che è in loro potere per assicurare la presenza di un presunto complice".

Tuttavia i problemi legali della signora Maxwell stanno aumentando sulla scia della morte di Epstein.

"Oggi è il mio primo passo verso la vera libertà", ha detto Jennifer Araoz, una delle tante vittime, dopo aver intentato una causa contro la signora Maxwell, il patrimonio di Epstein e tre dipendenti donne senza nome. "Jeffrey Epstein e la sua rete di abilitatori mi hanno derubato della mia giovinezza, della mia identità, della mia innocenza, della mia autostima. Per troppo tempo sono sfuggiti alla responsabilità. Sono qui oggi perché voglio cambiare questa situazione". L'avvocato della Araoz, Dan Kaiser, ha descritto coloro che circondavano Epstein come "complici", raccontando alla NBC News: "Gli adulti sono tutti colpevoli. Hanno condiviso tra loro connessioni e risorse per tenere nascosti questi crimini”. In una dichiarazione, il procuratore di Manhattan, Geoffrey Berman, ha descritto l'apparente suicidio come "un altro ostacolo per dare alle molte vittime di Epstein giustizia in tribunale”, ma ha aggiunto, "La nostra indagine rimane in corso". Ci saranno altri imputati, molti altri: questo è certo.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea
«A Weinstein resta poco da vivere»
«A Weinstein resta poco da vivere»
Gli avvocati dell’ex magnate hanno presentato un’istanza di scarcerazione su cauzione per gravissimi motivi di salute. Ma il giudice l’ha rigettata: non sta così male e se uscisse potrebbe sparire per sempre
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Un giornalista americano è riuscito a entrare in possesso di una copia della celebre agenda del miliardario pedofilo e ha chiamato tutti numeri, facendo oltre 2.000 telefonate