The Harvey Weinstein show

| L’ex produttore hollywoodiano è arrivato in tribunale con il deambulatore: rischia l’ergastolo. A scaldare la folla in attesa ci ha pensato Rose McGowan, una delle sue prime accusatrici

+ Miei preferiti
Invecchiato, dimagrito, traballante, incerto: la comparsa di Harvey Weinstein in tribunale, a Manhattan, è uno spettacolo nello spettacolo. Atteso da più di 200 fotografi, l’ex “Re Mida” di Hollywood cammina trascinando un deambulatore: per qualcuno è pura scena, da buon esperto di colpi di scena, per altri sono ancora le conseguenze di un intervento alla schiena subito ormai qualche settimana fa e che continua a tormentarlo.

È iniziato così, a più di due anni dalla deflagrazione del peggiore scandalo di Hollywood e dintorni, il processo all’ex patron della “Miramax”, trascinato nelle aule del tribunale dalle accuse di due donne, ambedue violentate, la prima nel 2003, la seconda tre anni dopo. La difesa di Harvey ha subito provato a chiedere il trasferimento del processo ad altra corte, ma è stato respinto. A lui il solito compito di dichiararsi non colpevole, anche se nell’eventualità che la giuria lo ritenga colpevole, questo potrebbe significare l’ergastolo, senza alcuno sconto di pena.

Neanche il tempo di iniziare, e le agenzie battevano la notizia di un nuovo capo d’accusa sul suo conto, sempre per crimini sessuali, in arrivo dalla California: la procuratrice Jackie Lacey, pare, non vede l’ora di processarlo per altre due violenze, ai danni di altrettante donne, avvenute il 18 ed il 19 febbraio 1993 a Los Angeles, ad una manciata di ore dalla cerimonia degli Oscar di quell’anno. La cauzione suggerita è di 5 milioni di dollari, e il rischio per Weinstein di vedersi appioppare altri 28 anni di galera.

A scaldare la folla in attesa del cinghialone di Hollywood ci ha pensato Rose McGowan, attrice 47enne dalla carriera incerta, fra le prime ad uscire allo scoperto accusando pubblicamente Weinstein di molestie sessuali e fondatrice del movimento #MeToo.

Su un palco improvvisato, all’esterno del tribunale di Manhattan, Rose ha preso il microfono rivolgendosi direttamente al “super predatore”, come l’ha definito lei: “Caro Harvey, non importa quali bugie racconterai, sei stato tu a volere tutto questo. Oggi, la giustizia ha di fronte a sé un uomo che pensava di poter ridurre me e tante altre donne al silenzio: ti sbagliavi. Oggi è un giorno straordinario per noi donne, per onorare quanto siamo riuscite ad arrivare lontano e quanto abbiamo sopportato per arrivare fino a qui. Ma non è la fine. Sappiate questo: siamo libere, siamo belle, siamo forti, e questo non ce lo toglierete mai. E soprattutto sappiate che chi rompe il silenzio non si arrenderà mai: chi sopravvive non sa cosa voglia dire arrendersi”.

Galleria fotografica
The Harvey Weinstein show - immagine 1
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea
«A Weinstein resta poco da vivere»
«A Weinstein resta poco da vivere»
Gli avvocati dell’ex magnate hanno presentato un’istanza di scarcerazione su cauzione per gravissimi motivi di salute. Ma il giudice l’ha rigettata: non sta così male e se uscisse potrebbe sparire per sempre
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Un giornalista americano è riuscito a entrare in possesso di una copia della celebre agenda del miliardario pedofilo e ha chiamato tutti numeri, facendo oltre 2.000 telefonate
Ex prostituta confessa: «Sono stata violentata da Ghislaine Maxwell»
Ex prostituta confessa: «Sono stata violentata da Ghislaine Maxwell»
Aveva 21 anni quando finisce nel girone dantesco di Jeffrey Epstein: un’esperienza che ha sconvolto la vita di Samantha fino a trascinarla sui marciapiedi di Los Angeles
Nuove accuse per Harvey Weinstein
Nuove accuse per Harvey Weinstein
Contro l’ex re mida di Hollywood le accuse di stupro e violenze di altre due donne presentate alla procura di Los Angeles: se condannato, potrebbe scontare in carcere un totale di 140 anni
Caso Epstein, a breve tutti i nomi della sua cerchia
Caso Epstein, a breve tutti i nomi della sua cerchia
Un giudice della Isole Vergini ha ordinato la consegna integrale e completa dei registri di volo dei velivoli di proprietà del magnate pedofilo. E i Vip di mezzo mondo ricominciano a tremare
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
Alexandra Zarini, 35 anni, accusa il patrigno Joseph Ruffalo di averla violentata per anni, coperto dalla madre e dalla nonna, che sapevano tutto ma le chiedevano il silenzio per evitare uno scandalo
Quel che resta del «Lolita Express»
Quel che resta del «Lolita Express»
Un quotidiano inglese è riuscito a salire a bordo dell’aereo che Jeffrey Epstein utilizzava per portare amici Vip e ragazzine nelle sue residenze. Giace in completo abbandono in una pista di un aeroporto della Georgia