Il principe Andrea si ritira

| Accerchiato dai media, abbandonato dai suoi sponsor, messo da parte anche dalla famiglia reale, il Duca di York ha annunciato di voler fare un passo indietro

+ Miei preferiti
Accerchiato dentro e fuori Buckingham Palace, il principe Andrea – terzogenito della regina Elisabetta – ha scelto di fare un clamoroso passo indietro, ritirandosi da tutti gli impegni pubblici. Lo ha comunicato lui stesso, in una nota ufficiale, precisando di aver preso la decisione dopo aver avuto il benestare della sovrana: “Negli ultimi giorni è apparso in modo chiaro che le circostanze relative alla mia precedente associazione con Jeffrey Epstein sono diventate un grave disagio per il lavoro della mia famiglia e per il prezioso lavoro svolto nelle molte organizzaizoni e associazioni di beneficenza che sono orgoglioso di supportare. Perciò ho chiesto a Sua Maestà di concedermi un passo indietro per il prossimo futuro, e lei ha acconsentito. Continuo a rimpiangere la mia mal giudicata associazione con Jeffrey Epstein. Il suo suicidio ha lasciato molte domande senza risposta, in particolare per le sue vittime, e sono profondamente solidale con tutti coloro che sono stati colpiti e desiderano una qualche forma di epilogo. Posso solo sperare che, col tempo, saranno in grado di ricostruire le loro vite. Sono pronto a collaborare con ogni autorità nell’ambito delle indagini”.

Da mesi investito dallo scandalo Jeffrey Epstein, il magnate pedofilo con cui aveva stretto amicizia, e accusato da una delle “schiave” del finanziere di aver approfittato di lei più volte, il Duca di York ha tentato in ogni modo di prendere le distanze dalla vicenda, ma più lui ci provava, più scoop e rivelazioni lo inchiodavano all’evidenza dei fatti. Ultima in ordine di tempo la disastrosa scelta di concedere un’intervista alla BBC da cui è uscito letteralmente a pezzi. Analizzato da esperti del comportamento e psicologi, il principe è apparso impacciato, insensibile, distante, ridicolo e chiaramente a disagio, come chi sa di essere colpevole ma continua a negare. In più, la BBC ha già annunciato l’intervista a Virginia Robert Giuffre, la sua accusatrice, “schiava sessuale” prediletta da Jeffrey Epstein, così magnanime da prestarla ai suoi amici più importanti.

Nell’agenda di Andrea c’era un fitto programma di eventi pubblici previsti nei prossimi giorni, e da giorni diventava sempre più pressante il dubbio dei suoi più stretti collaboratori su quanto per il principe fosse diventato opportuno apparire, sulla spinta anche di un dietrofront degli sponsor che appoggiavano le sue iniziative benefiche e di temute proteste che avrebbero accompagnato ogni sua uscita. Fra i primi a sparire dall’elenco di chi lo appoggiava la banca “Stadars Chartered”, mentre l’English National Ballet, di cui Andrea è presidente onorario, starebbe facendo pressioni affinché il nobile lasci l’incarico.

Ma il nome del principe continua imperterrito a stazionare sulle prime pagine dei feroci tabloid inglesi, che non hanno intenzione di mollare l’osso e ogni giorno tirano fuori qualcosa di nuovo e inedito che contribuisce a sgretolare l’immagine pubblica di Andrew. Nei giorni scorsi sono emersi episodi razzisti che lo riguardano, come pure una lettera di un suo collaboratore in cui si capisce che l’amicizia con Epstein non risale al 1999, come ha sempre affermato, ma era di molto precedente, addirittura agli inizi degli anni Novanta.

È l’epilogo della “pecora nera” dei Windsor, un principe scavezzacollo che era riuscito a trasformare anche il divorzio da Sarah Ferguson in un forte imbarazzo per la Royal Family.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Annabella Sciorra: il racconto dello stupro di Weinstein
Annabella Sciorra: il racconto dello stupro di Weinstein
La prima testimone nel processo contro l’ex produttore di Hollywood racconta i dettagli della violenza subita anni prima. E la difesa va all’attacco
Caso Weinstein, il processo entra nel vivo
Caso Weinstein, il processo entra nel vivo
Definito un “predatore sessuale e stupratore”, l’ex produttore di Hollywood alla sbarra per rispondere di due violenze sessuali. Non ammesse alcune email presentate dalla difesa
Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”
Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”
Nella denuncia appena presentata, l’ennesima vittima del miliardario pedofilo racconta un incontro con l’allora tycoon: “Sorridevano complici, erano amici”
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le due isole caraibiche in cui per anni il miliardario ha ospitato, rinchiuso e violentato centinaia di ragazzine, sono entrate nel mirino dell’arcipelago americano
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
La supermodella potrebbe comparire fra i 120 giurati che decideranno le sorti dell’ex produttore di Hollywood accusato di stupro
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Chauntae Davies, una giovane reclutata da Ghislaine Maxwell, nel 2002 ha partecipato ad un viaggio in Africa in cui erano presenti Kevin Spacey e l’ex presidente Clinton, definito “un vero gentiluomo”
The Harvey Weinstein show
The Harvey Weinstein show
L’ex produttore hollywoodiano è arrivato in tribunale con il deambulatore: rischia l’ergastolo. A scaldare la folla in attesa ci ha pensato Rose McGowan, una delle sue prime accusatrici
Harvey Weinstein si prepara al processo
Harvey Weinstein si prepara al processo
A poche ore dall’inizio delle udienze in cui dovrà rispondere di due stupri, l’ex produttore si è confidato con la CNN
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
La complice del miliardario pedofilo Jeffrey Epstein vivrebbe spostandosi di continuo, sotto la protezione delle intelligence di potenze straniere per via dei tanti i segreti pericolosi di cui è conoscenza