Sex scandal 3.0, Asia edition

| Prime reazioni alla bomba fatta esplodere dal NY Times nei confronti di Asia Argento: il movimento #MeToo si affretta a scaricarla e anche Sky sembra pronta a farlo

+ Miei preferiti
Asia Argento non si trova: da giorni, i cronisti di tutto il mondo la cercano attraverso i suoi avvocati e i manager, ma dell’attrice si è persa ogni traccia. Lo stesso vale per Jimmy Bennet, l’altro protagonista della vicenda deflagrata dalle pagine del “New York Times” che sta gettando nel ridicolo movimenti come #MeToo. Due paroline, “Anche io”, che a questo punto assumono un significato ben diverso.

Una email misteriosamente anonima incastra la Argento, che avrebbe pagato 380mila dollari in cambio del silenzio di un giovane attore e musicista, forse l’unico uomo al mondo traumatizzato dall’idea di essere diventato un oggetto sessuale. Ma tant’è.

Intanto, la paladina dei diritti delle donne piegate dai produttori di Hollywood, con Weinstein in prima fila, di colpo è transitata proprio nell’elenco dei molestatori, dopo una prima permanenza in quella dei molestati.

E solo adesso, a qualche ora di distanza, arrivano le prime reazioni che lasciano presagire brutte settimane sul futuro di Asia. Dopo lo shock di Rose McGowan, insieme alla Argento una delle più accese accusatrici di Weinstein, che non sapendo che pesci prendere ha chiesto a social e media “delicatezza” nel gestire l’episodio, la prima a prendere le distanze è Tarana Burke, fondatrice del movimento #MeToo, che affida ad un tweet il suo pensiero: “La violenza sessuale ha a che fare con il potere e il privilegio, neanche se il colpevole è la tua attrice preferita, attivista o professore, quale che sia il genere”.

Qualche dubbio lo accampa invece l’attrice Rosanna Arquette, che definisce “sospetta la tempistica delle accuse”.

È il web, il patibolo su cui Asia Argento è già stata sacrificata, e in ballo c’è l’ormai prossima partecipazione dell’attrice come giudice di “X Factor”: sono in molti minacciare di non seguire il talent più seguito della televisione, se prima non sarà fatta giustizia sommaria, escludendo la Argento.

Dalla direzione del programma di “Sky”, è stata diffusa una nota che sembra mettere le mani avanti: “Se quanto scrive il New York Times fosse confermato, questa vicenda sarebbe incompatibile con i principi etici e i valori di Sky e dunque, in pieno accordo con FremantleMedia, non potremmo che prenderne atto e interrompere la collaborazione con Asia Argento”.

Dall’altra parte dell’oceano, la polizia di Los Angeles avrebbe avviato un’indagine, pur precisando che nessuna denuncia sul caso è mai stata presentata.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Nell’ennesima richiesta di libertà condizionata, i legali della 59enne britannica denunciano violenze fisiche e mentali a cui sarebbe sottoposta la complice del pedofilo Jeffrey Epstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
Un giudice ha approvato un piano di liquidazione delle tante società dell’ex re Mida di Hollywood che include diversi fondi di liquidazione risarcitori per le sue vittime
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea