Harvey Weinstein condannato a 23 anni

| Dopo la lettura della sentenza, l’ex produttore ha chiesto la parole rivolgendosi alle sue accusatrici. Lo attende un altro processo per stupro e tentata violenza Los Angeles

+ Miei preferiti
Harvey Weinstein è stato condannato a 23 anni di carcere dal tribunale di New York: è la parola fine ad uno scandalo che ha scoperchiato vecchie e care abitudini di Hollywood, e favorito la nascita di movimenti come #MeToo, che a sua volta incoraggiato le donne di tutto il mondo a dire basta agli abusi sessuali.

“Provo rimorso per questa situazione - ha detto l’ex produttore di Hollywood rivolgendosi alla corte poco prima della lettura della sentenza - lo dico dal profondo nel mio cuore. Passerò il tempo a prendermi cura di me stesso e a cercare di essere una persona migliore. Ma non dirò mai che chi mi accusa sono persone in malafede, perché con loro ho passato momenti meravigliosi”.

Quando la sentenza è stata letta, Weinstein è stato portato fuori dall’aula con un viso attonito, mentre le sue accusatrici scoppiavano a piangere sedute nelle prime file. I leader del movimento #MeToo hanno elogiato la condanna, al contrario dell’avvocato difensore di Weinstein, Donna Rotunno, che l’ha definita “oscena, odiosa e vile”.

Weinstein, 67 anni, è arrivato all’udienza in sedia a rotelle e manette, sapendo che rischiava da 5 a 29 anni di galera. Il giudice James Burke lo ha condannato a 20 anni di prigione per un atto sessuale criminale di primo grado e a tre anni di prigione per stupro di terzo grado. Le sentenze saranno eseguite consecutivamente ed entrambe prevedono cinque anni di sorveglianza dopo il rilascio.

Le accuse si basano sulla testimonianza di Miriam Haley e Jessica Mann, entrambe presenti in aula. “Se Harvey Weinstein non fosse stato condannato, sarebbe successo ancora e poi ancora - ha commentato la Haley - sono sollevata perché ha scoperto di non essere al di sopra della legge, e soprattutto che ci siano donne là fuori che da oggi sono più sicure, perché lui non c’è”. Miriam Mann ha un “sogno”: “Sapere esattamente dove si trova Weinstein in ogni momento: dodici persone hanno giudicato Harvey colpevole di avermi stuprato. Non è un compito facile”.

Nessuno si aspettava che Weinstein chiedesse di poter fare una dichiarazione spontanea: in genere, gli imputati che intendono appellarsi a un verdetto di colpevolezza o che devono affrontare altre accuse non parlano al momento della sentenza perché ciò che dicono può essere usato contro di loro.

Weinstein, che non ha voluto testimoniare durante il processo, ha parlato per circa 20 minuti, malgrado uno dei suoi avvocati difensori, Arthur Aidala, gli abbia chiesto più volte di smettere. L’ex produttore ha ribadito di aver sempre considerato consensuali le relazioni con le donne che lo hanno accusato, lamentandosi anche di come le accuse abbiano rovinato la sua vita personale: “Non vedo i miei tre figli dal giorno in cui è uscito l’articolo del New York Times - ha detto riferendosi all’inchiesta dell’ottobre 2017 che ha scatenato l’ondata di accuse  - non li ho più visti e non ho idea di cosa stiano facendo. Questo, per me, è il vero inferno sulla Terra”. Weinstein ha proseguito, dicendosi preoccupato per l’America e per il diritto di chiunque ad avere un giusto processo, ha anche detto al giudice che avrebbe voluto testimoniare durante il processo, ma i suoi avvocati l’hanno vivamente sconsigliato.

All’uscita dal tribunale, l’avvocato Rotunno ha commentato: “Weinstein è rimasto estremamente colpito dalla durezza della sentenza, ma sono contenta che abbia parlato, perché è rimasto in silenzio per anni: aveva bisogno di farlo”.

Dopo la condanna e in attesa della sentenza, Weinstein ha avuto diversi problemi di salute: la settimana scorsa ha subito un intervento al cuore, durante il quale i medici gli hanno inserito uno stent, e domenica è caduto mentre si trovava nel carcere di Rikers Island. Nei giorni scorsi, il team difensivo ha ricordato in diverse interviste che “Da tempo, mister Weinstein non può uscire di casa senza essere insultato e ha perso ogni mezzo per guadagnarsi da vivere: in parole povere, la sua caduta in disgrazia è di portata storica, forse ineguagliabile nell’era dei social media”.

Weinstein deve ancora affrontare altre accuse di stupro, copulazione orale forzata, penetrazione con l’uso della forza e aggressione sessuale a Los Angeles. Secondo i procuratori avrebbe stuprato una donna e aggredito sessualmente un’altra in occasioni diverse nel giro di due giorni nel febbraio 2013.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
Un giudice ha approvato un piano di liquidazione delle tante società dell’ex re Mida di Hollywood che include diversi fondi di liquidazione risarcitori per le sue vittime
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea
«A Weinstein resta poco da vivere»
«A Weinstein resta poco da vivere»
Gli avvocati dell’ex magnate hanno presentato un’istanza di scarcerazione su cauzione per gravissimi motivi di salute. Ma il giudice l’ha rigettata: non sta così male e se uscisse potrebbe sparire per sempre