Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein

| Ex modella polacca, faceva parte della class action con cui gli avvocati del produttore avevano raggiunto un accordo. Ma lei si è staccata presentando denuncia di stupro da sola: “Mi ha rovinato la vita”

+ Miei preferiti
John e Jane Doe non esistono: sono i due nomi utilizzati negli Stati Uniti per indicare qualcuno la cui identità è sconosciuta o deve restare segreta per motivi di sicurezza o su espressa richiesta dell’interessato.

Finora, Kaja Sokola era indicata esattamente così: Jane Doe. Faceva parte della schiera di 25 fra attrici ed ex dipendenti che fanno parte della class action contro Harvey Weinstein, per cui gli avvocati dell’ex produttore erano arrivati ad un accordo extragiudiziale da 25 milioni di dollari per chiudere ogni contenzioso.

Ma Kaja ha deciso di uscire allo scoperto tirandosi fuori dalla class action per portare avanti da sola la propria battaglia contro il produttore più famelico nella storia di Hollywood. “Non posso accettare quanto proposto come equo e giusto: non c’è giustizia per i responsabili, i compensi per le vittime sono ridicoli e a tirare fuori il denaro non sarà nemmeno lui, ma le sue assicurazioni. Pertanto, oggi presenterò la denuncia a mio nome, secondo quanto previsto dal Child Victims Act di New York”.

Di origini polacche, Kaja Sokola racconta di essere stata violentata da Weinstein nel 2002, quando era solo una ragazzina di 16 anni che si affacciava nel luccicante mondo della moda e sognava di debuttare nel cinema. Weinstein si era offerto di introdurla nelle produzioni che contano: dovevano incontrarsi in un ristorante per pranzo, ma all’ultimo Harvey l’aveva avvisata di un contrattempo pregandola di raggiungerlo nel suo appartamento. Il resto è facile immaginarlo.

Un’esperienza che ha segnato la giovane: “Ha cambiato e rovinato la mia vita. Da tempo ho smesso di fare la modella e per colpa di Harvey Weinstein ho rinunciato ai miei sogni di recitazione. Ho imparato sulla mia pelle che alcune ferite non guariscono mai del tutto. I ricordi degli abusi sessuali sono come la cicatrice lasciata da un’ustione, ma poiché colpisce la psiche, è invisibile a tutti. Rivelando la mia, spero di essere da esempio per chi ancora si tiene tutto dentro”.

Una nuova tegola per Weinstein, che grazie alle vicende di Jeffrey Epstein e del principe Andrea, era finito dopo tanto tempo in un confortante cono d’ombra. A 67 anni, Weinstein ha subito da poco un intervento di chirurgia alla schiena che l’ha costretto a presentarsi in tribunale con un deambulatore.

Galleria fotografica
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein - immagine 1
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein - immagine 2
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein - immagine 3
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein - immagine 4
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein - immagine 5
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea
«A Weinstein resta poco da vivere»
«A Weinstein resta poco da vivere»
Gli avvocati dell’ex magnate hanno presentato un’istanza di scarcerazione su cauzione per gravissimi motivi di salute. Ma il giudice l’ha rigettata: non sta così male e se uscisse potrebbe sparire per sempre
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Un giornalista americano è riuscito a entrare in possesso di una copia della celebre agenda del miliardario pedofilo e ha chiamato tutti numeri, facendo oltre 2.000 telefonate
Ex prostituta confessa: «Sono stata violentata da Ghislaine Maxwell»
Ex prostituta confessa: «Sono stata violentata da Ghislaine Maxwell»
Aveva 21 anni quando finisce nel girone dantesco di Jeffrey Epstein: un’esperienza che ha sconvolto la vita di Samantha fino a trascinarla sui marciapiedi di Los Angeles
Nuove accuse per Harvey Weinstein
Nuove accuse per Harvey Weinstein
Contro l’ex re mida di Hollywood le accuse di stupro e violenze di altre due donne presentate alla procura di Los Angeles: se condannato, potrebbe scontare in carcere un totale di 140 anni
Caso Epstein, a breve tutti i nomi della sua cerchia
Caso Epstein, a breve tutti i nomi della sua cerchia
Un giudice della Isole Vergini ha ordinato la consegna integrale e completa dei registri di volo dei velivoli di proprietà del magnate pedofilo. E i Vip di mezzo mondo ricominciano a tremare
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
Alexandra Zarini, 35 anni, accusa il patrigno Joseph Ruffalo di averla violentata per anni, coperto dalla madre e dalla nonna, che sapevano tutto ma le chiedevano il silenzio per evitare uno scandalo
Quel che resta del «Lolita Express»
Quel che resta del «Lolita Express»
Un quotidiano inglese è riuscito a salire a bordo dell’aereo che Jeffrey Epstein utilizzava per portare amici Vip e ragazzine nelle sue residenze. Giace in completo abbandono in una pista di un aeroporto della Georgia