Nuova inchiesta per Luc Besson, accusato di stupro

| Un magistrato ha deciso di riaprire il caso della denuncia presentata dall’attrice olandese Sand Van Roy, respinta pochi mesi fa per mancanza di prove

+ Miei preferiti
Nel maggio del 2018, l’attrice olandese Sand Van Roy presenta una denuncia per stupro contro il regista francese Luc Besson: sarebbe stata aggredita e violentata in un hotel parigino. L’avvocato di quest’ultimo, Thierry Marembert, respinge ogni accusa: “Besson nega con forza queste illazioni, frutto di fantasie”. Si apre un’indagine che dura nove mesi, culminata nella pronuncia della procura di Parigi, che respinge la querela per mancanza di prove.

La Van Roy non ci sta, e il 19 maggio scorso si presenta alla croisette, sul red carpet Festival del Cinema di Cannes, con un vistoso tatuaggio temporaneo sulla schiena che recita “Stop alla violenza sulle donne”.

Non sarà sicuramente questo, ma nuove prove presentate dagli avvocati dell’attrice, ad aver convinto un giudice a riaprire l’inchiesta.

Sand Van Roy, che ha recitato con Besson ne “Il Quinto Elemento”, accusa il regista di averla ripetutamente violentata nell’arco di due anni. Luc Besson, che sul set dello stesso film ha iniziato una relazione culminata nel matrimonio con Milla Jovovich, ha sempre negato ogni addebito, anche se contro di lui ci sarebbero le denunce di altre nove donne.

Galleria fotografica
Nuova inchiesta per Luc Besson, accusato di stupro - immagine 1
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Un nuovo amico pedofilo
per il principe Andrea
Un nuovo amico pedofilo<br>per il principe Andrea
Dopo Jeffrey Epstein scoppia il caso dell’eccentrico stilista canadese Peter Nygard, anche lui accusato di stupro e violenza da diverse donne
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
“The Legal Rottweiler” parte sempre all’attacco, facendo vacillare le presunte vittime dell’ex produttore alla sbarra a New York. Nella sua carriera 39 assoluzioni su 40 casi di reati sessuali
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Emanuela Postacchini, 29 anni, da anni a Los Angeles, ha raccontato in aula di essere stata attirata in una stanza d’albergo per fare sesso a tre
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Soprusi, abusi, feste esclusive, commenti: dietro le quinte dell’olimpo delle top model si celavano i comportamenti di due altissimi dirigenti
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Una delle donne che accusa l’ex produttore di stupro racconta ai giudici la scena della violenza. Ma poi aggiunge di aver avuto una relazione con lui
Processo Weinstein, la testimonianza di altre 2 vittime
Processo Weinstein, la testimonianza di altre 2 vittime
Un’ex costumista che sognava di recitare e un’aspirante modella sono passate dalle grinfie dell’ex produttore. Ad una ho proposto sesso a tre per fare carriera: “Charlize Theron e Selma Hayek hanno fatto così”
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare
L’accusa nel corso di una conferenza stampa del procuratore di New York: “Abbiamo richiesto più volte di poter interrogare il duca di York, ma non abbiamo avuto risposta”
Annabella Sciorra: il racconto dello stupro di Weinstein
Annabella Sciorra: il racconto dello stupro di Weinstein
La prima testimone nel processo contro l’ex produttore di Hollywood racconta i dettagli della violenza subita anni prima. E la difesa va all’attacco
Caso Weinstein, il processo entra nel vivo
Caso Weinstein, il processo entra nel vivo
Definito un “predatore sessuale e stupratore”, l’ex produttore di Hollywood alla sbarra per rispondere di due violenze sessuali. Non ammesse alcune email presentate dalla difesa