Tutti contro Polanski

| I cinema francesi che proiettano l’ultimo film del regista polacco presi d’assalto e bloccati dalle proteste. La moglie Emmanuelle Seigner minimizza: fra 10 giorni sarà silenzio

+ Miei preferiti
“J’accuse”, il titolo dell’ultimo film di Roman Polaski, è diventato “J’abuse” nei cartelli delle proteste che stanno andando in scena in tutta la Francia, di fronte ai cinema che ospitano il nuovo lavoro del discusso regista polacco.

Una campagna di boicottaggio nata dopo le accuse di Valentine Monnier, fotografa ed ex modella che ha svelato di essere stata violentata nel 1975 da Polanski in uno chalet di Gstaad, in Svizzera. È la seconda accusa a pendere sul capo del regista, dopo quello del 1977, quando Polanski ammise di aver fatto sesso con la 13enne Samantha Geimer, ma riuscì a fuggire dagli Stati Uniti dopo pochi giorni di detenzione.

“L’ufficiale e la spia”, titolo italiano del film che in Italia uscirà il 21 novembre, non ha avuto vita facile fin dall’inizio: lo scorso settembre, al Festival di Venezia, non sono bastati gli sforzi di Lucrecia Martel, presidente della giuria, per giustificare un Leone d’Argento che ha premiato l’artista, prendendo le distanze dall’uomo.

Il film ripercorre “l’affare Dreyfus”, uno dei più celebri ed emblematici errori giudiziari della storia: la vicenda di Alfred Dreyfus, capitano dell’esercito francese accusato ingiustamente di alto tradimento e riabilitato soltanto anni dopo. Secondo i critici, lo sguardo di Polanski su Dreyfus è quello di chi si sente ingiustamente accusato di qualcosa che non ha fatto.

In soccorso di Roman è arrivata in queste ore Emmanuelle Seigner, da trent’anni moglie in carica di Polanski e protagonista di numerose pellicole del marito, compreso “J’accuse”: “Questo film passerà alla storia del cinema, tutto il resto svanirà nel giro di 10 giorni. Penso ciò che il film dice: essere accusati non significa essere colpevoli. Dovremmo riflettere tutti su questo. Sono convinta che tutto svanirà in fretta e per fortuna il pubblico sta dimostrando di essere più intelligente dei media”.

Pare che non vada esattamente così: le proteste hanno costretto gli organizzatori ad annullare l’anteprima del film al cinema “Le Champo” di Parigi.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Tutti contro Polanski - immagine 1
Tutti contro Polanski - immagine 2
Tutti contro Polanski - immagine 3
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Altre quattro donne accusano Weistein
Altre quattro donne accusano Weistein
Sarebbero state violentate o costrette ad atti sessuali in periodi diversi nelle suite dell’ex produttore. Le quattro, che hanno richiesto l’anonimato, hanno presentato una causa comune di risarcimento danni
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
La procura distrettuale di Los Angeles sta avviando le procedure per l’estradizione dell’ex produttore, che deve rispondere di uno stupro avvenuto a Beverly Hills nel 2010
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Decine di giovani donne sarebbero state costrette alla schiavitù sessuale su un’app di messaggistica criptata. Arrestato l’uomo che gestiva un traffico in cui fra le vittime ci sono molte minorenni
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
L’ex socialite britannica, complice del miliardario pedofilo, ha avviato una causa affermando che Epstein le aveva assicurato il proprio appoggio economico
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Dopo la lettura della sentenza, l’ex produttore ha chiesto la parole rivolgendosi alle sue accusatrici. Lo attende un altro processo per stupro e tentata violenza Los Angeles
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Secondo i giudici americani, il duca di York avrebbe escluso ogni possibilità di deporre davanti all’FBI. La giustizia statunitense “valuta altre opzioni”
La vita del detenuto Harvey Weinstein
La vita del detenuto Harvey Weinstein
Dai reda carpet più prestigiosi al più sinistro carcere d’America: l’ex produttore attende di conoscere gli anni che dovrà scontare fra appelli dei suoi avvocati e infermerie
Timothy Hutton accusato di stupro
Timothy Hutton accusato di stupro
Secondo una donna oggi 50enne, l’attore l’avrebbe violentata in un hotel di Vancouver. Lui respinge ogni accusa e spiega di essere tormentato dalle richieste di denaro e minacce della donna
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
L’impero del finanziere pedofilo comprendeva 15 società a responsabilità limitata e 10 spa, due isole caraibiche, diverse residenze e numerose auto di lusso, per un totale di 636 milioni di dollari