Tutti i peccati di Paul Haggis

| Sono quattro, le donne che accusano il regista canadese di violenza, stupro e molestie. Un nuovo caso che scuote Hollywood, a poche ore dalla consegna dei Golden Globe

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Mentre la bomba ciclonica “Stella” sta mettendo a dura prova otto stati e 31 milioni di americani, l’uragano “Harvey” continua ad abbattersi sulle colline californiane che fanno da dimora al mondo del cinema. L’ultimissimo caso, il più recente ma sicuramente non l’ultimo della serie, con l’aggravante di esplodere a poche ore dal delicato appuntamento dei “Golden Globe Awards”, ha un nome e cognome decisamente pesanti: Paul Haggis, regista, sceneggiatore e produttore di origini canadesi, classe 1953, premiato con l’Oscar nel 2006 per “Crash - Contatto fisico”.

E per ironia della sorte, proprio di contatti fisici si tratta, almeno secondo le accuse di quattro donne, emerse casualmente - secondo l’Associated Press - per la causa civile presentata da Haleigh Breest, una press agent, con tanto di accusa di violenza sessuale avvenuta nel 2013, nell’appartamento newyorkese del regista.

Ma anche nel caso di Haggis, ex attivista della setta “Scientology”, è bastata una denuncia per aprire la memoria di altre presunte vittime. Il copione è lo stesso: violenze “d’epoca”, taciute per lungo tempo e adesso, vai a capire il perché, tracimate in favore di opinione pubblica. Il primo caso risalirebbe addirittura agli anni Novanta, quando una giovane collaboratrice di Haggis, ai tempi impegnato in uno show televisivo, fu costretta ad un rapporto orale seguito da uno stupro in piena regola.

La seconda racconta invece di essere stata aggredita nel 2008 dal regista, che al termine di un approccio deciso le avrebbe detto: “Devo essere dentro di te”. Tentativo andato a male, con la donna lesta a fuggire. L’ultima sarebbe invece vittima di un colpo di fulmine improvviso, e soprattutto a senso unico: Haggis l’avrebbe vista per strada, baciata a forza e quindi seguita a bordo di un taxi. L’anno, il 2015.

E malgrado si tratti di gente di cinema, neanche stavolta il copione regalare colpi di scena: attraverso Christine Lepera, il suo avvocato, il regista Paul Haggis avrebbe respinto ogni accusa, dichiarando “di non aver mai stuprato nessuno”, denunciando a sua volta la richiesta di Haleigh Breest, la prima accusatrice: nove milioni di dollari per mettere tutto a tacere.

Il dossier Weinstein

Serve ormai un autoarticolato, per spostare l’impressionante mole di documenti sul conto dell’ex produttore della Miramax che la polizia di Beverly Hills avrebbe consegnato alla procura di Los Angeles. Un passaggio delicato ma molto significativo che potrebbe portare nel giro di pochissimo tempo all’incriminazione di Weinstein per violenza sessuale. Contro di lui, pesano le testimonianze di 80 donne fra attrici, produttrici, giornaliste ed ex collaboratrici delle sue società.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ashley Judd: ho abortito dopo uno stupro
Ashley Judd: ho abortito dopo uno stupro
L’attrice americana, fra le prime ad accusare Weistein, ha raccontato di aver subito tre stupri e di essere rimasta incinta: “Non potevo pensare di diventare madre del figlio del mio violentatore”
Allison Mack, il diavolo di Hollywood
Allison Mack, il diavolo di Hollywood
La star di “Smalville” confessa di aver fatto parte di “Nxvim”, la setta per cui reclutava giovani donne da ridurre in schiavitù sessuale. Un’indagine che era nata da un’inchiesta del New York Times nel 2017, coinvolti altri nomi celebri
Foto alle pallavoliste nello spogliatoio: denunciato
Foto alle pallavoliste nello spogliatoio: denunciato
Allenatore 28enne scattava le immagini da un lucernario: sorpreso, è stato denunciato ai carabinieri. Subito cacciato dalla società di Carpi
Scusi, lei è un pedofilo? E Michael Jackson se la ride
Scusi, lei è un pedofilo? E Michael Jackson se la ride
Spunta dagli archivi di uno studio legale un video di 3 ore dove per la prima e unica volta il Re del Pop viene interrogato sugli abusi sessuali. Nervoso ed evasivo, si paragonò a Gesù
Sesso sull'auto-pattuglia, agente e prof licenziati
Sesso sull
Il vice-sceriffo di Indian River aveva dato un passaggio all'insegnante dopo una partita tra studenti ma aveva lasciato una traccia sul sedile dell'auto. I colleghi hanno scoperto che il Dna era il suo. "E' cioccolato bianco", si era difeso
Inizia a maggio il processo a Weinstein
Inizia a maggio il processo a Weinstein
Il 6 maggio, l’ex padrone di Hollywood dovrà comparire in tribunale per rispondere di cinque capi d’accusa. Quasi 100 sono le donne che lo accusano
"Non pagherò per cosa non ho fatto"
"Non pagherò per cosa non ho fatto"
Un sorridente Kevin Spacey sotto scorta in Tribunale per difendersi dalle accuse di molestie sessuali verso un cameriere di Nantucket. Si dichiara "innocente" ma rischia cinque anni di carcere
Spacey obbligato a presentarsi in Tribunale
Spacey obbligato a presentarsi in Tribunale
L'attore, accusato di avere aggredito sessualmente un 18enne a Nantucket nel 2016, aveva chiesto ai giudici di non comparire durante il processo. Richiesta respinta
Kevin Spacey predatore, spunta un video
Kevin Spacey predatore, spunta un video
L'attore avrebbe pesantemente molestato un cameriere 18enne, cercando di convincerlo a seguirlo in albergo. Ma la vittima era riuscita a filmarlo durante l'aggressione. Fra pochi giorni il via al processo in scena a Boston