Virginia Roberts:
“Il principe Andrea confessi”

| La principale accusatrice del miliardario suicida all’attacco del duca di York. Ma da una rivelazione giornalistica viene fuori che diverse riprese delle videocamere di sorveglianza sarebbero inutilizzabili

+ Miei preferiti
Virginia Roberts Giuffre, l’ex schiava del sesso di Jeffrey Epstein, oggi è una donna di 35 anni che ha deciso di fare pace con il proprio passato, costi quel che costi. Insieme ad altre 20 donne, tutte troppo grandi per pensare che piacerebbero ancora al miliardario con la passione per le ragazzine, sa di non avere altro da perdere. Semmai il contrario.

Così, ogni volta che ne ha l’occasione, parte a testa bassa con attacchi frontali e senza mezzi termini. L’ultimo, che in queste ore sta tenendo banco sui tabloid di mezzo mondo, non ha come protagonista Epstein, definito “il codardo che si è suicidato invece di rispondere alla giustizia delle proprie azioni”, ma il principe Andrea. Il duca di York che da settimane cerca di smarcarsi dalla ragnatela della pedofilia, e più ci prova, più su di lui si scoprono frequentazioni imbarazzanti. La Roberts insiste: “Epstein mi ha ordinato più volte di andare a letto con il duca di York quando avevo 17 anni”. Lui nega, Buckingham Palace annaspa fra comunicati pieni di sdegno e lei picchia ogni volta più forte: “Il principe Andrea sa perfettamente cosa ha fatto: mi auguro che confessi e dica tutto”.

Accuse che non sarebbero soltanto parole, ma messe nero su bianco in atti giudiziari che riportano dichiarazioni con tanto di date, fatti e circostanze rese nel 2016, insieme ad altri nomi che scottano: l’avvocato Alan Deshowitz, l’ex governatore del Messico Bill Richardson e l’ex senatore americano George Mitchell. Tutta gente con cui Virginia Roberts Giuffre afferma di aver avuto rapporti sessuali, su ordine del suo “padrone” Jeffrey Epstein e con il coordinamento del traffico di Ghislaine Maxwell, la procacciatrice di carne fresca con cui sfamare le voglie del miliardario. E non è finita, perché nuovi capitoli potrebbero aprirsi a breve, visto che fra le amicizie di Epstein spiccano Woody Allen, l’ex presidente Bill Clinton e quello attuale, Donald Trump.

Ma quella della Roberts non è l’unica notizia del giorno, intorno alla vicenda sempre più intricata della vita e della morte di Epstein. L’autopsia ha confermato il suicidio tramite impiccagione, lasciando però la controversia che dietro potesse nascondersi un suicidio indotto o una messinscena da spy-story. L’unico dubbio avrebbero potuto toglierlo i filmati delle videocamere di sicurezza, che fra agenti di custodia incredibilmente assopiti o distratti, e i licenziamenti postumi di dirigenti del “Metropolitan Correctional Center” per incapacità manifesta, erano le uniche a non poter mentire. Ebbene, come ha rivelato in queste ore il “Washington Post”, una parte di quei filmati è del tutto “inutilizzabile”. Non è ancora chiaro se si tratti di un danneggiamento che impedisca la visione completa o parziale, e quante riprese delle numerose videocamere sarebbero invece salve. Ma la rivelazione è inquietante e aggiunge mistero ad un giallo di cui non sarà facile arrivare al punto di partenza. Intanto, il Grand Jury di New York avrebbe spiccato 20 mandati di comparizione per altrettante guardie carcerarie per ricostruire al secondo la notte in cui Jeffrey Epstein è morto.

Galleria fotografica
Virginia Roberts:<br>“Il principe Andrea confessi” - immagine 1
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Caso Epstein: l’ora di Bill Gates
Caso Epstein: l’ora di Bill Gates
Finora solo sfiorato dall’inchiesta sul miliardario pedofilo, il co-fondatore della Microsoft è finito sotto la lente d’ingrandimento del New York Times, che ha ricostruito i rapporti fra i due
Il nuovo scandalo scatenato da Ronan Farrow
Il nuovo scandalo scatenato da Ronan Farrow
Nel libro “Catch and Kill”, il giornalista che diede il via al caso Weinstein racconta i retroscena dell’inchiesta e pubblica un’intervista con la donna che ha denunciato per stupro Matt Laurer, uno dei più celebri anchorman americani
Nuova inchiesta per Luc Besson, accusato di stupro
Nuova inchiesta per Luc Besson, accusato di stupro
Un magistrato ha deciso di riaprire il caso della denuncia presentata dall’attrice olandese Sand Van Roy, respinta pochi mesi fa per mancanza di prove
“Le tre volte in cui ho fatto sesso con il principe”
“Le tre volte in cui ho fatto sesso con il principe”
Virginia Roberts Giuffre, una delle donne che hanno accusato il defunto finanziere Jeffrey Epstein di abusi sessuali, ha rivelato nuovi dettagli sul principe inglese Andrea
Il benefattore Dem è un predatore sessuale
Il benefattore Dem è un predatore sessuale
Ed Buck, finanziatore di Obama e dei Dem USA, arrestato a LA. Fingeva di aiutare tossici gay afro-americani e li drogava a loro insaputa. Almeno 10 le vittime di overdose. Gli avvocati: "Un mostro che nessuno voleva fermare"
Ciclismo femminile, il MeeToo# scuote il team azzurro
Ciclismo femminile, il MeeToo# scuote il team azzurro
Inchiesta della procura federale, sentito il premiatissimo allenatore Dino Savoldi. Lui respinge le accuse. Al centro, meeting in camere d'albergo, relazioni, promozioni e ingaggi. Presto altri interrogatori. Cade un mito?
Epstein: l’inchiesta sui voli del “Lolita Express”
Epstein: l’inchiesta sui voli del “Lolita Express”
Rivelati i risultati di un’indagine parallela delle autorità americane per verificare se il miliardario avesse commesso altri reati. In UK spuntano invece le rivelazioni su Ghislaine Maxwell di Petronella Wyatt
New Zealand, il MeToo# mette in crisi il governo
New Zealand, il MeToo# mette in crisi il governo
Sotto accusa il presidente del partito laburista, avrebbe insabbiato le denunce contro un dirigente "reo" di avere usato di alcune dipendenti. Ma è stato prosciolto. La premier Audern: "Subito dimissioni"
Caso Epstein: il MIT di Boston nell’occhio del ciclone
Caso Epstein: il MIT di Boston nell’occhio del ciclone
Per anni, il celebre ateneo del Massachusetts ha ricevuto denaro dal multimiliardario pedofilo, registrando le donazioni come anonime. Ronan Farrow, il giornalista dello scandalo Weistein, ha scoperto tutto