Sarah Jessica Parker: molestata sul set

| La celebre Carrie di “Sex and the City” confessa in un’intervista che era stata sul punto di lasciare la serie per le continue molestie di un collega

+ Miei preferiti
Non c’è pace tra gli ulivi di Hollywood: alla scia infinita di denunce e rivelazioni che dall’indomani del caso Weinstein, l’ex produttore cinematografico che dalle attrici pretendeva prestazioni aggiuntive, oltre al talento recitativo, si aggiunge un altro nome eccellente: Sarah Jessica Parker.

La star di “Sex and the City”, la celebre serie televisiva americana che ha tenuto banco fra il 1998 ed il 2004, ha raccontato, nel corso di un’intervista rilasciata all’emittente “National Public Radio”, di essere stata molestata sul set del celebre telefilm, da un “attore molto importante proveniente dal mondo del cinema”. La Parker racconta di aver immediatamente informato i produttori, minacciando di abbandonare la serie di cui era protagonista, impersonando la leggendaria Carrie Bradshaw.

“Malgrado il mio ruolo non mi sentivo nelle condizioni di parlare, e neanche potente come l’uomo che con me si comportava in modo tutt’altro che appropriato. Ma non riuscivo a esternare quanto questa situazione mi mettesse a disagio. Ne ho parlato con il mio agente, poi con produttori: fu proprio il suo intervento, in cui avvisava la produzione che stavo meditando di lasciare la serie, a cambiare le cose. Nel giro di poche ore, tutto si è risolto”.

Nata nell’Ohio nel 1965, dal 1997 è sposata con l’attore Matthew Broderick, da cui ha avuto tre figli.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Altre quattro donne accusano Weistein
Altre quattro donne accusano Weistein
Sarebbero state violentate o costrette ad atti sessuali in periodi diversi nelle suite dell’ex produttore. Le quattro, che hanno richiesto l’anonimato, hanno presentato una causa comune di risarcimento danni
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
La procura distrettuale di Los Angeles sta avviando le procedure per l’estradizione dell’ex produttore, che deve rispondere di uno stupro avvenuto a Beverly Hills nel 2010
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Decine di giovani donne sarebbero state costrette alla schiavitù sessuale su un’app di messaggistica criptata. Arrestato l’uomo che gestiva un traffico in cui fra le vittime ci sono molte minorenni
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
L’ex socialite britannica, complice del miliardario pedofilo, ha avviato una causa affermando che Epstein le aveva assicurato il proprio appoggio economico
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Dopo la lettura della sentenza, l’ex produttore ha chiesto la parole rivolgendosi alle sue accusatrici. Lo attende un altro processo per stupro e tentata violenza Los Angeles
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Secondo i giudici americani, il duca di York avrebbe escluso ogni possibilità di deporre davanti all’FBI. La giustizia statunitense “valuta altre opzioni”
La vita del detenuto Harvey Weinstein
La vita del detenuto Harvey Weinstein
Dai reda carpet più prestigiosi al più sinistro carcere d’America: l’ex produttore attende di conoscere gli anni che dovrà scontare fra appelli dei suoi avvocati e infermerie
Timothy Hutton accusato di stupro
Timothy Hutton accusato di stupro
Secondo una donna oggi 50enne, l’attore l’avrebbe violentata in un hotel di Vancouver. Lui respinge ogni accusa e spiega di essere tormentato dalle richieste di denaro e minacce della donna
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
L’impero del finanziere pedofilo comprendeva 15 società a responsabilità limitata e 10 spa, due isole caraibiche, diverse residenze e numerose auto di lusso, per un totale di 636 milioni di dollari