Jeffrey Epstein, il miliardario che ama le minorenni

| Deve rispondere delle accuse di decine di minorenni, di cui avrebbe abusato nelle sue dimore principesche. Imbarazzo anche da Buckingham Palace: nelle carte delle indagini spunta anche il nome del principe Andrea

+ Miei preferiti
Nuovi guai per Jeffrey Epstein, finanziere e filantropo della scienza e della ricerca: un uomo dalla carriera solidissima, ma dalla vita privata assai discutibile. Secondo alcune indiscrezioni pubblicate dalla stampa americana, Epstein sarebbe stato arrestato dalla polizia per rispondere di diverse denunce di abusi presentate da minorenni: nei primi giorni della prossima settimana comparirà davanti ai giudici di Manhattan per l’udienza preliminare.

Classe 1953, Epstein è sempre stato considerato un uomo misterioso: nato e cresciuto a Brooklyn, da piccolo è un genietto della matematica che appena ventenne ottiene una cattedra in una delle più prestigiose scuole private di New York. Il padre di un suo allievo ne intuisce le potenzialità e gli mostra la strada per l’universo parallelo della grande finanza: inizia la carriera presso la banca d’investimento “Bear Stearns”, prima di fondare il suo colosso, la “J. Epstein & Co”, che gestisce fortune miliardarie. La fortuna che mette da parte gli permette di appoggiare con donazioni milionarie la lotta contro l’Aids e la ricerca scientifica, ma sul suo conto aleggia una macchia poco semplice da cancellare: l’ossessione per le minorenni.

Lo scandalo era esploso nel 2005, quando la mamma di una ragazzina di 14 anni si presenta ad una stazione di polizia della Florida per raccontare che sua figlia aveva appena ricevuto da Epstein 200 dollari cash per dei massaggi erotici, consumati nel chiuso della sontuosa villa del milionario, a Palm Beach. La polizia e l’FBI avviano un’indagine durata 11 mesi, seguita da una perquisizione della sua casa. Gli interrogatori sotto giuramento di cinque presunte vittime e 17 testimoni, più prove materiali rinvenute nell’abitazione di Epstein, insieme ad un sistema di telecamere nascoste per registrare i rapporti, dimostrano che alcune delle ragazze coinvolte avessero meno di 18 anni. Tentando di mettersi al sicuro, Epstein avrebbe anche “prestato” alcune delle sue ragazze a personaggi “influenti”: fra questi, risulterebbe anche il principe Andrea, amico di vecchia data del miliardario americano.

Ma la denuncia della prima mamma si trasforma in una sorta di vaso di Pandora che di colpo si spalanca su un mondo parallelo: oltre 40 donne, quasi tutte di giovanissima età, decidono di fare lo stesso, raccontando i suoi vizi privati e l’abitudine di intontire con il lusso le sue vittime, per poi violentarle una dopo l’altra.

In tante ritireranno la denuncia, dopo accordi extragiudiziali raggiunti mettendo mano al libretto degli assegni, ma per una non c’è verso: al termine dell’inchiesta federale, nel 2008, Epstein si dichiara colpevole di adescamento minorile nei confronti di una minorenne e sconta in galera 13 mesi dei miseri 18 di condanna. Un successo che ancora una volta gli è costato parecchio, ma questa volta sotto forma delle parcelle degli avvocati, fra cui Alan Dershowitz, uno dei difensori di O.J. Simpson, un altro caso di colpevolezza certa ribaltato in aula grazie all’abilità dei legali.

Ma ora la giustizia chiede il conto: Jeffrey Epstein è costretto a tornare alla sbarra, dove dovrà rispondere di presunti abusi sessuali commessi tra il 2002 e il 2005 fra New York e Palm Beach.

Ma sul caso pende un altro risvolto inquietante: lo scorso novembre, il “Miami Herald” ha svelato che l’attuale Segretario del Lavoro Alexander Acosta, che ai tempi era un avvocato, aveva raggiunto un accordo con Epstein per evitare che le accuse di 36 minorenni si trasformassero in ripercussioni per la gestione di fondi hedge.

Galleria fotografica
Jeffrey Epstein, il miliardario che ama le minorenni - immagine 1
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Weinstein fra attacco e difesa
Weinstein fra attacco e difesa
L’ex produttore hollywoodiano ha rilasciato un’intervista in cui lamenta di essere stato dimenticato per il suo lavoro in favore delle donne. Il 6 gennaio comparirà in tribunale, dove rischia una condanna pesante per violenza sessuale
Weinstein patteggia con le sue vittime
Weinstein patteggia con le sue vittime
Un accordo extra-giudiziale da 25 milioni di dollari, interamente coperti dalle assicurazioni della casa di produzione. A gennaio l'ex re mida di Hollywood dovrà ricomparire in aula per rispondere di altri due casi di violenza
Virginia Roberts: se muoio andate avanti
Virginia Roberts: se muoio andate avanti
L’accusatrice del principe Andrea assicura di non essere sull’orlo del suicidio, e se per caso le succedesse qualcosa chiede a tutti di portare avanti la battaglia per avere giustizia
Ghislaine Maxwell, ufficialmente scomparsa
Ghislaine Maxwell, ufficialmente scomparsa
La “maitresse” di Epstein ha fatto perdere le proprie tracce da mesi. È una delle figure chiave dell’inchiesta sui traffici del miliardario pedofilo, colei che avrebbe spinto Virginia Roberts nel letto del principe Andrea
Un’altra donna accusa il principe Andrea
Un’altra donna accusa il principe Andrea
Letteralmente tritato dalla vicenda, il Duca di York deve vedersela con una seconda donna che afferma di essere stata prestata al nobile dal solito Epstein. In più, arrivano le rivelazioni di un amico
Una testimone inguaia il principe Andrea
Una testimone inguaia il principe Andrea
Attraverso il proprio legale, una donna afferma di aver visto il Duca di York e Virginia Roberts Giuffre al “Tramp” di Londra nella notte che si sarebbe conclusa con la prima volta in cui è stata costretta a fare sesso con il principe
Caso Epstein: l’intervista a Virginia Roberts Giuffre
Caso Epstein: l’intervista a Virginia Roberts Giuffre
Attesissime, le dichiarazioni della principale accusatrice del principe Andrea ed ex schiava sessuale del miliardario non hanno deluso: date, riferimenti ed episodi che inchiodano sempre di più il secondogenito della Regina
La sistematica demolizione di un principe
La sistematica demolizione di un principe
Il “Daily Mail” ha rintracciato un’ex massaggiatrice professionista che, invitata a Buckingham Palace, si era ritrovata davanti al principe completamente nudo. Attesa per l’intervista bomba che la BBC trasmetterà lunedì
Le verità di Ghislaine Maxwell
Le verità di Ghislaine Maxwell
Diffuse alcune parti di una video dichiarazione di colei che è considerata la reclutatrice di minorenni per Jeffrey Epstein. Un goffo tentativo di salvataggio per il principe Andrea