Time’s Up: il tempo di subire è finito

| Si sono presentate con una lettera aperta sulle pagine di due quotidiani: sono più di 300 donne di spettacolo e cultura, unite dalla certezza che sia necessario fare tutto il possibile, perché un Weinstein basta e avanza

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Non c’è momento migliore di questo, per cambiare le regole. Ne sono più che convinte 330 donne di Hollywood che mentre il calendario lasciava il 2017 per aprirsi al 2018, hanno scelto di svelare il loro progetto. Si chiama “Time’s Up”, letteralmente: non c’è più tempo. Un’idea, manco a dirlo, che nasce dall’enorme paiolo in cui è finito quasi per intero il dorato mondo del cinema, seguito da quello della politica e del giornalismo di mezzo mondo: universi paralleli in cui l’unica regola era quella del più forte e del più potente che tutto poteva. Cittadini al di sopra di ogni sospetto e spesso così celebri da non poter pensare neanche di scalfirli.

“Time’s Up” si è presentato il 1 gennaio, poche ore fa, sulle pagine del “New York Times” e de “La Opiniòn”, il più seguito quotidiano in lingua spagnola, con una lettera che suona come una sorta di chiamata alle armi: il tempo del silenzio, dell’attesa, della tolleranza verso gli abusi, della discriminazione e delle molestie è finito. Dev’esserlo per sempre, o tutto questo polverone non avrà avuto alcun senso.

L’iniziativa, a cui hanno aderito attrici, produttrici, giornaliste, avvocatesche e scrittrici, ha in programma lo studio di nuove regole che eliminino per sempre altri possibili Weinstein futuri e azioni di pressione verso tutte quelle aziende che tollerino gli abusi, aprendo anche un fondo per il sostegno legale a donne e uomini, perché no, molestati sul luogo di lavoro che però non possono difendersi. Per loro, la garanzia che in caso di denuncia non ci saranno ripercussioni personali e lavorative.

Fra le prime ad aderire alcuni dei nomi più celebri di Hollywood: Cate Blanchett, Emma Stone, Jennifer Lawrence, Eva Longoria, Meryl Streep, Ashley Judd, Julianne Moore, Natalie Portman, Reese Witherspoon e Amber Tamblyn, a cui aggiungere la sceneggiatrice Gloria Steinem, la presidente della “Universal Pictures” Donna Langley e Tina Tchen, ex capo dello staff di Michele Obama. Ma soprattutto, è bastato suonare la carica per raccogliere 15 milioni di dollari e partire all’attacco.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Caso Weinstein, il processo entra nel vivo
Caso Weinstein, il processo entra nel vivo
Definito un “predatore sessuale e stupratore”, l’ex produttore di Hollywood alla sbarra per rispondere di due violenze sessuali. Non ammesse alcune email presentate dalla difesa
Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”
Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”
Nella denuncia appena presentata, l’ennesima vittima del miliardario pedofilo racconta un incontro con l’allora tycoon: “Sorridevano complici, erano amici”
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le Isole Vergini vogliono confiscare le tenute di Epstein
Le due isole caraibiche in cui per anni il miliardario ha ospitato, rinchiuso e violentato centinaia di ragazzine, sono entrate nel mirino dell’arcipelago americano
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
Gigi Hadid fra i giurati del processo Weinstein
La supermodella potrebbe comparire fra i 120 giurati che decideranno le sorti dell’ex produttore di Hollywood accusato di stupro
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Bill Clinton sul Lolita Express di Epstein
Chauntae Davies, una giovane reclutata da Ghislaine Maxwell, nel 2002 ha partecipato ad un viaggio in Africa in cui erano presenti Kevin Spacey e l’ex presidente Clinton, definito “un vero gentiluomo”
The Harvey Weinstein show
The Harvey Weinstein show
L’ex produttore hollywoodiano è arrivato in tribunale con il deambulatore: rischia l’ergastolo. A scaldare la folla in attesa ci ha pensato Rose McGowan, una delle sue prime accusatrici
Harvey Weinstein si prepara al processo
Harvey Weinstein si prepara al processo
A poche ore dall’inizio delle udienze in cui dovrà rispondere di due stupri, l’ex produttore si è confidato con la CNN
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
Ghislaine Maxwell, sotto massima protezione
La complice del miliardario pedofilo Jeffrey Epstein vivrebbe spostandosi di continuo, sotto la protezione delle intelligence di potenze straniere per via dei tanti i segreti pericolosi di cui è conoscenza
La cugina Christina, l’ultimo imbarazzo della Royal Family
La cugina Christina, l’ultimo imbarazzo della Royal Family
Cugina di secondo grado di Andrea e scrittrice di successo, Christina Oxemberg sta raccontando a puntate che Epstein e la Maxwell lo consideravano “un povero idiota”. Pesanti rivelazioni anche sulla sua famiglia