Lo scandalo che fa tremare
il mondo che conta

| Da Jeffrey Epstein, il finanziere con il vizietto per le adolescenti, ad Andrea duca di York, Bill Clinton e Donald Trump, ormai lambiti da un clamoroso caso di pedofilia. Molti di loro li accusa Virginia, una "schiava sessuale"

+ Miei preferiti
Secondo i media americani e inglesi, che seguono la vicenda dall’inizio, il caso del miliardario Jeffrey Epstein, arrestato per pedofilia e traffico sessuale, è potenzialmente molto più devastante di quello hollywoodiano che ha come capofila Harvey Weinstein.

Sul nome di Epstein, classe 1957, potente finanziere americano, pendono fino a 45 anni di carcere. Il problema è il resto, i nomi racchiusi nei 2000 file finiti negli atti della Corte d’Appello americana, pieni zeppi di nomi noti ed eccellenti che a vario titolo hanno approfittato del giovanissimo harem creato dal finanziere. Si parla senza specificare di politici, dirigenti, leader mondiali e nobili, categoria a cui è sfuggito qualche nome, decisamente eclatante come Andrew, il duca di York, secondogenito di Elisabetta, fratello di Carlo e zio di William e Harry, ottavo in linea di successione al trono.

Il detonatore del nuovo scandalo si chiama Virginia Roberts, 34enne che ha raccontato di essere stata reclutata a 16 anni da Ghislaine Maxwell, stretta collaboratrice di Epstein, come “schiava sessuale”, adibita al piacere del capo ma anche ad essere “prestata” a suoi amici potenti, come lei stessa ammette sia successo dietro pagamento di 15mila dollari con il nobile Andrea per almeno tre volte: la prima a Londra, la seconda nei Caraibi e la terza a New York. Non è che un episodio, perché a quanto si dice, nelle faraoniche residenze del magnate si aggiravano decine di adolescenti nude, pronte e allenate ad accontentare Jeffrey il generoso.

Ma non è finita, questo è solo l’inizio, perché la macchia d’olio dello scandalo ha ormai lambito le coste della politica americana, gettando nella bufera il segretario al lavoro Alexander Acosta, accusato di aver concesso ad Epstein un vantaggioso patteggiamento quando era procuratore in Florida, e di cui i Democratici chiedono la testa con insistenza. Tremano i vetri anche nelle residenze esclusive di altri amici eccellenti di Epstein come Bill Clinton, Kevin Spacey e Donald Trump. Dell’attuale presidente, “Bloomberg” è riuscito a scovare una dichiarazione affettuosa nei confronti di Epstein: “Lo conosco da anni, ragazzo fantastico. Si dice anche gli piacciano le belle donne tanto quanto me, e molte di loro sono giovani”. Ma anche Trump, messo al corrente delle abitudini borderline del finanziare, era stato costretto a farlo allontanare dal golf club di Mar-a-Lago. Riguardo a Clinton, sono stati contati almeno 26 voli sul “Lolita Express”, equivoco nome del Boeing 727 privato di Epstein su cui pare andassero in scena orge d’alta quota. In ambasce è finito anche Alan Dershowitz, ex avvocato di Epstein, che accusa la Roberts di essere una “bugiarda seriale” insieme a colleghi che la difendono, i legali Paul Cassel e Brad Edwards che Dershowitz spera di poter sbattere in galera insieme alla donna.

Il duca di York nega tutto, dall’inizio alla fine, anche se per i tabloid inglesi ha sempre avuto amicizie pericolose, ma tutti sono pronti a scommettere che non ha alcuna intenzione di testimoniare, neanche se chiamato dalla giustizia americana. Secca smentita a presa di distanza anche da Bill Clinton: l’ex presidente non sapeva nulla delle abitudini pedofile di Epstein, anche se non ha ancora spiegato per quale motivo preferiva gli aerei di Epstein a tutti quelli che aveva a disposizione.

E la vittima? Soltanto nel 2003, Virginia Roberts è riuscita a sottrarsi alla bolla di sesso e lusso in cui viveva: oggi vive in Australia ed è mamma di tre bambini. 

Galleria fotografica
Lo scandalo che fa tremare<br>il mondo che conta - immagine 1
Lo scandalo che fa tremare<br>il mondo che conta - immagine 2
Lo scandalo che fa tremare<br>il mondo che conta - immagine 3
Lo scandalo che fa tremare<br>il mondo che conta - immagine 4
Lo scandalo che fa tremare<br>il mondo che conta - immagine 5
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell, le amicizie pericolose
Ghislaine Maxwell, le amicizie pericolose
Secondo un conoscente, la complice di Epstein avrebbe “un’assicurazione sulla vita” con migliaia di foto e video in cui ricchi e potenti si lasciano andare fra ragazzine e droghe. “Se dovesse andare a fondo, se li poterà tutti con sé”
Virginia Roberts: Ghislaine deve marcire in galera
Virginia Roberts: Ghislaine deve marcire in galera
La principale accusatrice dello scandalo che coinvolge Epstein e la Maxwell stuzzica anche il principe Andrea: “Se fossi in lui mi preoccuperei”
Epstein & Maxwell, oltre al sesso il denaro
Epstein & Maxwell, oltre al sesso il denaro
I procuratori americani stanno passando al staccio strani movimenti di grosse somme di denaro che i due si sono scambiati per anni senza alcun motivo apparente
Ghislaine Maxwell, i potenti della Terra tremano
Ghislaine Maxwell, i potenti della Terra tremano
È la donna che potrebbe rovinare per sempre o scagionare personaggi illustri finiti nello scandalo pedofilo di Jeffrey Epstein. Primo fra tutti il principe Andrea, che l’FBI vuole sentire a tutti i costi
Arrestata Ghislaine Maxwell, la «maitresse» di Epstein
Arrestata Ghislaine Maxwell, la «maitresse» di Epstein
I potenti della Terra tremano: la reclutatrice del miliardario pedofilo catturata dall’FBI nel New Hampshire. Deve rispondere di stupro e induzione alla prostituzione di minorenni
Trovato il nascondiglio di Ghislaine Maxwell
Trovato il nascondiglio di Ghislaine Maxwell
L’amante-complice di Epstein avrebbe trovato rifugio da amici a Parigi e sembra intenzionata a restare in Francia per approfittare delle leggi sull’estradizione
Altre quattro donne accusano Weistein
Altre quattro donne accusano Weistein
Sarebbero state violentate o costrette ad atti sessuali in periodi diversi nelle suite dell’ex produttore. Le quattro, che hanno richiesto l’anonimato, hanno presentato una causa comune di risarcimento danni
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
La procura distrettuale di Los Angeles sta avviando le procedure per l’estradizione dell’ex produttore, che deve rispondere di uno stupro avvenuto a Beverly Hills nel 2010
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Decine di giovani donne sarebbero state costrette alla schiavitù sessuale su un’app di messaggistica criptata. Arrestato l’uomo che gestiva un traffico in cui fra le vittime ci sono molte minorenni