I gironi danteschi di Epstein

| Le indagini si stanno concentrando sull’inquietante figura di un uomo francese, titolare di due agenzie di modelle e fornitore ufficiale di adolescenti

+ Miei preferiti
Ad uno piacevano le donne, all’altro i soldi: basta poco per spiegare la solida amicizia fra Jeffrey Epstein e Jean-Luc Brunel, uno dei nuovi filoni d’inchiesta su cui lavorano le procure americane per svelare l’intricata architettura di corridoio sotterranei creata dal miliardario a cui piacevano le ragazzine. 

Brunel, oggi 72 anni, è conosciuto nell’ambiente per essere il titolare di due agenzie di modelle, la “Karin Models” e la “MC2”, creata grazie ad un amichevole finanziamento di Epstein e capace di lanciare le carriere di supermodelle come Jerry Hall, Angie Everhart e Christy Turlington. A Parigi, il nightclub “Les Bains” diventa il posto “dove giovani donne affamate cercano di farsi notare da Jean-Luc Brunel”, racconta Desiree Gruber, un addetto alle pubbliche relazioni. Serate che finivano nel lussuoso appartamento di Brunel in Avenue Hoche, dove il talent-scout ospitava anche le modelle più giovani, molte delle quali adolescenti, in arrivavo dagli Stati Uniti e da altre parti d’Europa in cerca di successo. Nell’attesa, da loro ci si aspettava che condividessero le camere da letto con Brunel e i suoi amici.

Per decenni, Brunel ha incanalato verso l’amico miliardario centinaia di ragazze, forse addirittura un migliaio, tutte giovanissime e bellissime, meglio ancora se con una famiglia povera e disagiata alle spalle. Epstein era bravo a intontirle con lussi e lustrini, per poi dare vita alle sue perversioni fatte di orge e di “schiave” che amava prestare o “noleggiare” ad amici influenti, gente che per una notte con una sedicenne poteva arrivare a spendere anche 100mila dollari. Nei cerchi concentrici dei gironi di Epstein, Brunel era quello più vicino: per dieci anni viaggiano insieme molto spesso, andando avanti e indietro dalle ville del multimiliardario. A confermare il ruolo del manager francese le accusatrici di Epstein, le donne che hanno fatto crollare il castello: Virginia Roberts Giuffre e Martiza Vazquez. Sono state loro a confermare il ruolo di reclutatore di Brunel, che spesso attingeva nei paesi dell’est europeo e in Sudamerica, dove trovare ragazze bellissime e poverissime era molto semplice.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Dalle deposizioni di Virginia Roberts, su cui è stato tolto il segreto, spuntano nomi eccellenti delle amicizie del miliardario, tutti resi ricattabili grazie al sesso
Anche Ghislaine organizzava orge con ragazzine
Anche Ghislaine organizzava orge con ragazzine
Una parte dei documenti desecretati da un giudice getta nuove inquietanti ombre sulla figura della Maxwell, finora considerata la “maitresse” di Epstein e in realtà altrettanto attiva negli abusi sessuali
In vendita due delle case di Epstein
In vendita due delle case di Epstein
La palazzina di New York e la residenza di Palm Springs sono in vendita, per un totale di 110 milioni di dollari. Il denaro finirà al fondo per risarcire le vittime del miliardario pedofilo
Desecretati i dossier segreti di Ghislaine Maxwell
Desecretati i dossier segreti di Ghislaine Maxwell
Un giudice di New York ha stabilito di togliere i sigilli ad un dossier “top secret” dell’ex socialite britannica. Il fascicolo potrebbe contenere documenti scottanti e rivelazioni esplosive
Virginia Roberts: «Il vero mostro è Ghislaine»
Virginia Roberts: «Il vero mostro è Ghislaine»
La donna che ha fatto saltare l’impero della pedofilia di Epstein racconta in un’intervista che la mente di tutto il traffico era l’ex socialite britannica
Niente cauzione per Ghislaine Maxwell
Niente cauzione per Ghislaine Maxwell
Definita “abile, furba e capace” nell’arte della fuga, l’ex complice di Epstein si vede negare gli arresti domiciliari su cui insistono i suoi legali
Andrea, condannato a priori
Andrea, condannato a priori
Tace sull’arresto di Ghislaine Maxwell, ma sa bene che tanto finirebbe sulla graticola comunque. I consiglieri di corte gli suggeriscono silenzio, per “non far arrabbiare” la donna che potrebbe far tremare il mondo
Ghislaine Maxwell, le amicizie pericolose
Ghislaine Maxwell, le amicizie pericolose
Secondo un conoscente, la complice di Epstein avrebbe “un’assicurazione sulla vita” con migliaia di foto e video in cui ricchi e potenti si lasciano andare fra ragazzine e droghe. “Se dovesse andare a fondo, se li poterà tutti con sé”
Virginia Roberts: Ghislaine deve marcire in galera
Virginia Roberts: Ghislaine deve marcire in galera
La principale accusatrice dello scandalo che coinvolge Epstein e la Maxwell stuzzica anche il principe Andrea: “Se fossi in lui mi preoccuperei”