Quel che resta del «Lolita Express»

| Un quotidiano inglese è riuscito a salire a bordo dell’aereo che Jeffrey Epstein utilizzava per portare amici Vip e ragazzine nelle sue residenze. Giace in completo abbandono in una pista di un aeroporto della Georgia

+ Miei preferiti
Il “DailyMail” è riuscito a individuare il famigerato “Lolita Express”, com’era chiamato il Boeing 727 di Jeffrey Epstein, il miliardario pedofilo morto suicida in carcere nell’agosto di un anno fa. Il velivolo, che ha volato per l’ultima volta nel 2016, si trova in stato di abbandono su una pista secondaria dell’aeroporto “Brunswick Golden Isles”, in Georgia, dove accumula migliaia di dollari in spese di stoccaggio che forse nessuno pagherà mai.

Mette i brividi pensare che all’interno decine di ragazzine siano state vittime degli appetiti sessuali di Epstein, della sua sodale Ghislaine Maxwell e della loro cerchia di amicizie ricche e potenti.

L’interno, un tempo lussuoso e ora in preda alla muffa, era un lussuoso ambiente cosparso di tappeti, coperte e cuscini.  Spicca un ampio divano rosso, gli specchi e le confezioni di fazzolettini di carta monogrammati: nei cassetti biancheria da letto, carta igienica, bottiglie d'acqua e caffè istantaneo.

L’aereo si trova su una rampa di proprietà della “Stambaugh Aviation”, azienda di manutenzione di jet: Mark Stambaugh, comproprietario dell’azienda, ha commentato: “Come padre di due figlie, non sono affatto contento di averlo qui. Mi sforzo di pensare che un aeroplano sia solo un aeroplano, ma non è facile. Qualcuno dovrebbe occuparsene, perché continuerà a deteriorarsi”. 

Un tempo, fino a pochi anni fa, era l’apice del lusso: un aereo di linea privato su cui salivano e scendevano personaggi del jet-set internazionale, compresi presidenti, principi e superstar di Hollywood. Nel suo periodo di maggior sfarzo, l’aereo (costruito nel 1969) ha trasportato in luoghi esotici in tutto il mondo ospiti di spicco, tra cui Bill Clinton, il principe Andrea e l’attore Kevin Spacey.

Ma secondo i procuratori federali Epstein lo utilizzò soprattutto per trasportare giovani vittime tra le sue residenze di New York, New Mexico, Parigi, le Virgin Island e Palm Beach, dove il pedofilo morto possedeva una villa sul lungomare.

L’aereo, codice N90JE, è decollato per l’ultima volta alle 11:39 dell’11 luglio del 2016 dall’aeroporto di Palm Beach alle 11:39, atterrando all’aeroporto di Brunswick Golden Isles, in Georgia, 51 minuti dopo. Da allora è rimasto parcheggiato a poca distanza da un hangar di manutenzione, al costo di circa 1.000 dollari al mese. I tre motori “Pratt & Whitney” sono stati venduti tre anni fa. È ancora registrato a nome della “JEGE Inc.”, con sede nel Delaware, società dell’immensa galassia di Jeffrey Epstein.

Galleria fotografica
Quel che resta del «Lolita Express» - immagine 1
Quel che resta del «Lolita Express» - immagine 2
Quel che resta del «Lolita Express» - immagine 3
Quel che resta del «Lolita Express» - immagine 4
Quel che resta del «Lolita Express» - immagine 5
Quel che resta del «Lolita Express» - immagine 6
Quel che resta del «Lolita Express» - immagine 7
Quel che resta del «Lolita Express» - immagine 8
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea
«A Weinstein resta poco da vivere»
«A Weinstein resta poco da vivere»
Gli avvocati dell’ex magnate hanno presentato un’istanza di scarcerazione su cauzione per gravissimi motivi di salute. Ma il giudice l’ha rigettata: non sta così male e se uscisse potrebbe sparire per sempre
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Un giornalista americano è riuscito a entrare in possesso di una copia della celebre agenda del miliardario pedofilo e ha chiamato tutti numeri, facendo oltre 2.000 telefonate
Ex prostituta confessa: «Sono stata violentata da Ghislaine Maxwell»
Ex prostituta confessa: «Sono stata violentata da Ghislaine Maxwell»
Aveva 21 anni quando finisce nel girone dantesco di Jeffrey Epstein: un’esperienza che ha sconvolto la vita di Samantha fino a trascinarla sui marciapiedi di Los Angeles
Nuove accuse per Harvey Weinstein
Nuove accuse per Harvey Weinstein
Contro l’ex re mida di Hollywood le accuse di stupro e violenze di altre due donne presentate alla procura di Los Angeles: se condannato, potrebbe scontare in carcere un totale di 140 anni
Caso Epstein, a breve tutti i nomi della sua cerchia
Caso Epstein, a breve tutti i nomi della sua cerchia
Un giudice della Isole Vergini ha ordinato la consegna integrale e completa dei registri di volo dei velivoli di proprietà del magnate pedofilo. E i Vip di mezzo mondo ricominciano a tremare
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
Alexandra Zarini, 35 anni, accusa il patrigno Joseph Ruffalo di averla violentata per anni, coperto dalla madre e dalla nonna, che sapevano tutto ma le chiedevano il silenzio per evitare uno scandalo
La foto che imbarazza Clinton
La foto che imbarazza Clinton
Non prova altro che la sua presenza, ma è apparsa poco prima dell’intervento dell’ex presidente alla convention dem, gettando l’imbarazzo generale