Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein

| Le due isole caraibiche in cui per anni il miliardario ha ospitato, rinchiuso e violentato centinaia di ragazzine, sono entrate nel mirino dell’arcipelago americano

+ Miei preferiti
È cosa ormai nota che Jeffrey Epstein possedeva due isole private dei Caraibi in cui per almeno due decenni sono arrivate e ripartite centinaia di ragazzine, tutte costrette a passare attraverso i letti del magnate e a volte dei suoi amici Vip. La prima, l’isola di Little St. James, 29 ettari di proprietà, l’ha comprata nel 1998 per 7,95 milioni di dollari. La seconda, Great St. James Island, è diventata sua nel 2016 per 18 milioni di dollari. Tutti sapevano cosa succedesse lì dentro, gli abitanti del posto le chiamavano “Pedophile Islands” o “Orgy Island”, ma tutti tacevano, perché Epstein era ricco, potente e sapeva ungere le ruote del meccanismo infernale che aveva creato.

Anche di questo, Jeffrey il pedofilo non potrà mai rispondere: si è ucciso in una cella del carcere di New York togliendo alle sue vittime il piacere di vederlo condannato. Ma dietro di lui le polemiche non si placano, e immersi nel fango più profondo restano suoi amici intimi come il principe Andrea, al momento quello che in questa storia ci ha rimesso di più.

Ma ora, perfino le Virgin Island si muovono, intentando una causa contro il patrimonio di Epstein. Secondo i legali del territorio incorporato negli Stati Uniti, il finanziere ha usato illegalmente le sue due isole private per abusare di ragazze che a volte non superavano i 12 anni. Molte delle vittime erano aspiranti modelle sudamericane, e per spostarle a piacere attraverso le frontiere Epstein usava falsi visti, servendosi di collaboratori e funzionari compiacenti. Pare addirittura che per gestire la continua rotazione di ragazzine usasse un software collegato ad un database che gestiva arrivi e partenze. Dall’inchiesta è emerso i controllori del traffico aereo dell’arcipelago hanno annotato i continui spostamenti di Epstein, proseguiti almeno fino al 2018, poco tempo prima di essere arrestato. Fino ad allora, Epstein - con l’aiuto di una rete di complici ancora da svelare - “ha trafficato, violentato, aggredito sessualmente e tenuto prigioniere” decine di minorenni nelle sue proprietà.

Sempre secondo l’inchiesta, una volta Epstein e i suoi soci hanno organizzato una squadra di ricerca per riportare sull’isola una quindicenne che cercava di scappare a nuoto dopo essere stata costretta a fare sesso con lui: il passaporto della ragazza era stato confiscato per tenerla prigioniera.

La causa intentata dall’arcipelago ha come finalità la confisca delle proprietà di Epstein nelle Virgin Island, stimate in 577,7 milioni di dollari.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Caso Epstein, la testimone che 10 anni fa poteva fermarlo
Caso Epstein, la testimone che 10 anni fa poteva fermarlo
Non è stata mai ascoltata dalle autorità giudiziarie, perché attraverso i suoi legali il finanziere era riuscito a stipulare un accordo, giocando con appelli e contestazioni per rimandare ogni cosa
Processo Weinstein, la parola alla giuria
Processo Weinstein, la parola alla giuria
Si avvia alla conclusione il processo contro l’ex produttore di Hollywood: i 12 giurati si sono chiusi in camera di consiglio per valutare gli atti di accusa e l’attendibilità delle testimonianze. Consapevoli che sarà una sentenza storica
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea
Dopo Jeffrey Epstein scoppia il caso dell’eccentrico stilista canadese Peter Nygard, anche lui accusato di stupro e violenza da diverse donne
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
“The Legal Rottweiler” parte sempre all’attacco, facendo vacillare le presunte vittime dell’ex produttore alla sbarra a New York. Nella sua carriera 39 assoluzioni su 40 casi di reati sessuali
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Emanuela Postacchini, 29 anni, da anni a Los Angeles, ha raccontato in aula di essere stata attirata in una stanza d’albergo per fare sesso a tre
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Soprusi, abusi, feste esclusive, commenti: dietro le quinte dell’olimpo delle top model si celavano i comportamenti di due altissimi dirigenti
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Una delle donne che accusa l’ex produttore di stupro racconta ai giudici la scena della violenza. Ma poi aggiunge di aver avuto una relazione con lui
Processo Weinstein, la testimonianza di altre 2 vittime
Processo Weinstein, la testimonianza di altre 2 vittime
Un’ex costumista che sognava di recitare e un’aspirante modella sono passate dalle grinfie dell’ex produttore. Ad una ho proposto sesso a tre per fare carriera: “Charlize Theron e Selma Hayek hanno fatto così”
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare
L’accusa nel corso di una conferenza stampa del procuratore di New York: “Abbiamo richiesto più volte di poter interrogare il duca di York, ma non abbiamo avuto risposta”