Processo Weinstein: la strana versione di una vittima

| Una delle donne che accusa l’ex produttore di stupro racconta ai giudici la scena della violenza. Ma poi aggiunge di aver avuto una relazione con lui

+ Miei preferiti
Per i media, quella di una donna che ha preferito l’anonimato è stata la più contrastante testimonianza contro Harvey Weinstein sentita fino ad oggi. Secondo il suo racconto, il magnate del cinema l’avrebbe violentata nel 2013 dipingendo Weinstein come un uomo perennemente arrabbiato, dispotico e manipolatore che si iniettava farmaci contro la disfunzione erettile, ma ha anche ammesso di aver accettato una relazione consensuale con lui prima e dopo lo stupro.

La donna, ha affermato che Weinstein le assicurava di avere conoscenze nella malavita a cui bastava un suo ordine per convincere le sue vittime con maniere forti a tacere sulle violenze. “Ho accettato quella che pensavo sarebbe stata una relazione piacevole, ma da quel momento in poi tutto è stato estremamente degradante. Mi parlava delle sue fantasie e mi paragonava ad altre attrici. Voleva filmarmi, almeno quello gliel’ho impedito”.

In uno dei tanti episodi raccontati, la donna ha detto di essere stata trattenuta a forza da Weinstein in una suite del “Doubletree Hotel” di Manhattan il 18 marzo 2013: aveva chiuso a chiave impedendole di fuggire, e alla fine impaurita per le possibili conseguenze, si è arresa. Le ha ordinato di spogliarsi, e quando lei si è rifiutata l’ha costretta con la forza. Non voleva fare sesso con lui, ma non ha opposto resistenza: “Ero sotto shock, anche perché non ha usato il preservativo”.

La sera dopo, su invito di Weinstein, la donna e la sua compagna di stanza si sono unite ad una prima cinematografica: “Non è chiaro un dettaglio - ha ribadito il procuratore - anche dopo essere stata violentata, lei ha continuato una relazione con lui”. La donna l’ha ammesso fra le lacrime, aggiungendo anche di aver nascosto la relazione agli amici perché si vergognava: “Non ha mai voluto fare sesso con il signor Weinstein? - ha chiesto Donna Rotunno, uno degli avvocati difensore dell’ex produttore – “No”, ha risposto lei. “Anche quando era consensuale?”, “Anche allora”. “Quindi ha mentito ogni singola volta”. “Provavo compassione per lui”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Caso Epstein, a breve tutti i nomi della sua cerchia
Caso Epstein, a breve tutti i nomi della sua cerchia
Un giudice della Isole Vergini ha ordinato la consegna integrale e completa dei registri di volo dei velivoli di proprietà del magnate pedofilo. E i Vip di mezzo mondo ricominciano a tremare
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
Alexandra Zarini, 35 anni, accusa il patrigno Joseph Ruffalo di averla violentata per anni, coperto dalla madre e dalla nonna, che sapevano tutto ma le chiedevano il silenzio per evitare uno scandalo
Quel che resta del «Lolita Express»
Quel che resta del «Lolita Express»
Un quotidiano inglese è riuscito a salire a bordo dell’aereo che Jeffrey Epstein utilizzava per portare amici Vip e ragazzine nelle sue residenze. Giace in completo abbandono in una pista di un aeroporto della Georgia
La foto che imbarazza Clinton
La foto che imbarazza Clinton
Non prova altro che la sua presenza, ma è apparsa poco prima dell’intervento dell’ex presidente alla convention dem, gettando l’imbarazzo generale
Caso Epstein, violentata a 11 anni
Caso Epstein, violentata a 11 anni
È la nuova testimonianza che si aggiunge alle donne che accusano il miliardario pedofilo e la sua complice Ghislaine Maxwell
I legali di Ghislaine Maxwell: è una detenzione troppo opprimente
I legali di Ghislaine Maxwell: è una detenzione troppo opprimente
La squadra di avvocati che difende l’ex socia-amante di Jeffrey Epstein chiede il regime di carcerazione normalmente concesso ai detenuti in attesa di processo. L’ex socialite è sorvegliata 24 ore su 24
Ghislaine Maxwell voleva reclutare Paris Hilton
Ghislaine Maxwell voleva reclutare Paris Hilton
Colpita dall’avvenenza e dalla scioltezza dell’ereditiera, la maitresse di Epstein le aveva messo gli occhi addosso
La nipote di Churchill fra gli ospiti di Epstein
La nipote di Churchill fra gli ospiti di Epstein
Il nome di Silvia Hambro, ex damigella di Lady Diana, spunta fra gli ospiti del magnate pedofilo. Ma le si affretta a precisare: “Era solo lavoro, non ho visto nulla e nessuno mi ha molestata”
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Dalle deposizioni di Virginia Roberts, su cui è stato tolto il segreto, spuntano nomi eccellenti delle amicizie del miliardario, tutti resi ricattabili grazie al sesso