Le 100 storie di Natalie

| In un’intervista, la Portman racconta di aver dovuto fronteggiare centinaia di molestie. Per reazione, ha rifiutato per lungo tempo ruoli in cui erano previste scene di sesso: sul set, dice, le donne hanno sempre i ruoli più umili

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Nemmeno 20 premi fra cui l’Oscar, il Golden Globe e il Bafta, e 38 Nominations diverse, a Hollywood valevano come salvacondotto. Lo ha rivelato, fra le ultime ad unirsi al coro, Natalie Portman, intensa, bella e sofisticata interprete, così testarda e potente da potersi permettere di scegliere sempre i ruoli che le piacevano di più, ma non abbastanza da scamparla. L’occasione per svelarlo, un’intervista a cuore aperto con il “Poter Magazine”, in cui l’attrice ha raccontato non una molestia subita in carriera, ma addirittura centinaia. Una confessione accompagnata da un senso di colpa: “Ammetto di essere passata dal pensare di non aver nessuna storia da raccontare dall’averne più di cento. Ma credo che in molti si stiano rendendo conto che certe cose si davano quasi per scontate, perché facevano parte di un meccanismo”.

Cento storie su cui evita di scendere nei dettagli, a parte una, un viaggio su un aereo privato in compagnia di un produttore di cui evita di fare il nome: “C’era un solo letto preparato. Non è successo nulla, non fui assalita: ma ho dovuto comunque spiegare che la situazione mi metteva in forte disagio. Fui rispettata, ma non andava bene comunque: era una tattica inaccettabile e manipolatrice”.

Poi l’ammissione di aver detto di no a tanti progetti perché i ruoli proposti l’avrebbero costretta a donna oggetto: “Non volevo recitare scene a sfondo sessuale, perché all’inizio della mia carriera venivo definita una ‘Lolita’, e non mi piaceva per niente”.

Per finire, la stoccata all’ambiente hollywoodiano: “È un mondo dominato dai maschi, e sui set le donne sono spesso quelle che lavorano al trucco o al guardaroba. Credo sia stato anche un diabolico tentativo di impedire ogni tipo di coalizione: non riuscivamo a pensare che altre centinaia di donne avevano vissuto le nostre stesse esperienze”.

Nata a Gerusalemme nel 1981, Natalie Hershlag aveva solo 13 anni quando il regista Luc Besson la preferisce a Liv Tyler per il ruolo di Mathilda, la ragazzina che impara il mestiere di sicario dal rude Léon, interpretato da Jean Reno.

È l’inizio di una carriera, ma come racconterà anni dopo, anche di un’attenzione quasi maniacale ai ruoli da interpretare, scartando quelli in cui erano previste scene di sesso. Vegetariana convinta e accesa sostenitrice dei diritti degli animali, nel 2011 ha conquistato l’Oscar come miglior attrice protagonista per l’interpretazione ne “Il cigno nero”. È proprio sul set della pellicola che incontra il ballerino e coreografo Benjamin Millepied: nel giugno del 2011 nasce Aleph, l’anno dopo si sposano con una cerimonia a rito ebraico su una spiaggia californiana, e nel febbraio del 2017 alla famiglia si unisce la piccola Amalia.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”
Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”
Nella denuncia appena presentata, l’ennesima vittima del miliardario pedofilo racconta un incontro con l’allora tycoon: “Sorridevano complici, erano amici”
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le due isole caraibiche in cui per anni il miliardario ha ospitato, rinchiuso e violentato centinaia di ragazzine, sono entrate nel mirino dell’arcipelago americano
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
La supermodella potrebbe comparire fra i 120 giurati che decideranno le sorti dell’ex produttore di Hollywood accusato di stupro
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Chauntae Davies, una giovane reclutata da Ghislaine Maxwell, nel 2002 ha partecipato ad un viaggio in Africa in cui erano presenti Kevin Spacey e l’ex presidente Clinton, definito “un vero gentiluomo”
The Harvey Weinstein show
The Harvey Weinstein show
L’ex produttore hollywoodiano è arrivato in tribunale con il deambulatore: rischia l’ergastolo. A scaldare la folla in attesa ci ha pensato Rose McGowan, una delle sue prime accusatrici
Harvey Weinstein si prepara al processo
Harvey Weinstein si prepara al processo
A poche ore dall’inizio delle udienze in cui dovrà rispondere di due stupri, l’ex produttore si è confidato con la CNN
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
La complice del miliardario pedofilo Jeffrey Epstein vivrebbe spostandosi di continuo, sotto la protezione delle intelligence di potenze straniere per via dei tanti i segreti pericolosi di cui è conoscenza
La cugina Christina, l’ultimo imbarazzo della Royal Family
La cugina Christina, l’ultimo imbarazzo della Royal Family
Cugina di secondo grado di Andrea e scrittrice di successo, Christina Oxemberg sta raccontando a puntate che Epstein e la Maxwell lo consideravano “un povero idiota”. Pesanti rivelazioni anche sulla sua famiglia
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein
Ex modella polacca, faceva parte della class action con cui gli avvocati del produttore avevano raggiunto un accordo. Ma lei si è staccata presentando denuncia di stupro da sola: “Mi ha rovinato la vita”