Una vittima di Epstein accusa Trump: “Sapeva tutto”

| Nella denuncia appena presentata, l’ennesima vittima del miliardario pedofilo racconta un incontro con l’allora tycoon: “Sorridevano complici, erano amici”

+ Miei preferiti
Ha chiesto l’anonimato, e il suo nome sulla denuncia è il solito usato in casi simili: “Jane Doe”. È l’ennesima donna che si aggiunge alla lunga fila di ex ragazzine passate dalla corte di Jeffrey Epstein, un girone infernale all’apparenza pieno di lussi, viaggi e privilegi che si concludeva sempre nello stesso modo: lo stupro.

Questa volta, la nuova Jane Doe non tira in ballo i nobili e potenti che in questi mesi hanno riempito le cronache mondiali, ma fa un nome altrettanto pesante: Donald Trump.

Il presidente americano non è tirato in ballo in prima persona – secondo alcuni non ancora, è solo questione di tempo – ma se l’episodio che la donna ha raccontato nella denuncia fosse vero, dimostrerebbe l’ennesima bugia di Trump, che dal momento in cui è esploso lo scandalo Epstein ha sempre preso le distanze dal magnate pedofilo e dalle sue aberranti abitudini sessuali.

Era la metà degli anni Novanta e Jane Doe aveva appena 14 anni, quando Epstein la presentò all’allora tycoon nella sua residenza di Mar-a-Lago, in Florida, il luogo più amato da Trump, da molti definito la “seconda White House”. Secondo i documenti del tribunale, svelati in anteprima dal “NY Daily News”, la sconosciuta ha raccontato che nel momento delle presentazioni fra Trump ed Epstein ci fu uno sguardo complice: “Non trovi sia un’ottima notizia?”, chiese Epstein indicando la ragazzina, e Trump sorrise compiaciuto.

“Entrambi ridevano e la ragazzina si sentiva a disagio, ma all’epoca era troppo giovane per capire il perché”, si legge negli atti. Jane Doe sostiene che Epstein e la sua complice, l’ereditiera britannica Ghislaine Maxwell, l’avevano preparata da tempo agli abusi con continui riferimenti sessuali. La donna avrebbe incontrato la coppia per la prima volta all’età di 13 anni: Epstein ha abusato di lei per la prima volta nel 1994.

Nei mesi scorsi sono circolate diverse foto in cui Epstein e Trump sono ripresi insieme, spesso abbracciati e sorridenti, come due amici di vecchia data. Ma il presidente ha ripetutamente negato qualsiasi rapporto di amicizia con il magnate, malgrado in passato avesse definito Epstein “un ragazzo fantastico”.

Jeffrey Epstein è morto il 10 agosto scorso in una cella del carcere federale di Manhattan, in attesa di essere processato con l’accusa di traffico sessuale. La morte è stata dapprima dichiarata suicidio, ma da allora sono nate diverse teorie cospirative intorno al possibile omicidio, supportate da accuse di insabbiamento. Mesi dopo la morte, il sindaco di New York Bill de Blasio ha detto di credere che “qualcosa non quadra” nella morte di Epstein: “Non ha senso che qualcuno si sia dimenticato di sorvegliare il prigioniero di più alto profilo in America. Voglio capire, credo che tutti vogliano capire cosa sia successo veramente. Non so quale sia stata la causa della morte, so solo che non sarebbe mai dovuto accadere, e le risposte date finora non convincono”.

L’ex medico legale capo della città di New York, il dottor Michael Baden, assunto dal fratello di Epstein, ha affermato che ci sono prove sufficienti per ritenere che Epstein sia stato assassinato e non si è impiccato.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Caso Epstein, la testimone che 10 anni fa poteva fermarlo
Caso Epstein, la testimone che 10 anni fa poteva fermarlo
Non è stata mai ascoltata dalle autorità giudiziarie, perché attraverso i suoi legali il finanziere era riuscito a stipulare un accordo, giocando con appelli e contestazioni per rimandare ogni cosa
Processo Weinstein, la parola alla giuria
Processo Weinstein, la parola alla giuria
Si avvia alla conclusione il processo contro l’ex produttore di Hollywood: i 12 giurati si sono chiusi in camera di consiglio per valutare gli atti di accusa e l’attendibilità delle testimonianze. Consapevoli che sarà una sentenza storica
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea
Un nuovo amico pedofilo per il principe Andrea
Dopo Jeffrey Epstein scoppia il caso dell’eccentrico stilista canadese Peter Nygard, anche lui accusato di stupro e violenza da diverse donne
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
Donna Rotunno, l’arcigno avvocato di Weinstein
“The Legal Rottweiler” parte sempre all’attacco, facendo vacillare le presunte vittime dell’ex produttore alla sbarra a New York. Nella sua carriera 39 assoluzioni su 40 casi di reati sessuali
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Al processo Weinstein spunta un’italiana
Emanuela Postacchini, 29 anni, da anni a Los Angeles, ha raccontato in aula di essere stata attirata in una stanza d’albergo per fare sesso a tre
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Il #MeToo degli Angeli di Victoria’s Secret
Soprusi, abusi, feste esclusive, commenti: dietro le quinte dell’olimpo delle top model si celavano i comportamenti di due altissimi dirigenti
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Processo Weinstein: la strana versione di una vittima
Una delle donne che accusa l’ex produttore di stupro racconta ai giudici la scena della violenza. Ma poi aggiunge di aver avuto una relazione con lui
Processo Weinstein, la testimonianza di altre 2 vittime
Processo Weinstein, la testimonianza di altre 2 vittime
Un’ex costumista che sognava di recitare e un’aspirante modella sono passate dalle grinfie dell’ex produttore. Ad una ho proposto sesso a tre per fare carriera: “Charlize Theron e Selma Hayek hanno fatto così”
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare
L’FBI: il principe Andrea si rifiuta di collaborare
L’accusa nel corso di una conferenza stampa del procuratore di New York: “Abbiamo richiesto più volte di poter interrogare il duca di York, ma non abbiamo avuto risposta”