Tutti contro Polanski

| I cinema francesi che proiettano l’ultimo film del regista polacco presi d’assalto e bloccati dalle proteste. La moglie Emmanuelle Seigner minimizza: fra 10 giorni sarà silenzio

+ Miei preferiti
“J’accuse”, il titolo dell’ultimo film di Roman Polaski, è diventato “J’abuse” nei cartelli delle proteste che stanno andando in scena in tutta la Francia, di fronte ai cinema che ospitano il nuovo lavoro del discusso regista polacco.

Una campagna di boicottaggio nata dopo le accuse di Valentine Monnier, fotografa ed ex modella che ha svelato di essere stata violentata nel 1975 da Polanski in uno chalet di Gstaad, in Svizzera. È la seconda accusa a pendere sul capo del regista, dopo quello del 1977, quando Polanski ammise di aver fatto sesso con la 13enne Samantha Geimer, ma riuscì a fuggire dagli Stati Uniti dopo pochi giorni di detenzione.

“L’ufficiale e la spia”, titolo italiano del film che in Italia uscirà il 21 novembre, non ha avuto vita facile fin dall’inizio: lo scorso settembre, al Festival di Venezia, non sono bastati gli sforzi di Lucrecia Martel, presidente della giuria, per giustificare un Leone d’Argento che ha premiato l’artista, prendendo le distanze dall’uomo.

Il film ripercorre “l’affare Dreyfus”, uno dei più celebri ed emblematici errori giudiziari della storia: la vicenda di Alfred Dreyfus, capitano dell’esercito francese accusato ingiustamente di alto tradimento e riabilitato soltanto anni dopo. Secondo i critici, lo sguardo di Polanski su Dreyfus è quello di chi si sente ingiustamente accusato di qualcosa che non ha fatto.

In soccorso di Roman è arrivata in queste ore Emmanuelle Seigner, da trent’anni moglie in carica di Polanski e protagonista di numerose pellicole del marito, compreso “J’accuse”: “Questo film passerà alla storia del cinema, tutto il resto svanirà nel giro di 10 giorni. Penso ciò che il film dice: essere accusati non significa essere colpevoli. Dovremmo riflettere tutti su questo. Sono convinta che tutto svanirà in fretta e per fortuna il pubblico sta dimostrando di essere più intelligente dei media”.

Pare che non vada esattamente così: le proteste hanno costretto gli organizzatori ad annullare l’anteprima del film al cinema “Le Champo” di Parigi.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Tutti contro Polanski - immagine 1
Tutti contro Polanski - immagine 2
Tutti contro Polanski - immagine 3
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell voleva reclutare Paris Hilton
Ghislaine Maxwell voleva reclutare Paris Hilton
Colpita dall’avvenenza e dalla scioltezza dell’ereditiera, la maitresse di Epstein le aveva messo gli occhi addosso
La nipote di Churchill fra gli ospiti di Epstein
La nipote di Churchill fra gli ospiti di Epstein
Il nome di Silvia Hambro, ex damigella di Lady Diana, spunta fra gli ospiti del magnate pedofilo. Ma le si affretta a precisare: “Era solo lavoro, non ho visto nulla e nessuno mi ha molestata”
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Dalle deposizioni di Virginia Roberts, su cui è stato tolto il segreto, spuntano nomi eccellenti delle amicizie del miliardario, tutti resi ricattabili grazie al sesso
Anche Ghislaine organizzava orge con ragazzine
Anche Ghislaine organizzava orge con ragazzine
Una parte dei documenti desecretati da un giudice getta nuove inquietanti ombre sulla figura della Maxwell, finora considerata la “maitresse” di Epstein e in realtà altrettanto attiva negli abusi sessuali
In vendita due delle case di Epstein
In vendita due delle case di Epstein
La palazzina di New York e la residenza di Palm Springs sono in vendita, per un totale di 110 milioni di dollari. Il denaro finirà al fondo per risarcire le vittime del miliardario pedofilo
Desecretati i dossier segreti di Ghislaine Maxwell
Desecretati i dossier segreti di Ghislaine Maxwell
Un giudice di New York ha stabilito di togliere i sigilli ad un dossier “top secret” dell’ex socialite britannica. Il fascicolo potrebbe contenere documenti scottanti e rivelazioni esplosive
Virginia Roberts: «Il vero mostro è Ghislaine»
Virginia Roberts: «Il vero mostro è Ghislaine»
La donna che ha fatto saltare l’impero della pedofilia di Epstein racconta in un’intervista che la mente di tutto il traffico era l’ex socialite britannica
Niente cauzione per Ghislaine Maxwell
Niente cauzione per Ghislaine Maxwell
Definita “abile, furba e capace” nell’arte della fuga, l’ex complice di Epstein si vede negare gli arresti domiciliari su cui insistono i suoi legali
Andrea, condannato a priori
Andrea, condannato a priori
Tace sull’arresto di Ghislaine Maxwell, ma sa bene che tanto finirebbe sulla graticola comunque. I consiglieri di corte gli suggeriscono silenzio, per “non far arrabbiare” la donna che potrebbe far tremare il mondo