Lo scandalo sessuale
che non può essere rivelato

| Ne ha parlato il quotidiano inglese The Telegraph, accusando i giudici di aver imbavagliato la stampa. L’uomo d’affari al centro di un’inchiesta avrebbe comprato il silenzio e delle sue vittime abusando dei contratti di non divulgazione

+ Miei preferiti
C’è un grosso, enorme scandalo sessuale che sarebbe pronto a ridare fiato al movimento #MeToo, aprendo un devastante filone anglosassone. Ma non può venir fuori. Lo racconta “The Telegraph”, limitandosi a citare un potente uomo d’affari che attraverso un’ingiunzione sarebbe riuscito a bloccare l’inchiesta del quotidiano inglese, per impedire di svelare presunte molestie sessuali e abusi razzisti nei confronti dei propri dipendenti.

Al pari di Weinstein e altri personaggi influenti coinvolti nello scandalo sessuale esploso lo scorso anno, il business britannico ha sapientemente utilizzato tutti i mezzi legali a propria disposizione per bloccare l’inchiesta, a cominciare da controversi accordi di non divulgazione, mettendo a tacere le presunte vittime grazie a “somme consistenti”.

Gli accordi, chiamati “NDA”, sono comunemente usati nel mondo degli affari per proteggere questioni di riservatezza commerciale, ma è la via scelta per coprire abusi e dissuadere le vittime dal rivolgersi alla polizia.

Theresa May ha dichiarato che intende limitare l’uso delle NDA per prevenire gli abusi, ma il Parlamento non ha ancora preso in considerazione modifiche alla legge, e gli attivisti dei movimenti per i diritti civili esortano il Primo Ministro ad agire in fretta.

Martedì sera, Maria Miller, che presiede la Commons Women and Equality committee, ha affermato che è “scioccante” che le NDA siano ancora usate per imbavagliare le vittime: “Non dovrebbero essere permesse dove ci sono accuse di cattiva condotta sessuale, violenza e bullismo”.

Zelda Perkins, ex collaboratrice di Weinstein che ha rotto un accordo di non divulgazione per molestie sessuali, ha dichiarato “ridicola” la decisione di impedire al Telegraph di denunciare le accuse: “Le NDA sono diventate armi”.

“In origine erano documenti molto utili per proteggere la proprietà commerciale e i segreti aziendali, il che, naturalmente, è abbastanza giusto. Ma dev’esserci una legislazione che fermi l’uso scorretto, anche perché se questo tipo di scappatoia è disponibile, allora perpetua i comportamenti che andrebbero perseguiti dalla legge. Avremmo meno uomini pronti a mettere le mani sulla gonna di qualcuno se sapessero di non avere una via d'uscita”.

Il Telegraph ha passato gli ultimi otto mesi a indagare sulle accuse di bullismo, intimidazione e molestie sessuali nei confronti del misterioso uomo d’affari inglese, ma martedì scorso il giornale ha ricevuto una diffida a rivelare i dettagli da parte di Sir Terence Etherton, il Master of the Rolls, il secondo giudice più anziano d’Inghilterra e del Galles. Il suo intervento rende illegale rivelare l’identità dell’uomo d’affari o di identificare le aziende, così come ciò che di cui è accusato o di quanto abbia pagato il silenzio delle sue vittime.

In una sentenza di 20 pagine pubblicata martedì, la Corte d’appello si riferisce semplicemente all’uomo d'affari come “ABC” e descrive le accuse come “condotta screditabile”. Il decreto ingiuntivo provvisorio ha accertato che almeno in cinque casi sono stati effettuati “pagamenti sostanziali” ad altrettante persone nell’ambito di “accordi transattivi” o NDA.

Oltre a riaccendere il dibattito #MeToo, l’imbavagliamento del quotidiano dovrebbe rinnovare la controversia sull’uso di ingiunzioni per limitare la libertà di stampa. Anche perché, fa notare la direzione del quotidiano, “A differenza delle sue presunte vittime, The Telegraph non ha firmato alcun tipo di NDA con l’uomo d’affari. E, anzi, c’è un chiaro interesse pubblico a pubblicare le richieste di risarcimento, non da ultimo per avvisare coloro che potrebbero cadere nella stessa rete. Tuttavia, la Corte d’appello si è finora pronunciata contro l’inchiesta, imbavagliando il quotidiano.

Il business man avrebbe assunto un team di almeno sette avvocati e ha speso quasi 500.000 sterline in spese legali per persuadere la Corte d’Appello a bloccare il lavoro del Telegraph. È rappresentato da Schillings, lo studio legale che ha lavorato anche con Cristiano Ronaldo, Lance Armstrong e Ryan Giggs, individui che hanno fatto uso controverso di NDA per mettere a tacere le accuse di violenza.

