Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein

| Ex modella polacca, faceva parte della class action con cui gli avvocati del produttore avevano raggiunto un accordo. Ma lei si è staccata presentando denuncia di stupro da sola: “Mi ha rovinato la vita”

+ Miei preferiti
John e Jane Doe non esistono: sono i due nomi utilizzati negli Stati Uniti per indicare qualcuno la cui identità è sconosciuta o deve restare segreta per motivi di sicurezza o su espressa richiesta dell’interessato.

Finora, Kaja Sokola era indicata esattamente così: Jane Doe. Faceva parte della schiera di 25 fra attrici ed ex dipendenti che fanno parte della class action contro Harvey Weinstein, per cui gli avvocati dell’ex produttore erano arrivati ad un accordo extragiudiziale da 25 milioni di dollari per chiudere ogni contenzioso.

Ma Kaja ha deciso di uscire allo scoperto tirandosi fuori dalla class action per portare avanti da sola la propria battaglia contro il produttore più famelico nella storia di Hollywood. “Non posso accettare quanto proposto come equo e giusto: non c’è giustizia per i responsabili, i compensi per le vittime sono ridicoli e a tirare fuori il denaro non sarà nemmeno lui, ma le sue assicurazioni. Pertanto, oggi presenterò la denuncia a mio nome, secondo quanto previsto dal Child Victims Act di New York”.

Di origini polacche, Kaja Sokola racconta di essere stata violentata da Weinstein nel 2002, quando era solo una ragazzina di 16 anni che si affacciava nel luccicante mondo della moda e sognava di debuttare nel cinema. Weinstein si era offerto di introdurla nelle produzioni che contano: dovevano incontrarsi in un ristorante per pranzo, ma all’ultimo Harvey l’aveva avvisata di un contrattempo pregandola di raggiungerlo nel suo appartamento. Il resto è facile immaginarlo.

Un’esperienza che ha segnato la giovane: “Ha cambiato e rovinato la mia vita. Da tempo ho smesso di fare la modella e per colpa di Harvey Weinstein ho rinunciato ai miei sogni di recitazione. Ho imparato sulla mia pelle che alcune ferite non guariscono mai del tutto. I ricordi degli abusi sessuali sono come la cicatrice lasciata da un’ustione, ma poiché colpisce la psiche, è invisibile a tutti. Rivelando la mia, spero di essere da esempio per chi ancora si tiene tutto dentro”.

Una nuova tegola per Weinstein, che grazie alle vicende di Jeffrey Epstein e del principe Andrea, era finito dopo tanto tempo in un confortante cono d’ombra. A 67 anni, Weinstein ha subito da poco un intervento di chirurgia alla schiena che l’ha costretto a presentarsi in tribunale con un deambulatore.

Galleria fotografica
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein - immagine 1
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein - immagine 2
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein - immagine 3
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein - immagine 4
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein - immagine 5
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Nell’ennesima richiesta di libertà condizionata, i legali della 59enne britannica denunciano violenze fisiche e mentali a cui sarebbe sottoposta la complice del pedofilo Jeffrey Epstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
Un giudice ha approvato un piano di liquidazione delle tante società dell’ex re Mida di Hollywood che include diversi fondi di liquidazione risarcitori per le sue vittime
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea