Penelope Cruz e i gala dinner del Lido

|

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Non c'è sera, al Lido, che non si chiuda con un party, uno più esclusivo dell'altro. Il gala dinner del marchio "Jager-LeCoultre", nella suggestiva location dell'Arsenale, lo storico main sponsor del Festival lagunare ha richiamato una folla di volti noti, fra cui Catherine Deneuve, celebrata per il contributo alla settima arte, Diane Kruger, Eva Riccobono, Ann Hsu, Rebecca Hall (giurata del Festival), le modelle Coco Rocha, Soo Joo Park e Hikari Mori.

Poco distante, al "Palazzina G - Venice by Starck", luxury hotel disegnato da Philippe Starck, un altro dinner party, questa volta dominato dall'ingombrante presenza di Gerard Depardieu, ospite in laguna per presenziare al restauro di "Novecento", capolavoro di Bernardo Bertolucci. Sulle note di Giulia Regain, DJ considerata fra le 100 top DJ donne al mondo e produttrice musicale.

Ma il red carpet, nel frattempo, ha una nuova regina: la bellissima Penelope Cruz, in compagnia del marito Javier Bardem, con cui torna a lavorare in "Loving Pablo", pellicola di Fernando Leòn de Aranoa che racconta la relazione fra il boss dei narcos Pablo Escobar e la giornalista Virginia Vallejo.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Weinstein patteggia con le sue vittime
Weinstein patteggia con le sue vittime
Un conto di 44 milioni di dollari per chiudere i conti con buona parte delle sue accusatrici, le spese legali e i danni subiti dagli ex soci
Rinviato il processo Weinstein
Rinviato il processo Weinstein
Lo ha deciso la corte di Manhattan, per permettere ad accusa e difesa di valutare l’attendibilità delle donne chiamate a testimoniare nel processo del secolo
Ashley Judd: ho abortito dopo uno stupro
Ashley Judd: ho abortito dopo uno stupro
L’attrice americana, fra le prime ad accusare Weistein, ha raccontato di aver subito tre stupri e di essere rimasta incinta: “Non potevo pensare di diventare madre del figlio del mio violentatore”
Allison Mack, il diavolo di Hollywood
Allison Mack, il diavolo di Hollywood
La star di “Smalville” confessa di aver fatto parte di “Nxvim”, la setta per cui reclutava giovani donne da ridurre in schiavitù sessuale. Un’indagine che era nata da un’inchiesta del New York Times nel 2017, coinvolti altri nomi celebri
Foto alle pallavoliste nello spogliatoio: denunciato
Foto alle pallavoliste nello spogliatoio: denunciato
Allenatore 28enne scattava le immagini da un lucernario: sorpreso, è stato denunciato ai carabinieri. Subito cacciato dalla società di Carpi
Scusi, lei è un pedofilo? E Michael Jackson se la ride
Scusi, lei è un pedofilo? E Michael Jackson se la ride
Spunta dagli archivi di uno studio legale un video di 3 ore dove per la prima e unica volta il Re del Pop viene interrogato sugli abusi sessuali. Nervoso ed evasivo, si paragonò a Gesù
Sesso sull'auto-pattuglia, agente e prof licenziati
Sesso sull
Il vice-sceriffo di Indian River aveva dato un passaggio all'insegnante dopo una partita tra studenti ma aveva lasciato una traccia sul sedile dell'auto. I colleghi hanno scoperto che il Dna era il suo. "E' cioccolato bianco", si era difeso
Inizia a maggio il processo a Weinstein
Inizia a maggio il processo a Weinstein
Il 6 maggio, l’ex padrone di Hollywood dovrà comparire in tribunale per rispondere di cinque capi d’accusa. Quasi 100 sono le donne che lo accusano
"Non pagherò per cosa non ho fatto"
"Non pagherò per cosa non ho fatto"
Un sorridente Kevin Spacey sotto scorta in Tribunale per difendersi dalle accuse di molestie sessuali verso un cameriere di Nantucket. Si dichiara "innocente" ma rischia cinque anni di carcere