Harvey Weinstein si prepara al processo

| A poche ore dall’inizio delle udienze in cui dovrà rispondere di due stupri, l’ex produttore si è confidato con la CNN

+ Miei preferiti
A poche ore dall’inizio del processo penale che potrebbe aprirgli le porte della galera per i prossimi decenni, l’ex produttore Harvey Weinstein ha accettato di rispondere ad alcune domande della CNN. “Gli ultimi due anni sono stati estenuanti e mi hanno offerto una grande opportunità di riflettere: ora mi rendo conto che ero consumato dal lavoro, dalla mia azienda e dalla brama di successo. Questo mi ha portato a trascurare la mia famiglia e le relazioni interpersonali, facendo pagare un duro prezzo alle persone che mi circondavano. Sono in riabilitazione dall’ottobre del 2017, sto affrontando un programma diviso in 12 fasi e ho anche imparato l’arte della meditazione, rinunciando al mio bisogno di controllo”.

Dal momento degli scoop del “New York Times” e del “New Yorker” nell’ottobre 2017, più di 80 donne si sono fatte avanti accusando Weinstein di abusi sessuali che vanno dalle molestie allo stupro. Deve rispondere di aggressione sessuale predatoria, di stupro di primo grado e di un altro di terzo grado: nel primo caso è accusato di aver stuprato una donna in una stanza d’albergo di New York nel 2013, mentre una seconda lo accusa di averla obbligata al sesso orale con la forza nel suo appartamento di Manhattan nel 2006.

La schiera delle accusatrici di Weinstein sarà autorizzata a testimoniare durante il processo per poter dare alla giuria un quadro preciso del suo comportamento. Ma lui si è sempre dichiarato non colpevole e ha ripetutamente negato tutte le accuse di sesso non consensuale.

In una nota diffusa poco prima dell’inizio del processo, l’organizzazione “Time’s Up” non ha voluto parlare delle 25 donne che si sono fatte avanti, preferendo concentrarsi sul significato del processo: “È un passaggio fondamentale ed epocale per dimostrare ai predatori di tutto il mondo che da adesso in poi saranno chiamati a rispondere delle proprie azioni. Ci siamo rifiutate di essere messe a tacere e continueremo a parlare fino a quando lo stupratore seriale di Hollywood non sarà assicurato alla giustizia”.

Donna Rotunno, uno degli avvocati di Weinstein, assicura che l’ex produttore è stato “il primo ad ammettere di aver sbagliato”, ma non è un criminale: “Ha tradito sua moglie, è stato disonesto, è andato a letto con diverse donne e ha capito che sono state scelte di vita sbagliate: per quelle ha perso tutto. Nessuno sta cercando di affermare che è un santo e che non ha mai fatto niente di male, ma non credo che Harvey sia uno stupratore”.

“Ciò di cui si è convinta l’opinione pubblica è frutto delle ricostruzioni fatte dai media – riprende Weinstein - questo è ciò che per ora posso dire: il resto verrà fuori nel corso del processo. La meditazione e la concentrazione nel guardare dentro di me mi hanno aiutato a bilanciare le emozioni. Tutta questa faccenda è stata travolgente, ma sto lavorando ogni giorno per rimanere in equilibrio”.

Anche se Weinstein mantiene tutte le attenzioni sul processo penale che lo attende, ha anche ragionato su come potrebbe essere la sua vita quando tutto sarà finito: “Ho intenzione di concentrarmi sui miei figli, sulla mia salute e sul riposo”.

Il suo ex studio cinematografico, “The Weinstein Company”, che ha co-fondato nel 2005 con il fratello Bob, è ormai un ricordo lontano, non esiste più, ma lui crede ancora che ci sia la possibilità di ricostruirsi una carriera nell’industria cinematografica: “Ci vorrà un po’ di tempo e di lavoro, ma posso farcela. Sono un uomo diverso: passo la maggior parte del mio tempo libero a lavorare con il mio team legale, leggo libri di storia, politica e narrativa. Il mio obiettivo principale è quello di dimostrare la mia innocenza e riabilitare il mio nome”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Caso Epstein, la testimone che 10 anni fa poteva fermarlo
Caso Epstein, la testimone che 10 anni fa poteva fermarlo
Non è stata mai ascoltata dalle autorità giudiziarie, perché attraverso i suoi legali il finanziere era riuscito a stipulare un accordo, giocando con appelli e contestazioni per rimandare ogni cosa
Processo Weinstein, la parola alla giuria
Processo Weinstein, la parola alla giuria
Si avvia alla conclusione il processo contro l’ex produttore di Hollywood: i 12 giurati si sono chiusi in camera di consiglio per valutare gli atti di accusa e l’attendibilità delle testimonianze. Consapevoli che sarà una sentenza storica
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea
Dopo Jeffrey Epstein scoppia il caso dell’eccentrico stilista canadese Peter Nygard, anche lui accusato di stupro e violenza da diverse donne
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
“The Legal Rottweiler” parte sempre all’attacco, facendo vacillare le presunte vittime dell’ex produttore alla sbarra a New York. Nella sua carriera 39 assoluzioni su 40 casi di reati sessuali
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Emanuela Postacchini, 29 anni, da anni a Los Angeles, ha raccontato in aula di essere stata attirata in una stanza d’albergo per fare sesso a tre
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Soprusi, abusi, feste esclusive, commenti: dietro le quinte dell’olimpo delle top model si celavano i comportamenti di due altissimi dirigenti
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Una delle donne che accusa l’ex produttore di stupro racconta ai giudici la scena della violenza. Ma poi aggiunge di aver avuto una relazione con lui
Processo Weinstein, la testimonianza di altre 2 vittime
Processo Weinstein, la testimonianza di altre 2 vittime
Un’ex costumista che sognava di recitare e un’aspirante modella sono passate dalle grinfie dell’ex produttore. Ad una ho proposto sesso a tre per fare carriera: “Charlize Theron e Selma Hayek hanno fatto così”
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare
L’accusa nel corso di una conferenza stampa del procuratore di New York: “Abbiamo richiesto più volte di poter interrogare il duca di York, ma non abbiamo avuto risposta”