Il premio Nobel per l’intrallazzo

| È una categoria che non esiste, altrimenti a vincerlo potrebbe essere la stessa Svenska Akademien che ogni anno assegna quello della letteratura. Una storia di sesso, connivenze, silenzi e imbarazzi

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
“C’è del marcio in Danimarca”, così faceva dire al suo Amleto il grande William Shakespeare, senza sospettare che al di là dei 16 km dell’avveniristico ponte di Øresund, nella vicinissima Svezia, le cose avrebbero finito per andare anche peggio.

È in qualche modo l’apertura di un nuovo, l’ennesimo, filone dello scandalo scoperchiato da caso Weinstein che da tempo non risparmia nessuno, specie se ricchi, nobili e potenti. Ma questa volta, il fondale che sta venendo giù è di quelli pesanti, che fanno rumore in tutto il mondo.

Volendo, non è altro che l’ennesima storia di molestie e sesso rubato a forza, ma consumata fra le sacre mura della “Svenska Akademien”, la reale accademia svedese fondata nel 1786 da re Gustavo III con lo scopo, almeno ai tempi, di “Promuovere la purezza, il vigore e la maestà” della lingua svedese. Dal 1901, per essere ancora più chiari, l’ente che sceglie e decide chi merita il premio Nobel per la Letteratura, uno dei cinque personalmente istituiti da Alfred Nobel, inventore diventato filantropo perché la storia non lo ricordasse soltanto come il padre della dinamite.

Eppure questa volta, qualcosa di diverso c’è: non si tratta solo di un nome finito nella bufera, ma di un atteggiamento “collegiale” che è apparso poco consono agli ideali dell’accademia. Tutto inizia lo scorso novembre, quando un quotidiano danese, “Dagens Nyheter”, svela che 18 donne, fra cui alcune imparentate con altri membri dell’accademia, sarebbero pronte ad accusare di molestie, violenza carnale e abusi Jean-Claude Arnault, fotografo di origini franco-svedesi maritato con Katarina Frostenson, a sua volta poetessa, dal 1992 membro della Svenska Akademien.

Ma la parte più imbarazzante deve ancora arrivare, perché è bastato niente per scoprire che la stessa accademia, finanzia dal 2010 con 13mila euro annui “Forum”, un centro culturale molto glamour già finito sotto la lente della giustizia per traffico di alcolici ed evasione fiscale, gestito dai coniugi Arnault, dove si sarebbero svolte buona parte delle molestie di cui sopra. E se le indagini della polizia hanno portato ad archiviare una parte delle accuse, perché avvenute troppo indietro nel tempo, quella interna dell’accademia si era conclusa con il suggerimento da parte dei propri legali di sporgere denuncia preventiva contro il centro studi Forum. Due i motivi alla base del consiglio: da una parte, valutare i sospetti che Arnauld potesse aver saputo in precedenza e quindi influenzato la decisione sui premi da assegnare, dall’altro per verificare una palese violazione delle regole interne, infrante finanziando un parente stretto di uno dei propri membri, Katarina Frostenson.

Per tutta risposta, la Svenska Akademien ha scelto la strada più sbagliata di tutte: non fare nulla. Motivo sufficiente per convincere tre illustri membri, gli scrittori Klas Ostergren, Kjell Espmark e Peter Englund a rassegnare le proprie dimissioni, probabilmente seguiti a breve dalla loro collega Sara Stridsberg, che potrebbe annunciare la stessa cosa nel giro di qualche ora.

In realtà, esiste un regolamento per cui si è membri della Svenska Akademien a vita, al pari della “Académie Francaise” a cui si ispira, e per contro non esiste alcuna possibilità di sostituirli. Resta un problema da risolvere, e nemmeno da poco: i membri devono essere 18, e scendere sotto questo numero vorrebbe dire bloccare i lavori dell’accademia, compresa l’assegnazione del Nobel.

Un pasticcio che ha costretto re Carlo XVI Gustavo a prendere posizione: “Un caso che mi amareggia molto: considererò l’eventualità di modificare gli statuti dell’accademia”. Faccia con comodo, maestà.

Galleria fotografica
Il premio Nobel per l’intrallazzo - immagine 1
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
I legali di Ghislaine Maxwell: è una detenzione troppo opprimente
I legali di Ghislaine Maxwell: è una detenzione troppo opprimente
La squadra di avvocati che difende l’ex socia-amante di Jeffrey Epstein chiede il regime di carcerazione normalmente concesso ai detenuti in attesa di processo. L’ex socialite è sorvegliata 24 ore su 24
Ghislaine Maxwell voleva reclutare Paris Hilton
Ghislaine Maxwell voleva reclutare Paris Hilton
Colpita dall’avvenenza e dalla scioltezza dell’ereditiera, la maitresse di Epstein le aveva messo gli occhi addosso
La nipote di Churchill fra gli ospiti di Epstein
La nipote di Churchill fra gli ospiti di Epstein
Il nome di Silvia Hambro, ex damigella di Lady Diana, spunta fra gli ospiti del magnate pedofilo. Ma le si affretta a precisare: “Era solo lavoro, non ho visto nulla e nessuno mi ha molestata”
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Dalle deposizioni di Virginia Roberts, su cui è stato tolto il segreto, spuntano nomi eccellenti delle amicizie del miliardario, tutti resi ricattabili grazie al sesso
Anche Ghislaine organizzava orge con ragazzine
Anche Ghislaine organizzava orge con ragazzine
Una parte dei documenti desecretati da un giudice getta nuove inquietanti ombre sulla figura della Maxwell, finora considerata la “maitresse” di Epstein e in realtà altrettanto attiva negli abusi sessuali
In vendita due delle case di Epstein
In vendita due delle case di Epstein
La palazzina di New York e la residenza di Palm Springs sono in vendita, per un totale di 110 milioni di dollari. Il denaro finirà al fondo per risarcire le vittime del miliardario pedofilo
Desecretati i dossier segreti di Ghislaine Maxwell
Desecretati i dossier segreti di Ghislaine Maxwell
Un giudice di New York ha stabilito di togliere i sigilli ad un dossier “top secret” dell’ex socialite britannica. Il fascicolo potrebbe contenere documenti scottanti e rivelazioni esplosive
Virginia Roberts: «Il vero mostro è Ghislaine»
Virginia Roberts: «Il vero mostro è Ghislaine»
La donna che ha fatto saltare l’impero della pedofilia di Epstein racconta in un’intervista che la mente di tutto il traffico era l’ex socialite britannica
Niente cauzione per Ghislaine Maxwell
Niente cauzione per Ghislaine Maxwell
Definita “abile, furba e capace” nell’arte della fuga, l’ex complice di Epstein si vede negare gli arresti domiciliari su cui insistono i suoi legali