Time’s Up: il tempo di subire è finito

| Si sono presentate con una lettera aperta sulle pagine di due quotidiani: sono più di 300 donne di spettacolo e cultura, unite dalla certezza che sia necessario fare tutto il possibile, perché un Weinstein basta e avanza

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Non c’è momento migliore di questo, per cambiare le regole. Ne sono più che convinte 330 donne di Hollywood che mentre il calendario lasciava il 2017 per aprirsi al 2018, hanno scelto di svelare il loro progetto. Si chiama “Time’s Up”, letteralmente: non c’è più tempo. Un’idea, manco a dirlo, che nasce dall’enorme paiolo in cui è finito quasi per intero il dorato mondo del cinema, seguito da quello della politica e del giornalismo di mezzo mondo: universi paralleli in cui l’unica regola era quella del più forte e del più potente che tutto poteva. Cittadini al di sopra di ogni sospetto e spesso così celebri da non poter pensare neanche di scalfirli.

“Time’s Up” si è presentato il 1 gennaio, poche ore fa, sulle pagine del “New York Times” e de “La Opiniòn”, il più seguito quotidiano in lingua spagnola, con una lettera che suona come una sorta di chiamata alle armi: il tempo del silenzio, dell’attesa, della tolleranza verso gli abusi, della discriminazione e delle molestie è finito. Dev’esserlo per sempre, o tutto questo polverone non avrà avuto alcun senso.

L’iniziativa, a cui hanno aderito attrici, produttrici, giornaliste, avvocatesche e scrittrici, ha in programma lo studio di nuove regole che eliminino per sempre altri possibili Weinstein futuri e azioni di pressione verso tutte quelle aziende che tollerino gli abusi, aprendo anche un fondo per il sostegno legale a donne e uomini, perché no, molestati sul luogo di lavoro che però non possono difendersi. Per loro, la garanzia che in caso di denuncia non ci saranno ripercussioni personali e lavorative.

Fra le prime ad aderire alcuni dei nomi più celebri di Hollywood: Cate Blanchett, Emma Stone, Jennifer Lawrence, Eva Longoria, Meryl Streep, Ashley Judd, Julianne Moore, Natalie Portman, Reese Witherspoon e Amber Tamblyn, a cui aggiungere la sceneggiatrice Gloria Steinem, la presidente della “Universal Pictures” Donna Langley e Tina Tchen, ex capo dello staff di Michele Obama. Ma soprattutto, è bastato suonare la carica per raccogliere 15 milioni di dollari e partire all’attacco.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Decine di giovani donne sarebbero state costrette alla schiavitù sessuale su un’app di messaggistica criptata. Arrestato l’uomo che gestiva un traffico in cui fra le vittime ci sono molte minorenni
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
L’ex socialite britannica, complice del miliardario pedofilo, ha avviato una causa affermando che Epstein le aveva assicurato il proprio appoggio economico
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Dopo la lettura della sentenza, l’ex produttore ha chiesto la parole rivolgendosi alle sue accusatrici. Lo attende un altro processo per stupro e tentata violenza Los Angeles
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Secondo i giudici americani, il duca di York avrebbe escluso ogni possibilità di deporre davanti all’FBI. La giustizia statunitense “valuta altre opzioni”
La vita del detenuto Harvey Weinstein
La vita del detenuto Harvey Weinstein
Dai reda carpet più prestigiosi al più sinistro carcere d’America: l’ex produttore attende di conoscere gli anni che dovrà scontare fra appelli dei suoi avvocati e infermerie
Timothy Hutton accusato di stupro
Timothy Hutton accusato di stupro
Secondo una donna oggi 50enne, l’attore l’avrebbe violentata in un hotel di Vancouver. Lui respinge ogni accusa e spiega di essere tormentato dalle richieste di denaro e minacce della donna
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
L’impero del finanziere pedofilo comprendeva 15 società a responsabilità limitata e 10 spa, due isole caraibiche, diverse residenze e numerose auto di lusso, per un totale di 636 milioni di dollari
USA: la giustizia punta Peter Nygard
USA: la giustizia punta Peter Nygard
È il nuovo nome nello scandalo dei ricchi che approfittano di ragazzine minorenni. Sul conto dello stilista canadese non c’è ancora alcuna accusa formale, ma l’FBI ha fatto irruzione nei suoi uffici
Harvey Weinstein condannato
Harvey Weinstein condannato
La giuria del tribunale di New York ha condannato l’ex produttore per violenza sessuale di primo e terzo grado: rischia fino a 25 anni di galera. Assolto dai reati più gravi. A breve l’inizio di un nuovo processo in California