“Lasciamo che gli uomini facciano gli uomini”

| Catherine Deneuve e altre 100 donne firmano una sorta di manifesto in cui si dicono preoccupate: non costringiamo i maschi ad aver paura di corteggiarci. Sarebbe un errore epocale

+ Miei preferiti
È tempo di dare aria al primo dietrofront, da quando il caso Weinstien è esploso in tutto il mondo, con tutta la sua fragorosa pioggia di lapilli. A guidare le file delle donne preoccupate che i rapporti fra i due sessi cambino radicalmente è Catherine Deneuve che dall’altro dei suoi 75 anni, si mette idealmente a capo di un drappello formato da un centinaio di donne, fra cui la giornalista Elisabeth Lévy, la scrittrice Catherine Robbe-Frillet, l’editrice Joelle Losfeld e l’attrice Ingrid Caven, sono autrici di un editoriale pubblicato sul quotidiano “Le Monde” in cui si dice semplicemente basta, perché di questa situazione non se ne può più: “Lasciate agli uomini il sacrosanto diritto di importunarci”.

“Proteggere le donne – scrive ‘il collettivo’ femminile – non deve incatenare le donne a ruolo di vittime eterne. Il femminismo non è odio verso gli uomini e la loro sessualità. Lo stupro è un crimine, ma il tentativo di ‘rimorchio’ no, così come non può esserlo la galanteria di un corteggiamento”.

Il gruppo, si legge nell’appello lanciato sul quotidiano, si dice preoccupato, perché dopo il caso Weinstein si è assistito ad una legittima presa di coscienza sulle violenze esercitate da troppo tempo sulle donne, “Ma per contro, questa liberazione si è rivoltata fino ad arrivare all’opposto: ci viene intimato di parlare bene e non provocare, e chi rifiuta è vista come complice e traditrice”.

In effetti, la caccia alle streghe scatenata dal caso del produttore hollywoodiano rischia di spalancare le porte ad un’epoca di neo-puritanesimo in cui il maschio, per natura cacciatore, si senta relegato in uno spazio angusto in cui ogni possibile “avances” sia scambiata per tentata violenza, con tanto di sputtanamento mediatico. “Una campagna diffamatoria per niente utile alle donne, ma ai nemici stessi della libertà sessuale, agli estremisti religiosi e a tutti coloro che credono che le donne siano essere umani diversi, che necessitino di essere protette ad ogni costo”.

“Tanti uomini - conclude l’appello controcorrente - sono stati costretti alle dimissioni o ci hanno rimesso la carriera quando tutto ciò che hanno fatto è stato toccare un ginocchio, tentare di rubare un bacio, affrontare argomenti intimi o inviare messaggi a donne per cui quell’attrazione non era reciproca”. Ma questo, come dire, ci sta, fa parte del gioco delle parti da che mondo è mondo. Il resto, è solo una caccia alle streghe.

Sex scandals
Il principe Andrea
sulla graticola televisiva
Il principe Andrea<br>sulla graticola televisiva
In un’intervista attesissima che sarà trasmessa questa sera dalla BBC, il Duca di York accetta per la prima volta di parlare delle accuse che gli ha rivolto Virginia Roberts, la schiava sessuale di Epstein
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Caso Epstein: un fondo per risarcire le vittime
Caso Epstein: un fondo per risarcire le vittime
Lo propongono i due curatori del testamento del finanziere pedofilo, senza però indicare la cifra. La perplessità degli avvocati delle donne, che pretendono si parli dell’intero patrimonio, pari a 577 milioni di dollari
Katie Hill, scandalo sessuale al Congresso americano
Katie Hill, scandalo sessuale al Congresso americano
Giovane promessa dei Dem, è finita al centro di una vicenda per aver avuto rapporti sessuali con due collaboratori. E sul più bello saltano fuori diverse foto molto compromettenti
Virginia Roberts: “Un’orgia con Epstein e il principe Andrea”
Virginia Roberts: “Un’orgia con Epstein e il principe Andrea”
L’ex schiava sessuale del finanziere pedofilo continua a svelare particolari della sua allucinante adolescenza. Una volta subì così tanta violenza fisica da finire all’ospedale con emorragie interne
Caso Epstein: l’ora di Bill Gates
Caso Epstein: l’ora di Bill Gates
Finora solo sfiorato dall’inchiesta sul miliardario pedofilo, il co-fondatore della Microsoft è finito sotto la lente d’ingrandimento del New York Times, che ha ricostruito i rapporti fra i due
Il nuovo scandalo scatenato da Ronan Farrow
Il nuovo scandalo scatenato da Ronan Farrow
Nel libro “Catch and Kill”, il giornalista che diede il via al caso Weinstein racconta i retroscena dell’inchiesta e pubblica un’intervista con la donna che ha denunciato per stupro Matt Laurer, uno dei più celebri anchorman americani
Nuova inchiesta per Luc Besson, accusato di stupro
Nuova inchiesta per Luc Besson, accusato di stupro
Un magistrato ha deciso di riaprire il caso della denuncia presentata dall’attrice olandese Sand Van Roy, respinta pochi mesi fa per mancanza di prove
“Le tre volte in cui ho fatto sesso con il principe”
“Le tre volte in cui ho fatto sesso con il principe”
Virginia Roberts Giuffre, una delle donne che hanno accusato il defunto finanziere Jeffrey Epstein di abusi sessuali, ha rivelato nuovi dettagli sul principe inglese Andrea
Il benefattore Dem è un predatore sessuale
Il benefattore Dem è un predatore sessuale
Ed Buck, finanziatore di Obama e dei Dem USA, arrestato a LA. Fingeva di aiutare tossici gay afro-americani e li drogava a loro insaputa. Almeno 10 le vittime di overdose. Gli avvocati: "Un mostro che nessuno voleva fermare"