La sistematica demolizione di un principe

| Il “Daily Mail” ha rintracciato un’ex massaggiatrice professionista che, invitata a Buckingham Palace, si era ritrovata davanti al principe completamente nudo. Attesa per l’intervista bomba che la BBC trasmetterà lunedì

+ Miei preferiti
Il pezzo forte è atteso lunedì, quando la BBC manderà in onda l’intervista integrale a Virginia Roberts Giuffre, secondo capitolo dopo quella tanto discussa del principe Andrea. Le anticipazioni, riprese dai media di tutto il mondo, promettono un mezzo maremoto, perfino peggiore di quanto il Duca di York è stato costretto a subire dal giorno successivo alla sua disastrosa intervista. Basta una frase della Roberts per fare capire l’avvicinarsi di un sisma che farà molto rumore nei corridoi di Buckingham Palace: “Lui sa bene cosa è successo, e solo uno di noi di due sta dicendo la verità”.

Ma per ingannare l’attesa, gli scatenati tabloid inglesi che da sempre si divertono a stritolare la Royal Family, sono riusciti a lanciare un’altra tegola sulla fronte del principe in disgrazia. Una demolizione sistematica che questa volta ha come protagonista Monique Giannelloni, ai tempi un’anonima massaggiatrice professionista (come ci tiene a sottolineare lei) che fra le sue ricche clienti londinesi aveva Ghislaine Maxwell, la complice di Jeffrey Epstein e buona amica anche di Andrea. È lei, un giorno, a dirle: “Ti presenterò una persona più famosa di Dio”.

Qualche settimana dopo l’assistente personale del Duca, Charlotte Manley, la invita a presentarsi a Buckingham Palace il 30 giugno del 2000 per un massaggio, ma senza specificare a chi. Che qualcosa di strano stesse accadendo, Monique racconta di averlo capito quasi subito, perché il suo nome non era nella lista delle persone attese a palazzo, ma chi era di guardia agli ingressi della residenza reale sapeva e oltre a non registrarla ha limitato al massimo le procedure di controllo, evitando anche la perquisizione. Monique attraversa sale e corridoi seguendo un valletto di corte: “Sono cresciuta in Sud Africa, e camminare per Buckingham Palace è qualcosa che non avrei mai potuto immaginare in vita mia. Mentre percorrevo i corridoi non vedevo nient’altro che splendore. C’erano bellissime tende drappeggiate e un tappeto che correva lungo il corridoio, alle pareti quadri con i membri della famiglia reale attraverso i secoli e vasi bellissimi sui tavoli”.

Monique entra nella camera da letto, il principe le sorride, le stringe la mano dicendole “Ciao, benvenuta”, poi si scusa ed entra in bagno. “Era una stanza molto grande. Mentre sbirciavo la meravigliosa vista dalla finestra ho montato velocemente il mio lettino da massaggio. Poi il principe è uscito dal bagno, completamente nudo. Non sapevo dove guardare, non lo conoscevo e ricordo di aver pensato che era molto inopportuno farlo senza prima discuterne con me. Sono una massaggiatrice professionista, sono abituata per mestiere ad avere a che fare con persone seminude, ma in così sfacciato mi era successo molto di rado. Non conoscevo Andrew e non ho mai incontrato nessuno della famiglia reale, come nessuno a Buckingham Palace sapeva chi fossi. Poi ho pensato che forse era abituato così, capricci da ricchi, e non ho detto altro”.

Prima di allora, Monique Giannelloni era stata due volte nella residenza di Belgravia di Ghislaine Maxwell, e durante i trattamenti la donna le aveva chiesto: “Sai chi sono, tesoro? Dovresti leggere i tabloid, sono una celebrità”. Tornata a casa, Monique prova a fare qualche ricerca in rete e trova la sua cliente: era la figlia del magnate dei media Robert Maxwell, c’erano foto di lei al fianco del principe Andrew e in feste esclusive.

Quel giorno a Buckingham Palace non successe nulla di più, ricorda Monique, che oggi ha 52 anni, due figli e insieme al marito gestisce un ristorante nel sud della Francia. Ma secondo i tabloid è quanto basta per accendere un altro riflettore sulla vita del Principe Andrea.

Galleria fotografica
La sistematica demolizione di un principe - immagine 1
La sistematica demolizione di un principe - immagine 2
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Nell’ennesima richiesta di libertà condizionata, i legali della 59enne britannica denunciano violenze fisiche e mentali a cui sarebbe sottoposta la complice del pedofilo Jeffrey Epstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
Un giudice ha approvato un piano di liquidazione delle tante società dell’ex re Mida di Hollywood che include diversi fondi di liquidazione risarcitori per le sue vittime
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea