Penelope Cruz e i gala dinner del Lido

|

+ Miei preferiti

Non c'è sera, al Lido, che non si chiuda con un party, uno più esclusivo dell'altro. Il gala dinner del marchio "Jager-LeCoultre", nella suggestiva location dell'Arsenale, lo storico main sponsor del Festival lagunare ha richiamato una folla di volti noti, fra cui Catherine Deneuve, celebrata per il contributo alla settima arte, Diane Kruger, Eva Riccobono, Ann Hsu, Rebecca Hall (giurata del Festival), le modelle Coco Rocha, Soo Joo Park e Hikari Mori.

Poco distante, al "Palazzina G - Venice by Starck", luxury hotel disegnato da Philippe Starck, un altro dinner party, questa volta dominato dall'ingombrante presenza di Gerard Depardieu, ospite in laguna per presenziare al restauro di "Novecento", capolavoro di Bernardo Bertolucci. Sulle note di Giulia Regain, DJ considerata fra le 100 top DJ donne al mondo e produttrice musicale.

Ma il red carpet, nel frattempo, ha una nuova regina: la bellissima Penelope Cruz, in compagnia del marito Javier Bardem, con cui torna a lavorare in "Loving Pablo", pellicola di Fernando Leòn de Aranoa che racconta la relazione fra il boss dei narcos Pablo Escobar e la giornalista Virginia Vallejo.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Weinstein patteggia con le sue vittime
Weinstein patteggia con le sue vittime
Un accordo extra-giudiziale da 25 milioni di dollari, interamente coperti dalle assicurazioni della casa di produzione. A gennaio l'ex re mida di Hollywood dovrà ricomparire in aula per rispondere di altri due casi di violenza
Virginia Roberts: se muoio andate avanti
Virginia Roberts: se muoio andate avanti
L’accusatrice del principe Andrea assicura di non essere sull’orlo del suicidio, e se per caso le succedesse qualcosa chiede a tutti di portare avanti la battaglia per avere giustizia
Ghislaine Maxwell, ufficialmente scomparsa
Ghislaine Maxwell, ufficialmente scomparsa
La “maitresse” di Epstein ha fatto perdere le proprie tracce da mesi. È una delle figure chiave dell’inchiesta sui traffici del miliardario pedofilo, colei che avrebbe spinto Virginia Roberts nel letto del principe Andrea
Un’altra donna accusa il principe Andrea
Un’altra donna accusa il principe Andrea
Letteralmente tritato dalla vicenda, il Duca di York deve vedersela con una seconda donna che afferma di essere stata prestata al nobile dal solito Epstein. In più, arrivano le rivelazioni di un amico
Una testimone inguaia il principe Andrea
Una testimone inguaia il principe Andrea
Attraverso il proprio legale, una donna afferma di aver visto il Duca di York e Virginia Roberts Giuffre al “Tramp” di Londra nella notte che si sarebbe conclusa con la prima volta in cui è stata costretta a fare sesso con il principe
Caso Epstein: l’intervista a Virginia Roberts Giuffre
Caso Epstein: l’intervista a Virginia Roberts Giuffre
Attesissime, le dichiarazioni della principale accusatrice del principe Andrea ed ex schiava sessuale del miliardario non hanno deluso: date, riferimenti ed episodi che inchiodano sempre di più il secondogenito della Regina
La sistematica demolizione di un principe
La sistematica demolizione di un principe
Il “Daily Mail” ha rintracciato un’ex massaggiatrice professionista che, invitata a Buckingham Palace, si era ritrovata davanti al principe completamente nudo. Attesa per l’intervista bomba che la BBC trasmetterà lunedì
Le verità di Ghislaine Maxwell
Le verità di Ghislaine Maxwell
Diffuse alcune parti di una video dichiarazione di colei che è considerata la reclutatrice di minorenni per Jeffrey Epstein. Un goffo tentativo di salvataggio per il principe Andrea
L’uragano Andrew si abbatte su Buckingham Palace
L’uragano Andrew si abbatte su Buckingham Palace
Il Duca di York si sta convincendo di poter ricostruire la propria immagine, ma la Royal Family compatta lo vuole fuori dai giochi. E lo stesso i sudditi