Virginia Roberts:
“Il principe Andrea confessi”

| La principale accusatrice del miliardario suicida all’attacco del duca di York. Ma da una rivelazione giornalistica viene fuori che diverse riprese delle videocamere di sorveglianza sarebbero inutilizzabili

+ Miei preferiti
Virginia Roberts Giuffre, l’ex schiava del sesso di Jeffrey Epstein, oggi è una donna di 35 anni che ha deciso di fare pace con il proprio passato, costi quel che costi. Insieme ad altre 20 donne, tutte troppo grandi per pensare che piacerebbero ancora al miliardario con la passione per le ragazzine, sa di non avere altro da perdere. Semmai il contrario.

Così, ogni volta che ne ha l’occasione, parte a testa bassa con attacchi frontali e senza mezzi termini. L’ultimo, che in queste ore sta tenendo banco sui tabloid di mezzo mondo, non ha come protagonista Epstein, definito “il codardo che si è suicidato invece di rispondere alla giustizia delle proprie azioni”, ma il principe Andrea. Il duca di York che da settimane cerca di smarcarsi dalla ragnatela della pedofilia, e più ci prova, più su di lui si scoprono frequentazioni imbarazzanti. La Roberts insiste: “Epstein mi ha ordinato più volte di andare a letto con il duca di York quando avevo 17 anni”. Lui nega, Buckingham Palace annaspa fra comunicati pieni di sdegno e lei picchia ogni volta più forte: “Il principe Andrea sa perfettamente cosa ha fatto: mi auguro che confessi e dica tutto”.

Accuse che non sarebbero soltanto parole, ma messe nero su bianco in atti giudiziari che riportano dichiarazioni con tanto di date, fatti e circostanze rese nel 2016, insieme ad altri nomi che scottano: l’avvocato Alan Deshowitz, l’ex governatore del Messico Bill Richardson e l’ex senatore americano George Mitchell. Tutta gente con cui Virginia Roberts Giuffre afferma di aver avuto rapporti sessuali, su ordine del suo “padrone” Jeffrey Epstein e con il coordinamento del traffico di Ghislaine Maxwell, la procacciatrice di carne fresca con cui sfamare le voglie del miliardario. E non è finita, perché nuovi capitoli potrebbero aprirsi a breve, visto che fra le amicizie di Epstein spiccano Woody Allen, l’ex presidente Bill Clinton e quello attuale, Donald Trump.

Ma quella della Roberts non è l’unica notizia del giorno, intorno alla vicenda sempre più intricata della vita e della morte di Epstein. L’autopsia ha confermato il suicidio tramite impiccagione, lasciando però la controversia che dietro potesse nascondersi un suicidio indotto o una messinscena da spy-story. L’unico dubbio avrebbero potuto toglierlo i filmati delle videocamere di sicurezza, che fra agenti di custodia incredibilmente assopiti o distratti, e i licenziamenti postumi di dirigenti del “Metropolitan Correctional Center” per incapacità manifesta, erano le uniche a non poter mentire. Ebbene, come ha rivelato in queste ore il “Washington Post”, una parte di quei filmati è del tutto “inutilizzabile”. Non è ancora chiaro se si tratti di un danneggiamento che impedisca la visione completa o parziale, e quante riprese delle numerose videocamere sarebbero invece salve. Ma la rivelazione è inquietante e aggiunge mistero ad un giallo di cui non sarà facile arrivare al punto di partenza. Intanto, il Grand Jury di New York avrebbe spiccato 20 mandati di comparizione per altrettante guardie carcerarie per ricostruire al secondo la notte in cui Jeffrey Epstein è morto.

Galleria fotografica
Virginia Roberts:<br>“Il principe Andrea confessi” - immagine 1
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea
«A Weinstein resta poco da vivere»
«A Weinstein resta poco da vivere»
Gli avvocati dell’ex magnate hanno presentato un’istanza di scarcerazione su cauzione per gravissimi motivi di salute. Ma il giudice l’ha rigettata: non sta così male e se uscisse potrebbe sparire per sempre
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Dentro il «Black Book» di Jeffrey Epstein
Un giornalista americano è riuscito a entrare in possesso di una copia della celebre agenda del miliardario pedofilo e ha chiamato tutti numeri, facendo oltre 2.000 telefonate