Weinstein fra attacco e difesa

| L’ex produttore hollywoodiano ha rilasciato un’intervista in cui lamenta di essere stato dimenticato per il suo lavoro in favore delle donne. Il 6 gennaio comparirà in tribunale, dove rischia una condanna pesante per violenza sessuale

+ Miei preferiti
La miglior difesa è l’attacco: una regola che in guerra e in amore vale sempre. Lo sa bene Harvey Weinstein, autore di una clamorosa intervista rilasciata al “New York Post” che sta alzando un mare di polemiche.

Dalla sua stanza-suite del “Presbyterian/Weill Cornell Medical Center” di New York, Weinstein, che val la pena ricordarlo, è accusato di accusato di stupro, violenza e molestie da più di 80 donne, lamenta che il suo straordinario lavoro di produttore sia stato oscurato dalle vicende che lo vedono alla sbarra. “Sono stato dimenticato, ho prodotto più film diretti da donne e dedicati alle donne di qualsiasi altro produttore nella storia di Hollywood. Non parlo di adesso, che è diventato un trend, ma di quando nessuno lo faceva: sono stato un pioniere, andrei premiato. Nel 2003 ho pagato 10 milioni di dollari a Gwyneth Paltrow per realizzare un film intitolato “View From The Top” (Una hostess fra le nuvole, ndr), trasformandola nell’attrice più pagata in un film indipendente”. Va ricordato che anche la Palrtrow, vincitrice nel 1999 dell’Oscar per “Shakspeare In Love”, prodotto dalla “Miramax”, ha accusato Weinstein di averla molestata nella sua camera d’albergo nel 1994, quando aveva 22 anni. L’attrice non rientra nell’accordo extragiudiziale da 25 milioni di dollari che sarebbe stato raggiunto la scorsa settimana tra la Weinstein Company e più di 30 donne che lo accusano di violenza.

È la prima intervista concessa dopo oltre un anno di silenzio, sfruttata dall’ex produttore per tentare di difendere la sua sconcertante reputazione, nella speranza di riabilitare la propria immagine di fronte al pubblico e al mondo del cinema. In compenso, nella lunga discussione Harvey ha rifiutato di commentare l’accordo extragiudiziale e le numerose accuse contro di lui. Ha solo ammesso che il prossimo 6 gennaio comparirà davanti alla Corte Suprema di Manhattan, dove dovrà rispondere dello stupro di una donna che ha preferito l’anonimato, e di aver forzato al sesso orale l’ex assistente di produzione Mimi Haleyi. Due episodi che Weinstein ha sempre negato con forza, ma che in caso di condanna potrebbero spalancargli le porte della galera.

Galleria fotografica
Weinstein fra attacco e difesa - immagine 1
Weinstein fra attacco e difesa - immagine 2
Weinstein fra attacco e difesa - immagine 3
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Nell’ennesima richiesta di libertà condizionata, i legali della 59enne britannica denunciano violenze fisiche e mentali a cui sarebbe sottoposta la complice del pedofilo Jeffrey Epstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
Un giudice ha approvato un piano di liquidazione delle tante società dell’ex re Mida di Hollywood che include diversi fondi di liquidazione risarcitori per le sue vittime
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea