"Metoo#? Donne ipocrite e ridicole in cerca solo di notorietà"

| Brigitte Bardot, la grande star transalpina, si scaglia contro le denunce per violenza sessuale a scoppio ritardato, anche decenni dopo i fatti. "Molestate in cerca di pubblicità, se mi dicevano che ero bellissima ne ero lusingata"

+ Miei preferiti

Brigitte Bardot ha attaccato oggi il movimento #MeToo, sostenendo che “la vasta maggioranza” delle attrici le quali lamentano molestie sessuali sono in realtà solo alla ricerca di pubblicità. 

“La vasta maggioranza sono ipocrite e ridicole”, ha detto la leggenda del cinema francese a Paris Match. “Un mucchio di attrici – ha continuato – cercano di stuzzicare i produttori per avere un ruolo. E poi, perché si parli di loro, dicono di essere state molestate”. 

L’attrice, ora 83enne, è stata un sex-symbol per molti anni. Ma sostiene di non aver mai subito molestie. “Non sono mai stata vittima di molestie sessuali. E ho trovato carino quando gli uomini mi dicevano che ero bella e che avevo bel piccolo didietro”, ha affermato. 

I suoi commenti vengono una settimana dopo l’intervento dell’altra leggenda del cinema transalpino, Catherine Deneuve, che hanno suscitato una durissima reazione. Deneuve ha firmato un documento di 100 donne per le quali #MeeToo è diventata una “caccia alle streghe” puritana che minaccia la libertà sessuale. In un secondo momento, però, Deneuve ha preso le distanze da alcune delle firmatarie, dopo che una di loro ha affermato che le donne possono aver orgasmi durante lo stupro.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Decine di giovani donne sarebbero state costrette alla schiavitù sessuale su un’app di messaggistica criptata. Arrestato l’uomo che gestiva un traffico in cui fra le vittime ci sono molte minorenni
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
L’ex socialite britannica, complice del miliardario pedofilo, ha avviato una causa affermando che Epstein le aveva assicurato il proprio appoggio economico
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Dopo la lettura della sentenza, l’ex produttore ha chiesto la parole rivolgendosi alle sue accusatrici. Lo attende un altro processo per stupro e tentata violenza Los Angeles
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Secondo i giudici americani, il duca di York avrebbe escluso ogni possibilità di deporre davanti all’FBI. La giustizia statunitense “valuta altre opzioni”
La vita del detenuto Harvey Weinstein
La vita del detenuto Harvey Weinstein
Dai reda carpet più prestigiosi al più sinistro carcere d’America: l’ex produttore attende di conoscere gli anni che dovrà scontare fra appelli dei suoi avvocati e infermerie
Timothy Hutton accusato di stupro
Timothy Hutton accusato di stupro
Secondo una donna oggi 50enne, l’attore l’avrebbe violentata in un hotel di Vancouver. Lui respinge ogni accusa e spiega di essere tormentato dalle richieste di denaro e minacce della donna
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
L’impero del finanziere pedofilo comprendeva 15 società a responsabilità limitata e 10 spa, due isole caraibiche, diverse residenze e numerose auto di lusso, per un totale di 636 milioni di dollari
USA: la giustizia punta Peter Nygard
USA: la giustizia punta Peter Nygard
È il nuovo nome nello scandalo dei ricchi che approfittano di ragazzine minorenni. Sul conto dello stilista canadese non c’è ancora alcuna accusa formale, ma l’FBI ha fatto irruzione nei suoi uffici
Harvey Weinstein condannato
Harvey Weinstein condannato
La giuria del tribunale di New York ha condannato l’ex produttore per violenza sessuale di primo e terzo grado: rischia fino a 25 anni di galera. Assolto dai reati più gravi. A breve l’inizio di un nuovo processo in California