Weinstein patteggia con le sue vittime

| Un accordo extra-giudiziale da 25 milioni di dollari, interamente coperti dalle assicurazioni della casa di produzione. A gennaio l'ex re mida di Hollywood dovrà ricomparire in aula per rispondere di altri due casi di violenza

+ Miei preferiti
Distratto da principi, politici e finanzieri, il mondo si era quasi scordato di Harvey Weinstein, l’ex produttore hollywoodiano titolare di un caso che ha scoperchiato vizi e svolazzi di Hollywood. L’ex boss della “Miramax” è ricomparso al tribunale di New York con un effetto scenico di prim’ordine: un deambulatore con cui si aiutava a camminare. I suoi avvocati hanno svelato il motivo: sono i postumi di un incidente stradale di cui è stato vittima lo scorso agosto, per cui dovrà subire un intervento alla schiena.

Ma la vera notizia del ritorno di Weinstein non è questa, quanto piuttosto il patteggiamento extra-giudiziale raggiunto con le presunte vittime che l’hanno denunciato per stupro e violenze assortite. Un affare da 25 milioni di dollari che, sorpresa, sembra avere proprio Harvey nel vincitore morale della faccenda: oltre a non essere costretto ad ammettere nulla in aula, Harvey non sborserà personalmente neanche un dollaro grazie alle coperture assicurative della “Weinstein Company”. Sono 6,2 milioni di dollari destinati a placare le ire di 18 vittime, fra attrici ed ex dipendenti, con un tetto massimo risarcitorio che non potrà superare il mezzo milione a testa. Altri 18,5 milioni sono invece destinati in parte a creare un fondo cassa per eventuali nuove accusatrici e ad una class-action portata avanti da altre donne, il cui risarcimento sarà stabilito da un incaricato del tribunale sulla base del tipo di violenza subita.

In realtà, i guai di Harvey non finiscono qui: il 6 gennaio prossimo dovrà ricomparire in aula per rispondere alle accuse di due donne che affermano di essere state violentate fra il 2006 ed il 2013, ma mentre la giustizia faceva il proprio corso, gli avvocati trattavano per monetizzare le accuse di decine e decine di donne, aspettando con calma che qualche caso cadesse in prescrizione.

In compenso, il giudice James Burke si è visto costretto ad aumentare la cauzione da uno a cinque milioni di dollari per violazione e uso improprio del braccialetto elettronico a cui è costretto mentre sconta la detenzione ai domiciliari.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Caso Epstein, Bill Clinton e il principe Andrea nei guai
Dalle deposizioni di Virginia Roberts, su cui è stato tolto il segreto, spuntano nomi eccellenti delle amicizie del miliardario, tutti resi ricattabili grazie al sesso
Anche Ghislaine organizzava orge con ragazzine
Anche Ghislaine organizzava orge con ragazzine
Una parte dei documenti desecretati da un giudice getta nuove inquietanti ombre sulla figura della Maxwell, finora considerata la “maitresse” di Epstein e in realtà altrettanto attiva negli abusi sessuali
In vendita due delle case di Epstein
In vendita due delle case di Epstein
La palazzina di New York e la residenza di Palm Springs sono in vendita, per un totale di 110 milioni di dollari. Il denaro finirà al fondo per risarcire le vittime del miliardario pedofilo
Desecretati i dossier segreti di Ghislaine Maxwell
Desecretati i dossier segreti di Ghislaine Maxwell
Un giudice di New York ha stabilito di togliere i sigilli ad un dossier “top secret” dell’ex socialite britannica. Il fascicolo potrebbe contenere documenti scottanti e rivelazioni esplosive
Virginia Roberts: «Il vero mostro è Ghislaine»
Virginia Roberts: «Il vero mostro è Ghislaine»
La donna che ha fatto saltare l’impero della pedofilia di Epstein racconta in un’intervista che la mente di tutto il traffico era l’ex socialite britannica
Niente cauzione per Ghislaine Maxwell
Niente cauzione per Ghislaine Maxwell
Definita “abile, furba e capace” nell’arte della fuga, l’ex complice di Epstein si vede negare gli arresti domiciliari su cui insistono i suoi legali
Andrea, condannato a priori
Andrea, condannato a priori
Tace sull’arresto di Ghislaine Maxwell, ma sa bene che tanto finirebbe sulla graticola comunque. I consiglieri di corte gli suggeriscono silenzio, per “non far arrabbiare” la donna che potrebbe far tremare il mondo
Ghislaine Maxwell, le amicizie pericolose
Ghislaine Maxwell, le amicizie pericolose
Secondo un conoscente, la complice di Epstein avrebbe “un’assicurazione sulla vita” con migliaia di foto e video in cui ricchi e potenti si lasciano andare fra ragazzine e droghe. “Se dovesse andare a fondo, se li poterà tutti con sé”
Virginia Roberts: Ghislaine deve marcire in galera
Virginia Roberts: Ghislaine deve marcire in galera
La principale accusatrice dello scandalo che coinvolge Epstein e la Maxwell stuzzica anche il principe Andrea: “Se fossi in lui mi preoccuperei”