Ciclismo femminile, il MeeToo# scuote il team azzurro

| Inchiesta della procura federale, sentito il premiatissimo allenatore Dino Savoldi. Lui respinge le accuse. Al centro, meeting in camere d'albergo, relazioni, promozioni e ingaggi. Presto altri interrogatori. Cade un mito?

+ Miei preferiti

Il Corriere sul MeToo# delle ragazze azzurre del ciclismo professionista ci va giù duro. Cioè, lascia la parola ad alcuni protagonisti del presunto scandalo. Parole che fanno riflettere. Cominciamo dal rispettatissimo e osannato allenatore del team più vincente del Coni, Dino Salvoldi, appena reduce da un lungo interrogatorio della Procura Federale nei locali dello Stadio Olimpico di Roma. «Sono stanchissimo, frastornato, deluso e non vedo l' ora che l' incubo finisca», dice. 48 anni, milanese, commissario tecnico della nazionale femminile di ciclismo conquistare del medagliere italiano più ricco di sempre (220 tra medaglie olimpiche, mondiali ed europee negli ultimi 18 anni) è al centro di un insidioso tsunami, sollecitato - pare - da alcune atlete oggetto di attenzioni non proprio coerenti con le discipline sportive. “Comportamenti sconvenienti”, come già sarebbe emerso in altre federazioni europee, olandesi, belghe, inglesi e tedesche.

Salvoldi dal 2001 decide le convocazioni, le segnala ai gruppi sportivi militari il cui eventuale ingaggio costituisce un vero lavoro, un Win for Life per sempre. Già nel 2007, l’ex olimpionico Silvio Marticonellonel 2007 dall' ex olimpionico ed ex direttore delle nazionali Silvio Martinello aveva segnalato alla Federazione !qualcosa di grave ma senza prove e senza riscontro, osservano i capi del ciclismo italiano. Si parlava già allora di riunioni tra cicliste e tecnico in camera d' hotel, dell'ordine di lasciare le stanze sempre aperte, con la chiave all' esterno, di relazioni sentimentali e no in larga copia. Ma Savoldi ha messo una parte delle relazioni che non riguardavano il suo lavoro. “Niente di male, relazioni tra consenzienti, sono fatti privati. O no?”, ha ribattuto. L’inchiesta continua con altri interrogatori. Potrebbe essere stato violato l' Articolo 1, ovvero dell' obbligo di lealtà e probità.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Una testimone inguaia il principe Andrea
Una testimone inguaia il principe Andrea
Attraverso il proprio legale, una donna afferma di aver visto il Duca di York e Virginia Roberts Giuffre al “Tramp” di Londra nella notte che si sarebbe conclusa con la prima volta in cui è stata costretta a fare sesso con il principe
Caso Epstein: l’intervista a Virginia Roberts Giuffre
Caso Epstein: l’intervista a Virginia Roberts Giuffre
Attesissime, le dichiarazioni della principale accusatrice del principe Andrea ed ex schiava sessuale del miliardario non hanno deluso: date, riferimenti ed episodi che inchiodano sempre di più il secondogenito della Regina
La sistematica demolizione di un principe
La sistematica demolizione di un principe
Il “Daily Mail” ha rintracciato un’ex massaggiatrice professionista che, invitata a Buckingham Palace, si era ritrovata davanti al principe completamente nudo. Attesa per l’intervista bomba che la BBC trasmetterà lunedì
Le verità di Ghislaine Maxwell
Le verità di Ghislaine Maxwell
Diffuse alcune parti di una video dichiarazione di colei che è considerata la reclutatrice di minorenni per Jeffrey Epstein. Un goffo tentativo di salvataggio per il principe Andrea
L’uragano Andrew si abbatte su Buckingham Palace
L’uragano Andrew si abbatte su Buckingham Palace
Il Duca di York si sta convincendo di poter ricostruire la propria immagine, ma la Royal Family compatta lo vuole fuori dai giochi. E lo stesso i sudditi
Teala Davies, un’altra vittima del mostro Epstein
Teala Davies, un’altra vittima del mostro Epstein
Ha sporto ufficialmente denuncia contro il miliardario pedofilo sostenendo di essere stata violentata per due anni e persino “offerta” ad un produttore di Hollywood
Il principe Andrea si ritira
Il principe Andrea si ritira
Accerchiato dai media, abbandonato dai suoi sponsor, messo da parte anche dalla famiglia reale, il Duca di York ha annunciato di voler fare un passo indietro
Tutti contro Polanski
Tutti contro Polanski
I cinema francesi che proiettano l’ultimo film del regista polacco presi d’assalto e bloccati dalle proteste. La moglie Emmanuelle Seigner minimizza: fra 10 giorni sarà silenzio
Il principe Andrea
sulla graticola televisiva
Il principe Andrea<br>sulla graticola televisiva
In un’intervista attesissima che sarà trasmessa questa sera dalla BBC, il Duca di York accetta per la prima volta di parlare delle accuse che gli ha rivolto Virginia Roberts, la schiava sessuale di Epstein