Karl Lagerfeld contro #MeToo

| Lo stilista tedesco attacca i movimenti femministi nati all'indomani dello scandalo Weinstein: “Se non vuoi che qualcuno ti tolga le mutandine vai in convento”

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Non va per il sottile, come sempre, senza alcun timore di possibili critiche o conseguenze: andare controcorrente, per Karl Lagerfeld è più di una missione, è la ragione stessa dell’esistenza. Ma è facile immaginare che le reazioni ci saranno, non appena le parole consegnate alle pagine del settimanale francese “Numéro” finiranno di fare il giro del mondo.

Il “Kaiser Karl”, com’è conosciuto lo stilista più irriverente del pianeta, sulla strada degli 86 anni, ha scelto di dire la sua sullo scandalo sessuale che dopo aver minato nel profondo il mondo del cinema ha attaccato quello della moda, svelando grazie ad accuse e rivelazioni un altro girone infernale di sesso e depravazioni. Secondo Lagerfeld, l’ondata ipocrita dei movimenti è riuscita soltanto a rendere difficile il lavoro dei professionisti del fashion system.

“Sono stanco del movimento #MeToo, come delle modelle e delle attrici che parlano di molestie sessuali: dovrebbero sapere a cosa vanno incontro”. Nomi ne fa pochi, a parte difendere strenuamente Karl Templer, ormai ex direttore creativo del mensile “Interview”, finito nella bufera con l’accusa di svestire le modelle senza alcun permesso o consenso.

“Ho letto da qualche parte che ora bisogna chiedere alle modelle se si sentono a loro agio mentre lavorano, ma se non vuoi che qualcuno ti tolga le mutandine non fare la modella: entra in un convento, lì ci sarà sempre un posto per te”.

I dubbi di Lagerfeld anche verso attrici e modelle che hanno scelto di svelare gli abusi subiti a decenni di distanza: “Quel che mi sconvolge è che hanno avuto bisogno di vent’anni per capire cos’era successo, e senza contare che la maggior parte delle volte non c’è nessun testimone che possa confermare o smentire”.

Una posizione dura che comunque non salva Harvey Weinstein, il principale accusato dell’enorme scandalo, verso cui Lagerfeld non ha mai nutrito alcun sentimento di stima o amicizia: “Lo odio”.

Stilista e fotografo tedesco, nato ad Amburgo nel settembre del 1933, Karl Lagerfeld è un “free lance” della moda, un creatore indipendente capace di lavorare per se stesso come per le griffe più celebri del mondo: Chloé, Fendi e Chanel, di cui è direttore creativo.

Cresciuto in una famiglia di banchieri che ha fatto fortuna introducendo il latte condensato in Germania, nel 1953 Karl si trasferisce con la madre a Parigi, dove si fa notare nel vincendo due concorsi per stilisti emergenti, il primo indetto da Pierre Balmain, il secondo da Yves Saint Laurent, ai tempi direttore creativo di “Dior”.

Malgrado gli riesca di entrare a bottega dai più grandi nomi della moda, Lagerfeld si spazientisce in fretta, scegliendo di aprire un proprio spazio a Parigi, dopo essersi consultato con la veggente di fiducia che gli predice il successo nel mondo del fashion.

La “Lagerfeld” nasce ufficialmente nel 1980: realizza abiti, profumi e accessori, ma senza mai smettere di collaborare con marchi e griffe, a volte anche di profilo più basso, come la catena “H&M”, o scegliendo di lasciare la sua impronta nell’industria dello spettacolo con i costumi dei tour di Madonna, Kylie Minogue e Marilyn Manson. Per lui sfilano le top-model più importanti della storia della moda, fra cui Claudia Schiffer, forse la più amata di tutte.

Personaggio a tutto tondo, eccentrico, geniale e a tratti schizofrenico, da molti definito un nuovo Andy Warhol, Lagerfeld ha fatto notizia anni fa per l’incredibile trasformazione del suo corpo: riesce a perdere 42 kg in poco più di un anno, sottoponendosi alla dieta studiata da un medico parigino, da quel momento ribattezzata “The Karl Lagerfeld Diet”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ashley Judd: ho abortito dopo uno stupro
Ashley Judd: ho abortito dopo uno stupro
L’attrice americana, fra le prime ad accusare Weistein, ha raccontato di aver subito tre stupri e di essere rimasta incinta: “Non potevo pensare di diventare madre del figlio del mio violentatore”
Allison Mack, il diavolo di Hollywood
Allison Mack, il diavolo di Hollywood
La star di “Smalville” confessa di aver fatto parte di “Nxvim”, la setta per cui reclutava giovani donne da ridurre in schiavitù sessuale. Un’indagine che era nata da un’inchiesta del New York Times nel 2017, coinvolti altri nomi celebri
Foto alle pallavoliste nello spogliatoio: denunciato
Foto alle pallavoliste nello spogliatoio: denunciato
Allenatore 28enne scattava le immagini da un lucernario: sorpreso, è stato denunciato ai carabinieri. Subito cacciato dalla società di Carpi
Scusi, lei è un pedofilo? E Michael Jackson se la ride
Scusi, lei è un pedofilo? E Michael Jackson se la ride
Spunta dagli archivi di uno studio legale un video di 3 ore dove per la prima e unica volta il Re del Pop viene interrogato sugli abusi sessuali. Nervoso ed evasivo, si paragonò a Gesù
Sesso sull'auto-pattuglia, agente e prof licenziati
Sesso sull
Il vice-sceriffo di Indian River aveva dato un passaggio all'insegnante dopo una partita tra studenti ma aveva lasciato una traccia sul sedile dell'auto. I colleghi hanno scoperto che il Dna era il suo. "E' cioccolato bianco", si era difeso
Inizia a maggio il processo a Weinstein
Inizia a maggio il processo a Weinstein
Il 6 maggio, l’ex padrone di Hollywood dovrà comparire in tribunale per rispondere di cinque capi d’accusa. Quasi 100 sono le donne che lo accusano
"Non pagherò per cosa non ho fatto"
"Non pagherò per cosa non ho fatto"
Un sorridente Kevin Spacey sotto scorta in Tribunale per difendersi dalle accuse di molestie sessuali verso un cameriere di Nantucket. Si dichiara "innocente" ma rischia cinque anni di carcere
Spacey obbligato a presentarsi in Tribunale
Spacey obbligato a presentarsi in Tribunale
L'attore, accusato di avere aggredito sessualmente un 18enne a Nantucket nel 2016, aveva chiesto ai giudici di non comparire durante il processo. Richiesta respinta
Kevin Spacey predatore, spunta un video
Kevin Spacey predatore, spunta un video
L'attore avrebbe pesantemente molestato un cameriere 18enne, cercando di convincerlo a seguirlo in albergo. Ma la vittima era riuscita a filmarlo durante l'aggressione. Fra pochi giorni il via al processo in scena a Boston