Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea

| Dopo Jeffrey Epstein scoppia il caso dell’eccentrico stilista canadese Peter Nygard, anche lui accusato di stupro e violenza da diverse donne

+ Miei preferiti
Un’altra tegola si abbatte con forza sulla fronte del principe Andrea, il cui giro di amicizie è sempre più nell’occhio del ciclone. Dopo lo scandalo dalla conseguenze pesanti del miliardario pedofilo Jeffrey Epstein, spunta un altro nome pesante: Peter Nygard. Canadese, 78 anni, coriaceo magnate della moda famoso per i look eccentrici e lo stile di vita edonistico, è il proprietario di un “resort di lusso privato” alle Bahamas, ma soprattutto è finito al centro di uno scandalo sessuale che ancora una volta coinvolge minorenni, attirate nelle sue tenute con la promessa di entrare nel mondo della moda e stuprate.

Il “Daily Mail” rivela che Andrea è stato ospite della tenuta caraibica di Nygard diverse volte, la prima all’inizio del 2000, all’incirca nel periodo del suo quarantesimo compleanno. Aveva divorziato ormai da quattro anni e anche la sua carriera nella Royal Navy volgeva al termine: era alle prime battute di una crisi di mezza età che lo avrebbe visto anche iniziare la sfortunata amicizia con Epstein, la cui isola privata caraibica aveva visitato l’estate precedente.

Il resort, chiamato “Nygard Cay”, è costruito su un’area di 2 ettari sull’isola di New Providence, è stato acquistato nel 1987 e trasformato in quella che è stata descritta come una “casa da sogno”, con 150mila metri quadri di edifici a tema maya che si estendono su una dozzina di residenze in stile “cabana” progettate per organizzare feste sontuose. Gli edifici includono un casinò, una discoteca con un soffitto di vetro del peso di 45 tonnellate e la sauna più grande del mondo, un lodge di 600 metri quadri con struttura di tronchi di pino canadese. Nel parco un’elisuperficie, finti vulcani che eruttano ghiaccio secco, torri alte 20 metri ornate da centinaia di torce fiammeggianti e statue gigantesche di donne nude, presumibilmente sul modello di alcune ex fidanzate del proprietario.

Un nuovo caso che minaccia di mettere ancora più in imbarazzo Andrew, costretto dalla Royal Family a fare un vistoso passo indietro rispetto alla vita pubblica per il contraccolpo mediatico della sua amicizia con Epstein. Secondo una causa intentata contro di lui a New York, Nygard avrebbe utilizzato la sua villa con dieci stanze da letto per ospitare “party” per ragazze adolescenti reclutate in centri commerciali ed eventi di moda. Nygard e i suoi collaboratori illudevano le ragazze di poter intraprendere le carriere di modelle, ma venivano stordite con droga e alcolici prima che Nygard le violentasse.

Tre delle 10 presunte vittime erano quattordicenni e hanno riferito di aver temuto per la propria incolumità: otto erano adolescenti e due dipendenti della tenuta di Nassau.

Secondo gli avvocati delle donne, il designer canadese ha gestito per oltre un decennio un “traffico sessuale" che ha minato per sempre vite innocenti. Usava il jet privato della compagnia, soprannominato “N-Force”, per portare le sue vittime in visita a Londra, in Germania, in Italia e in Cina, trattandole come le sue schiave Anche due yacht sarebbero stati utilizzati per trasportare droga e liquori per le orge di Nygard, che disponeva di un database con 7.500 nomi di potenziali vittime.

Come Epstein, Nygard si muoveva attraverso cerchi concentrici. Padre di almeno sette figli avuti da quattro donne, all’epoca frequentava l’ex modella di “Playboy” Anna Nicole Smith, e per anni a Nygard Cay aveva ospitato amici famosi: il suo sito web vanta amicizie che spaziano dalla musica (Michael Jackson, Lenny Kravitz) alle stelle di Hollywood (Robert DeNiro, Sylvester Stallone, Jessica Alba, Zoe Saldana, Sean Connery), compreso l’ex presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush e diversi membri del clan Kennedy. Nessuno di questi amici sembrava eccessivamente preoccupato che il loro ospite avesse ricevuto divere accuse di molestie sessuali.

Le accuse sono state energicamente smentite da Nygard, il cui portavoce ieri le ha liquidate come “completamente false e prive di fondamento”.

Al momento, nessuna delle donne querelanti, che ora hanno un'età compresa tra i 18 e i 36 anni, hanno coinvolto negli abusi alcun amico famoso di Nygard. 

Galleria fotografica
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea - immagine 1
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea - immagine 2
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea - immagine 3
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea - immagine 4
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea - immagine 5
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea - immagine 6
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea - immagine 7
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea - immagine 8
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea - immagine 9
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea - immagine 10
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea
«A Weinstein resta poco da vivere»
«A Weinstein resta poco da vivere»
Gli avvocati dell’ex magnate hanno presentato un’istanza di scarcerazione su cauzione per gravissimi motivi di salute. Ma il giudice l’ha rigettata: non sta così male e se uscisse potrebbe sparire per sempre
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Un giornalista americano è riuscito a entrare in possesso di una copia della celebre agenda del miliardario pedofilo e ha chiamato tutti numeri, facendo oltre 2.000 telefonate