L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare

| L’accusa nel corso di una conferenza stampa del procuratore di New York: “Abbiamo richiesto più volte di poter interrogare il duca di York, ma non abbiamo avuto risposta”

+ Miei preferiti
Per Andrea, il secondogenito della regina, l’ennesima magra figura nel giro di pochi mesi arriva dalle parole di Geoffrey Berman, procuratore federale di New York, che in una conferenza stampa indetta per spiegare lo stato delle indagini sul caso di Jeffrey Epstein, ha puntato il dito contro il duca di York.

“Dal principe Andrew non c’è stata alcuna collaborazione. Eppure, il duca si era pubblicamente messo a disposizione delle autorità americane”. Il riferimento è alla disastrosa intervista concessa alla BBC lo scorso novembre, costata al rampollo reale il ritiro forzoso dalle attività pubbliche della Royal Family, in cui si era detto pronto a fare la propria parte per raggiungere la verità.

La realtà è ben diversa: l’FBI avrebbe più volte contattato i legali del principe per stabilire le condizioni per una deposizione, ma da Buckingham Palace non è mai arrivata alcuna risposta. “È giusto che l’opinione pubblica sappia che il principe Andrea non ha rispettato la parola data. Jeffrey Epstein non avrebbe potuto fare quello che ha fatto senza poter contare sull’aiuto di altri: possiamo assicurare che l’indagine sta andando avanti”.

I legali di Virginia Roberts Giuffre, l’ex schiava sessuale di Epstein che accusa il principe di averla accolta per tre volte nel suo letto, su obbligo del magnate pedofilo morto suicida, sono partiti all’attacco, ricordando che “Il principe dovrebbe prendere in seria considerazione una regola che vale in questo paese: nessuno è al di sopra della legge. Ma dobbiamo ammettere con molta amarezza che le vittime di Epstein non si aspettavano un atteggiamento diverso da questo”. 

I tabloid inglesi sono partiti all’attacco: quasi tutti riportano la notizia in prima pagina, dedicando ampio spazio alla vicenda. “The Sun” ha pubblicato un falso annuncio di ricerca di persona scomparsa dell'FBI che sta facendo il giro del web.

Galleria fotografica
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare - immagine 1
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Decine di giovani donne sarebbero state costrette alla schiavitù sessuale su un’app di messaggistica criptata. Arrestato l’uomo che gestiva un traffico in cui fra le vittime ci sono molte minorenni
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
L’ex socialite britannica, complice del miliardario pedofilo, ha avviato una causa affermando che Epstein le aveva assicurato il proprio appoggio economico
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Dopo la lettura della sentenza, l’ex produttore ha chiesto la parole rivolgendosi alle sue accusatrici. Lo attende un altro processo per stupro e tentata violenza Los Angeles
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Secondo i giudici americani, il duca di York avrebbe escluso ogni possibilità di deporre davanti all’FBI. La giustizia statunitense “valuta altre opzioni”
La vita del detenuto Harvey Weinstein
La vita del detenuto Harvey Weinstein
Dai reda carpet più prestigiosi al più sinistro carcere d’America: l’ex produttore attende di conoscere gli anni che dovrà scontare fra appelli dei suoi avvocati e infermerie
Timothy Hutton accusato di stupro
Timothy Hutton accusato di stupro
Secondo una donna oggi 50enne, l’attore l’avrebbe violentata in un hotel di Vancouver. Lui respinge ogni accusa e spiega di essere tormentato dalle richieste di denaro e minacce della donna
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
L’impero del finanziere pedofilo comprendeva 15 società a responsabilità limitata e 10 spa, due isole caraibiche, diverse residenze e numerose auto di lusso, per un totale di 636 milioni di dollari
USA: la giustizia punta Peter Nygard
USA: la giustizia punta Peter Nygard
È il nuovo nome nello scandalo dei ricchi che approfittano di ragazzine minorenni. Sul conto dello stilista canadese non c’è ancora alcuna accusa formale, ma l’FBI ha fatto irruzione nei suoi uffici
Harvey Weinstein condannato
Harvey Weinstein condannato
La giuria del tribunale di New York ha condannato l’ex produttore per violenza sessuale di primo e terzo grado: rischia fino a 25 anni di galera. Assolto dai reati più gravi. A breve l’inizio di un nuovo processo in California