Martedì scorso, all’ultimo capitolo di una battaglia legale iniziata a luglio, il tribunale ha stabilito che la riservatezza dei contratti è più importante della libertà di parola. Ha in pratica ribaltato una precedente sentenza dell’Alta Corte che aveva ritenuto la pubblicazione delle accuse prevalente per l’interesse pubblico, contribuendo in modo significativo al dibattito in una società democratica. Nella precedente causa della Corte Suprema, il giudice Haddon-Cave ha concluso che “in tutte le circostanze, l’interesse pubblico alla pubblicazione supera qualsiasi riservatezza legata alle informazioni”. Riteneva che le informazioni e le accuse mosse contro l’uomo d'affari fossero “ragionevolmente credibili”.

I giudici della Corte d'appello che hanno esaminato il caso erano Sir Terence, in qualità di Master of the Rolls, Lord Justice Underhill e Lord Justice Henderson, tutti con una formazione in diritto contrattuale e una in diritto del lavoro.

La sentenza della Corte d'appello ha affermato: “Il giudice  ha concluso che, in tutte le circostanze, la pubblicazione da parte del Telegraph delle informazioni in questione era chiaramente in grado di contribuire in modo significativo a un dibattito in una società democratica e, in particolare, a un dibattito attuale di interesse pubblico generale sui comportamenti scorretti sul posto di lavoro. Tuttavia, i giudici della Corte d’appello si sono trovati in disaccordo con la sentenza dell’Alta Corte e hanno sottolineato l’importanza di contratti giuridicamente vincolanti.

La sentenza ha confermato: “Appoggiamo pienamente le dichiarazioni del giudice sull’importanza della libertà di dibattito politico, il diritto alla libertà di espressione e il ruolo essenziale svolto dalla stampa in una società democratica, nonché il timore dell’opinione pubblica per i comportamenti scorretti sul posto di lavoro, nonché la legittimità degli accordi di non divulgazione e di altri strumenti giuridici per “imbavagliare” le vittime.

La sentenza ha affermato che in questa fase provvisoria i giudici hanno concluso che è “probabile” che l’uomo d’affari possa stabilire che il suo diritto a mantenere riservate tali questioni può superare qualsiasi interesse pubblico, aggiungendo che “esiste una reale prospettiva che la pubblicazione da parte del Telegraph possa causare un danno immediato, sostanziale e possibilmente irreversibile a tutte le ricorrenti”. La Corte d’Appello ha ordinato che la causa proceda verso un rapido processo.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le due isole caraibiche in cui per anni il miliardario ha ospitato, rinchiuso e violentato centinaia di ragazzine, sono entrate nel mirino dell’arcipelago americano
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
La supermodella potrebbe comparire fra i 120 giurati che decideranno le sorti dell’ex produttore di Hollywood accusato di stupro
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Chauntae Davies, una giovane reclutata da Ghislaine Maxwell, nel 2002 ha partecipato ad un viaggio in Africa in cui erano presenti Kevin Spacey e l’ex presidente Clinton, definito “un vero gentiluomo”
The Harvey Weinstein show
The Harvey Weinstein show
L’ex produttore hollywoodiano è arrivato in tribunale con il deambulatore: rischia l’ergastolo. A scaldare la folla in attesa ci ha pensato Rose McGowan, una delle sue prime accusatrici
Harvey Weinstein si prepara al processo
Harvey Weinstein si prepara al processo
A poche ore dall’inizio delle udienze in cui dovrà rispondere di due stupri, l’ex produttore si è confidato con la CNN
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
La complice del miliardario pedofilo Jeffrey Epstein vivrebbe spostandosi di continuo, sotto la protezione delle intelligence di potenze straniere per via dei tanti i segreti pericolosi di cui è conoscenza
La cugina Christina, l’ultimo imbarazzo della Royal Family
La cugina Christina, l’ultimo imbarazzo della Royal Family
Cugina di secondo grado di Andrea e scrittrice di successo, Christina Oxemberg sta raccontando a puntate che Epstein e la Maxwell lo consideravano “un povero idiota”. Pesanti rivelazioni anche sulla sua famiglia
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein
Kaja Sokola, la nuova tegola di Weinstein
Ex modella polacca, faceva parte della class action con cui gli avvocati del produttore avevano raggiunto un accordo. Ma lei si è staccata presentando denuncia di stupro da sola: “Mi ha rovinato la vita”
Weinstein fra attacco e difesa
Weinstein fra attacco e difesa
L’ex produttore hollywoodiano ha rilasciato un’intervista in cui lamenta di essere stato dimenticato per il suo lavoro in favore delle donne. Il 6 gennaio comparirà in tribunale, dove rischia una condanna pesante per violenza sessuale