Weinstein patteggia con le sue vittime

| Un accordo extra-giudiziale da 25 milioni di dollari, interamente coperti dalle assicurazioni della casa di produzione. A gennaio l'ex re mida di Hollywood dovrà ricomparire in aula per rispondere di altri due casi di violenza

+ Miei preferiti
Distratto da principi, politici e finanzieri, il mondo si era quasi scordato di Harvey Weinstein, l’ex produttore hollywoodiano titolare di un caso che ha scoperchiato vizi e svolazzi di Hollywood. L’ex boss della “Miramax” è ricomparso al tribunale di New York con un effetto scenico di prim’ordine: un deambulatore con cui si aiutava a camminare. I suoi avvocati hanno svelato il motivo: sono i postumi di un incidente stradale di cui è stato vittima lo scorso agosto, per cui dovrà subire un intervento alla schiena.

Ma la vera notizia del ritorno di Weinstein non è questa, quanto piuttosto il patteggiamento extra-giudiziale raggiunto con le presunte vittime che l’hanno denunciato per stupro e violenze assortite. Un affare da 25 milioni di dollari che, sorpresa, sembra avere proprio Harvey nel vincitore morale della faccenda: oltre a non essere costretto ad ammettere nulla in aula, Harvey non sborserà personalmente neanche un dollaro grazie alle coperture assicurative della “Weinstein Company”. Sono 6,2 milioni di dollari destinati a placare le ire di 18 vittime, fra attrici ed ex dipendenti, con un tetto massimo risarcitorio che non potrà superare il mezzo milione a testa. Altri 18,5 milioni sono invece destinati in parte a creare un fondo cassa per eventuali nuove accusatrici e ad una class-action portata avanti da altre donne, il cui risarcimento sarà stabilito da un incaricato del tribunale sulla base del tipo di violenza subita.

In realtà, i guai di Harvey non finiscono qui: il 6 gennaio prossimo dovrà ricomparire in aula per rispondere alle accuse di due donne che affermano di essere state violentate fra il 2006 ed il 2013, ma mentre la giustizia faceva il proprio corso, gli avvocati trattavano per monetizzare le accuse di decine e decine di donne, aspettando con calma che qualche caso cadesse in prescrizione.

In compenso, il giudice James Burke si è visto costretto ad aumentare la cauzione da uno a cinque milioni di dollari per violazione e uso improprio del braccialetto elettronico a cui è costretto mentre sconta la detenzione ai domiciliari.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Ghislaine Maxwell vittima di abusi in cella
Nell’ennesima richiesta di libertà condizionata, i legali della 59enne britannica denunciano violenze fisiche e mentali a cui sarebbe sottoposta la complice del pedofilo Jeffrey Epstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
17 milioni di dollari per le vittime di Weinstein
Un giudice ha approvato un piano di liquidazione delle tante società dell’ex re Mida di Hollywood che include diversi fondi di liquidazione risarcitori per le sue vittime
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Ghislaine Maxwell resta in carcere
Respinta dai giudici di new York la richiesta di libertà condizionata pagando una cauzione milionaria. Secondo la corte “l’imputata resta a rischio di fuga”
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Arrestato il talent-scout di modelle amico di Epstein
Jean-Luc Brunel era svanito nel nulla dopo il sucidio del miliardario pedofilo. È stato bloccato all’aeroporto mentre stava per imbarcarsi per il Senegal. Contro di lui numerose accuse di violenza, stupro, molestie e sfruttamento sessuale
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
Arrestato Peter Nygard, amico del principe Andrea
L’ennesimo miliardario pedofilo sta per essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere di stupri, violenze e induzione alla prostituzione. Anche lui, come Epstein, frequentava il Duca di York
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
Ghislaine Maxwell: 28,5 milioni di dollari di cauzione
La cifra costituirebbe l’intero patrimonio della donna e del marito, di cui si scopre l’esistenza solo in queste ore. L’offerta include la rinuncia ai diritti di estradizione e l’obbligo di residenza sotto la presenza di una guardia privata
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
Nell’inferno di Ghislaine Maxwell
I legali della complice di Jeffrey Epstein denunciano la reclusione inumana in una cella di 2 metri per 2: controllata a vista e svegliata ogni 15 minuti, le è stata tolta qualsiasi cosa con cui possa farsi del male, compreso il reggiseno
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Svelati i verbali della deposizione di Ghislaine Maxwell
Nelle 418 pagine, l’ex socialite ammette di aver avuto una relazione con Jeffrey Epstein, ma si rifiuta di discutere della loro vita sessuale, schiva le domande sulle orge, sulle minorenni e sul principe Andrea
Altre scomode verità sul caso Epstein
Altre scomode verità sul caso Epstein
È in uscita “The Spider”, libro che raccoglie testimonianze di chi ha conosciuto Epstein e nuove piccanti avventure del principe Andrea