The Harvey Weinstein show

| L’ex produttore hollywoodiano è arrivato in tribunale con il deambulatore: rischia l’ergastolo. A scaldare la folla in attesa ci ha pensato Rose McGowan, una delle sue prime accusatrici

+ Miei preferiti
Invecchiato, dimagrito, traballante, incerto: la comparsa di Harvey Weinstein in tribunale, a Manhattan, è uno spettacolo nello spettacolo. Atteso da più di 200 fotografi, l’ex “Re Mida” di Hollywood cammina trascinando un deambulatore: per qualcuno è pura scena, da buon esperto di colpi di scena, per altri sono ancora le conseguenze di un intervento alla schiena subito ormai qualche settimana fa e che continua a tormentarlo.

È iniziato così, a più di due anni dalla deflagrazione del peggiore scandalo di Hollywood e dintorni, il processo all’ex patron della “Miramax”, trascinato nelle aule del tribunale dalle accuse di due donne, ambedue violentate, la prima nel 2003, la seconda tre anni dopo. La difesa di Harvey ha subito provato a chiedere il trasferimento del processo ad altra corte, ma è stato respinto. A lui il solito compito di dichiararsi non colpevole, anche se nell’eventualità che la giuria lo ritenga colpevole, questo potrebbe significare l’ergastolo, senza alcuno sconto di pena.

Neanche il tempo di iniziare, e le agenzie battevano la notizia di un nuovo capo d’accusa sul suo conto, sempre per crimini sessuali, in arrivo dalla California: la procuratrice Jackie Lacey, pare, non vede l’ora di processarlo per altre due violenze, ai danni di altrettante donne, avvenute il 18 ed il 19 febbraio 1993 a Los Angeles, ad una manciata di ore dalla cerimonia degli Oscar di quell’anno. La cauzione suggerita è di 5 milioni di dollari, e il rischio per Weinstein di vedersi appioppare altri 28 anni di galera.

A scaldare la folla in attesa del cinghialone di Hollywood ci ha pensato Rose McGowan, attrice 47enne dalla carriera incerta, fra le prime ad uscire allo scoperto accusando pubblicamente Weinstein di molestie sessuali e fondatrice del movimento #MeToo.

Su un palco improvvisato, all’esterno del tribunale di Manhattan, Rose ha preso il microfono rivolgendosi direttamente al “super predatore”, come l’ha definito lei: “Caro Harvey, non importa quali bugie racconterai, sei stato tu a volere tutto questo. Oggi, la giustizia ha di fronte a sé un uomo che pensava di poter ridurre me e tante altre donne al silenzio: ti sbagliavi. Oggi è un giorno straordinario per noi donne, per onorare quanto siamo riuscite ad arrivare lontano e quanto abbiamo sopportato per arrivare fino a qui. Ma non è la fine. Sappiate questo: siamo libere, siamo belle, siamo forti, e questo non ce lo toglierete mai. E soprattutto sappiate che chi rompe il silenzio non si arrenderà mai: chi sopravvive non sa cosa voglia dire arrendersi”.

Galleria fotografica
The Harvey Weinstein show - immagine 1
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Nell’ennesima richiesta di libertà condizionata, i legali della 59enne britannica denunciano violenze fisiche e mentali a cui sarebbe sottoposta la complice del pedofilo Jeffrey Epstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
Un giudice ha approvato un piano di liquidazione delle tante società dell’ex re Mida di Hollywood che include diversi fondi di liquidazione risarcitori per le sue vittime
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea