Ciclismo femminile, il MeeToo# scuote il team azzurro

| Inchiesta della procura federale, sentito il premiatissimo allenatore Dino Savoldi. Lui respinge le accuse. Al centro, meeting in camere d'albergo, relazioni, promozioni e ingaggi. Presto altri interrogatori. Cade un mito?

+ Miei preferiti

Il Corriere sul MeToo# delle ragazze azzurre del ciclismo professionista ci va giù duro. Cioè, lascia la parola ad alcuni protagonisti del presunto scandalo. Parole che fanno riflettere. Cominciamo dal rispettatissimo e osannato allenatore del team più vincente del Coni, Dino Salvoldi, appena reduce da un lungo interrogatorio della Procura Federale nei locali dello Stadio Olimpico di Roma. «Sono stanchissimo, frastornato, deluso e non vedo l' ora che l' incubo finisca», dice. 48 anni, milanese, commissario tecnico della nazionale femminile di ciclismo conquistare del medagliere italiano più ricco di sempre (220 tra medaglie olimpiche, mondiali ed europee negli ultimi 18 anni) è al centro di un insidioso tsunami, sollecitato - pare - da alcune atlete oggetto di attenzioni non proprio coerenti con le discipline sportive. “Comportamenti sconvenienti”, come già sarebbe emerso in altre federazioni europee, olandesi, belghe, inglesi e tedesche.

Salvoldi dal 2001 decide le convocazioni, le segnala ai gruppi sportivi militari il cui eventuale ingaggio costituisce un vero lavoro, un Win for Life per sempre. Già nel 2007, l’ex olimpionico Silvio Marticonellonel 2007 dall' ex olimpionico ed ex direttore delle nazionali Silvio Martinello aveva segnalato alla Federazione !qualcosa di grave ma senza prove e senza riscontro, osservano i capi del ciclismo italiano. Si parlava già allora di riunioni tra cicliste e tecnico in camera d' hotel, dell'ordine di lasciare le stanze sempre aperte, con la chiave all' esterno, di relazioni sentimentali e no in larga copia. Ma Savoldi ha messo una parte delle relazioni che non riguardavano il suo lavoro. “Niente di male, relazioni tra consenzienti, sono fatti privati. O no?”, ha ribattuto. L’inchiesta continua con altri interrogatori. Potrebbe essere stato violato l' Articolo 1, ovvero dell' obbligo di lealtà e probità.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea
«A Weinstein resta poco da vivere»
«A Weinstein resta poco da vivere»
Gli avvocati dell’ex magnate hanno presentato un’istanza di scarcerazione su cauzione per gravissimi motivi di salute. Ma il giudice l’ha rigettata: non sta così male e se uscisse potrebbe sparire per sempre
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Un giornalista americano è riuscito a entrare in possesso di una copia della celebre agenda del miliardario pedofilo e ha chiamato tutti numeri, facendo oltre 2.000 telefonate