Virginia Roberts:
“Il principe Andrea confessi”

| La principale accusatrice del miliardario suicida all’attacco del duca di York. Ma da una rivelazione giornalistica viene fuori che diverse riprese delle videocamere di sorveglianza sarebbero inutilizzabili

+ Miei preferiti
Virginia Roberts Giuffre, l’ex schiava del sesso di Jeffrey Epstein, oggi è una donna di 35 anni che ha deciso di fare pace con il proprio passato, costi quel che costi. Insieme ad altre 20 donne, tutte troppo grandi per pensare che piacerebbero ancora al miliardario con la passione per le ragazzine, sa di non avere altro da perdere. Semmai il contrario.

Così, ogni volta che ne ha l’occasione, parte a testa bassa con attacchi frontali e senza mezzi termini. L’ultimo, che in queste ore sta tenendo banco sui tabloid di mezzo mondo, non ha come protagonista Epstein, definito “il codardo che si è suicidato invece di rispondere alla giustizia delle proprie azioni”, ma il principe Andrea. Il duca di York che da settimane cerca di smarcarsi dalla ragnatela della pedofilia, e più ci prova, più su di lui si scoprono frequentazioni imbarazzanti. La Roberts insiste: “Epstein mi ha ordinato più volte di andare a letto con il duca di York quando avevo 17 anni”. Lui nega, Buckingham Palace annaspa fra comunicati pieni di sdegno e lei picchia ogni volta più forte: “Il principe Andrea sa perfettamente cosa ha fatto: mi auguro che confessi e dica tutto”.

Accuse che non sarebbero soltanto parole, ma messe nero su bianco in atti giudiziari che riportano dichiarazioni con tanto di date, fatti e circostanze rese nel 2016, insieme ad altri nomi che scottano: l’avvocato Alan Deshowitz, l’ex governatore del Messico Bill Richardson e l’ex senatore americano George Mitchell. Tutta gente con cui Virginia Roberts Giuffre afferma di aver avuto rapporti sessuali, su ordine del suo “padrone” Jeffrey Epstein e con il coordinamento del traffico di Ghislaine Maxwell, la procacciatrice di carne fresca con cui sfamare le voglie del miliardario. E non è finita, perché nuovi capitoli potrebbero aprirsi a breve, visto che fra le amicizie di Epstein spiccano Woody Allen, l’ex presidente Bill Clinton e quello attuale, Donald Trump.

Ma quella della Roberts non è l’unica notizia del giorno, intorno alla vicenda sempre più intricata della vita e della morte di Epstein. L’autopsia ha confermato il suicidio tramite impiccagione, lasciando però la controversia che dietro potesse nascondersi un suicidio indotto o una messinscena da spy-story. L’unico dubbio avrebbero potuto toglierlo i filmati delle videocamere di sicurezza, che fra agenti di custodia incredibilmente assopiti o distratti, e i licenziamenti postumi di dirigenti del “Metropolitan Correctional Center” per incapacità manifesta, erano le uniche a non poter mentire. Ebbene, come ha rivelato in queste ore il “Washington Post”, una parte di quei filmati è del tutto “inutilizzabile”. Non è ancora chiaro se si tratti di un danneggiamento che impedisca la visione completa o parziale, e quante riprese delle numerose videocamere sarebbero invece salve. Ma la rivelazione è inquietante e aggiunge mistero ad un giallo di cui non sarà facile arrivare al punto di partenza. Intanto, il Grand Jury di New York avrebbe spiccato 20 mandati di comparizione per altrettante guardie carcerarie per ricostruire al secondo la notte in cui Jeffrey Epstein è morto.

Galleria fotografica
Virginia Roberts:<br>“Il principe Andrea confessi” - immagine 1
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
Tutto pronto per un nuovo processo a Weinstein
La procura distrettuale di Los Angeles sta avviando le procedure per l’estradizione dell’ex produttore, che deve rispondere di uno stupro avvenuto a Beverly Hills nel 2010
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Un nuovo scandalo sessuale esplode in Corea del Sud
Decine di giovani donne sarebbero state costrette alla schiavitù sessuale su un’app di messaggistica criptata. Arrestato l’uomo che gestiva un traffico in cui fra le vittime ci sono molte minorenni
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
Ghislaine Maxwell attacca il patrimonio di Epstein
L’ex socialite britannica, complice del miliardario pedofilo, ha avviato una causa affermando che Epstein le aveva assicurato il proprio appoggio economico
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Harvey Weinstein condannato a 23 anni
Dopo la lettura della sentenza, l’ex produttore ha chiesto la parole rivolgendosi alle sue accusatrici. Lo attende un altro processo per stupro e tentata violenza Los Angeles
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Il principe Andrea rifiuta di collaborare
Secondo i giudici americani, il duca di York avrebbe escluso ogni possibilità di deporre davanti all’FBI. La giustizia statunitense “valuta altre opzioni”
La vita del detenuto Harvey Weinstein
La vita del detenuto Harvey Weinstein
Dai reda carpet più prestigiosi al più sinistro carcere d’America: l’ex produttore attende di conoscere gli anni che dovrà scontare fra appelli dei suoi avvocati e infermerie
Timothy Hutton accusato di stupro
Timothy Hutton accusato di stupro
Secondo una donna oggi 50enne, l’attore l’avrebbe violentata in un hotel di Vancouver. Lui respinge ogni accusa e spiega di essere tormentato dalle richieste di denaro e minacce della donna
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
Svelato il patrimonio di Jeffrey Epstein
L’impero del finanziere pedofilo comprendeva 15 società a responsabilità limitata e 10 spa, due isole caraibiche, diverse residenze e numerose auto di lusso, per un totale di 636 milioni di dollari
USA: la giustizia punta Peter Nygard
USA: la giustizia punta Peter Nygard
È il nuovo nome nello scandalo dei ricchi che approfittano di ragazzine minorenni. Sul conto dello stilista canadese non c’è ancora alcuna accusa formale, ma l’FBI ha fatto irruzione nei suoi uffici