Weinstein fra attacco e difesa

| L’ex produttore hollywoodiano ha rilasciato un’intervista in cui lamenta di essere stato dimenticato per il suo lavoro in favore delle donne. Il 6 gennaio comparirà in tribunale, dove rischia una condanna pesante per violenza sessuale

+ Miei preferiti
La miglior difesa è l’attacco: una regola che in guerra e in amore vale sempre. Lo sa bene Harvey Weinstein, autore di una clamorosa intervista rilasciata al “New York Post” che sta alzando un mare di polemiche.

Dalla sua stanza-suite del “Presbyterian/Weill Cornell Medical Center” di New York, Weinstein, che val la pena ricordarlo, è accusato di accusato di stupro, violenza e molestie da più di 80 donne, lamenta che il suo straordinario lavoro di produttore sia stato oscurato dalle vicende che lo vedono alla sbarra. “Sono stato dimenticato, ho prodotto più film diretti da donne e dedicati alle donne di qualsiasi altro produttore nella storia di Hollywood. Non parlo di adesso, che è diventato un trend, ma di quando nessuno lo faceva: sono stato un pioniere, andrei premiato. Nel 2003 ho pagato 10 milioni di dollari a Gwyneth Paltrow per realizzare un film intitolato “View From The Top” (Una hostess fra le nuvole, ndr), trasformandola nell’attrice più pagata in un film indipendente”. Va ricordato che anche la Palrtrow, vincitrice nel 1999 dell’Oscar per “Shakspeare In Love”, prodotto dalla “Miramax”, ha accusato Weinstein di averla molestata nella sua camera d’albergo nel 1994, quando aveva 22 anni. L’attrice non rientra nell’accordo extragiudiziale da 25 milioni di dollari che sarebbe stato raggiunto la scorsa settimana tra la Weinstein Company e più di 30 donne che lo accusano di violenza.

È la prima intervista concessa dopo oltre un anno di silenzio, sfruttata dall’ex produttore per tentare di difendere la sua sconcertante reputazione, nella speranza di riabilitare la propria immagine di fronte al pubblico e al mondo del cinema. In compenso, nella lunga discussione Harvey ha rifiutato di commentare l’accordo extragiudiziale e le numerose accuse contro di lui. Ha solo ammesso che il prossimo 6 gennaio comparirà davanti alla Corte Suprema di Manhattan, dove dovrà rispondere dello stupro di una donna che ha preferito l’anonimato, e di aver forzato al sesso orale l’ex assistente di produzione Mimi Haleyi. Due episodi che Weinstein ha sempre negato con forza, ma che in caso di condanna potrebbero spalancargli le porte della galera.

Galleria fotografica
Weinstein fra attacco e difesa - immagine 1
Weinstein fra attacco e difesa - immagine 2
Weinstein fra attacco e difesa - immagine 3
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Caso Epstein, a breve tutti i nomi della sua cerchia
Caso Epstein, a breve tutti i nomi della sua cerchia
Un giudice della Isole Vergini ha ordinato la consegna integrale e completa dei registri di volo dei velivoli di proprietà del magnate pedofilo. E i Vip di mezzo mondo ricominciano a tremare
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
La famiglia Gucci travolta da uno scandalo sessuale
Alexandra Zarini, 35 anni, accusa il patrigno Joseph Ruffalo di averla violentata per anni, coperto dalla madre e dalla nonna, che sapevano tutto ma le chiedevano il silenzio per evitare uno scandalo
Quel che resta del «Lolita Express»
Quel che resta del «Lolita Express»
Un quotidiano inglese è riuscito a salire a bordo dell’aereo che Jeffrey Epstein utilizzava per portare amici Vip e ragazzine nelle sue residenze. Giace in completo abbandono in una pista di un aeroporto della Georgia
La foto che imbarazza Clinton
La foto che imbarazza Clinton
Non prova altro che la sua presenza, ma è apparsa poco prima dell’intervento dell’ex presidente alla convention dem, gettando l’imbarazzo generale
Caso Epstein, violentata a 11 anni
Caso Epstein, violentata a 11 anni
È la nuova testimonianza che si aggiunge alle donne che accusano il miliardario pedofilo e la sua complice Ghislaine Maxwell
I legali di Ghislaine Maxwell: è una detenzione troppo opprimente
I legali di Ghislaine Maxwell: è una detenzione troppo opprimente
La squadra di avvocati che difende l’ex socia-amante di Jeffrey Epstein chiede il regime di carcerazione normalmente concesso ai detenuti in attesa di processo. L’ex socialite è sorvegliata 24 ore su 24
Ghislaine Maxwell voleva reclutare Paris Hilton
Ghislaine Maxwell voleva reclutare Paris Hilton
Colpita dall’avvenenza e dalla scioltezza dell’ereditiera, la maitresse di Epstein le aveva messo gli occhi addosso
La nipote di Churchill fra gli ospiti di Epstein
La nipote di Churchill fra gli ospiti di Epstein
Il nome di Silvia Hambro, ex damigella di Lady Diana, spunta fra gli ospiti del magnate pedofilo. Ma le si affretta a precisare: “Era solo lavoro, non ho visto nulla e nessuno mi ha molestata”
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Dalle deposizioni di Virginia Roberts, su cui è stato tolto il segreto, spuntano nomi eccellenti delle amicizie del miliardario, tutti resi ricattabili grazie al sesso