Jimmy Bennett: Asia mi ha violentato

| Il giovane accusatore della Argento tira dritto, non arretra di un centimetro e porta avanti le sue tesi: ho subito violenza, Asia è come Weinstein

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Primo, Jimmy Bennett esiste davvero: non è solo nelle foto che lo ritraggono con la faccia da ragazzino, abbracciato ad Asia Argento. È giovane, ha i capelli biondo platino e non riesce a nascondere un po’ di imbarazzo davanti alle telecamere di “La7”, beccato - chissà per quale cifra - da Massimo Giletti, giusto per iniziare la stagione con un’esclusiva mondiale dando una spallata a Fazio, che su Rai1 è ripartito con il suo programma.

È lo stesso Giletti a rivelare il pezzo forte della serata, snocciolato con tutta calma, rivelando che decine e decine di televisioni hanno richiesto foto, filmati e testi dell’intervista, perché da quando Bennett ha accusato Asia Argento di violenza, si è eclissato. Nessuna intervista, solo dichiarazioni filtrate dai legali.

Prima della domanda fatidica, Giletti la prende alla lontana e Bennett accetta, probabilmente seguendo un canovaccio sottoscritto da un contratto: racconta di quando era bambino che sul set chiamavano “Jimmy buona la prima”, per l’abilità di imparare la battuta e recitarla perfettamente. Sembrava destinato alla gloria, di quelle velocissime, ma le cronache raccontano che non è andata esattamente così.

Quisquiglie: non c’è sito o testata che non l’abbia raccontato. Quello che conta, e per cui la televisione di Cairo ha staccato l’assegno, è finalmente la domanda di Giletti, che arriva, netta e affilata. 

Bennett non si fa pregare: “Asia la chiamavo ‘Mom’, mamma. È il sentimento che ci ha legati fin dal primo giorno. Dopo il film il nostro rapporto è continuato via sms e via email, ma non l’ho più vista per almeno dieci anni. La tenevo aggiornata sulle mie attività e lei si sentiva anche con la mia vera mamma. È stata Asia, nel 2013, a propormi l’incontro: ero contento di vederla. Mi parlava di un film italiano a cui voleva che io partecipassi, ma mi sentivo un po’ strano, perché continuava a inviarmi foto e bigliettini che scriveva dagli hotel. Per me c’è sempre stata una barriera culturale, non sapevo se il suo fosse un modo di mostrare affetto, per me era un’amica. Ci siamo incontrati al Ritz Carlton di Marina del Rey, in California: ero con un accompagnatore che è salito fino alla stanza. Asia era entusiasta e mi guardava dritta negli occhi, poi ha guardato il mio accompagnatore e gli ha chiesto “Ma tu chi sei?”. Lo ha fatto sentire un intruso, e lui dopo un po’ se n’è andato. Asia mi ha offerto champagne fumando una sigaretta, mentre mi raccontava del film che voleva girare insieme a me. Tutto accade velocemente: mi ha preso il viso, mi ha guardato e mi ha detto. ‘Mi sei mancato tanto’, iniziando a baciarmi. Pensavo mi stesse mostrando il suo affetto, ma il bacio non finiva più. Dopo poco Asia mi ha spinto sul letto e mi ha slacciato la cintura e i pantaloni”.

La stoccata arriva subito dopo, incalzato da Giletti: “Asia ha applicato con me lo schema Weinstein, ha abusato del suo potere: io avevo 17 anni e non mi sarei mai aspettato una cosa simile. Attraverso il mio avvocato ho richiesto un risarcimento di danni ai 3,5 milioni di dollari, anche perché dopo quello che successo ho smesso di lavorare”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Andrea, condannato a priori
Andrea, condannato a priori
Tace sull’arresto di Ghislaine Maxwell, ma sa bene che tanto finirebbe sulla graticola comunque. I consiglieri di corte gli suggeriscono silenzio, per “non far arrabbiare” la donna che potrebbe far tremare il mondo
Ghislaine Maxwell, le amicizie pericolose
Ghislaine Maxwell, le amicizie pericolose
Secondo un conoscente, la complice di Epstein avrebbe “un’assicurazione sulla vita” con migliaia di foto e video in cui ricchi e potenti si lasciano andare fra ragazzine e droghe. “Se dovesse andare a fondo, se li poterà tutti con sé”
Virginia Roberts: Ghislaine deve marcire in galera
Virginia Roberts: Ghislaine deve marcire in galera
La principale accusatrice dello scandalo che coinvolge Epstein e la Maxwell stuzzica anche il principe Andrea: “Se fossi in lui mi preoccuperei”
Epstein & Maxwell, oltre al sesso il denaro
Epstein & Maxwell, oltre al sesso il denaro
I procuratori americani stanno passando al staccio strani movimenti di grosse somme di denaro che i due si sono scambiati per anni senza alcun motivo apparente
Ghislaine Maxwell, i potenti della Terra tremano
Ghislaine Maxwell, i potenti della Terra tremano
È la donna che potrebbe rovinare per sempre o scagionare personaggi illustri finiti nello scandalo pedofilo di Jeffrey Epstein. Primo fra tutti il principe Andrea, che l’FBI vuole sentire a tutti i costi
Arrestata Ghislaine Maxwell, la «maitresse» di Epstein
Arrestata Ghislaine Maxwell, la «maitresse» di Epstein
I potenti della Terra tremano: la reclutatrice del miliardario pedofilo catturata dall’FBI nel New Hampshire. Deve rispondere di stupro e induzione alla prostituzione di minorenni
Trovato il nascondiglio di Ghislaine Maxwell
Trovato il nascondiglio di Ghislaine Maxwell
L’amante-complice di Epstein avrebbe trovato rifugio da amici a Parigi e sembra intenzionata a restare in Francia per approfittare delle leggi sull’estradizione
Altre quattro donne accusano Weistein
Altre quattro donne accusano Weistein
Sarebbero state violentate o costrette ad atti sessuali in periodi diversi nelle suite dell’ex produttore. Le quattro, che hanno richiesto l’anonimato, hanno presentato una causa comune di risarcimento danni
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
La procura distrettuale di Los Angeles sta avviando le procedure per l’estradizione dell’ex produttore, che deve rispondere di uno stupro avvenuto a Beverly Hills nel 2010