Il mostro ha violentato un'altra bambina

| Scoperto un secondo video di violenza ai danni di una bambina nella memoria dei telefoni cellulari di Nordhal Lelandais. Ha ucciso Maelys, il caporale Noyer e violentato la cugina di 7 anni. L'ergastolo? Una certezza

+ Miei preferiti

Un secondo video che riprende un'aggressione sessuale è stato trovato nella memoria dei due telefoni cellulari di Nordahl Lelandais. Secondo una fonte vicina agli inquirenti, il video, recentemente recuperato dai gendarmi, è stato registrato da Nordahl Lelandais, che ha aggredito nel 2016 anche un’adolescente abusandola sessualmente. "Questo è un nuovo video, particolarmente efferato e assolutamente esplicito", dice una fonte, confermando lo scoop del "Nouvel Obs".

Gli investigatori sono riusciti a identificare la vittima della violenza, sarebbe la figlia di un amico di famiglia del trentenne di Domessin, già indagato per l'omicidio di Maëlys e quello di Arthur Noyer, aoltre all'aggressione sessuale di una cugina di 7 anni. Nordahl Lelandais sarà nuovamente ascoltato dai magistrati inquirenti il 7 dicembre prossimo. Il primo video, sempre sul telefonino, mostra un’aggressione sessuale avvenuta all’interno della casa di famiglia di Domessin. In quei giorni i familiari della madre erano loro ospiti, con la figlia di 7 anni. Lelandais l’aveva costretta a subire le sue attenzioni morbose e l’aveva ripresa con il suo telefonino. Successivamente aveva cancellato entrambi i video ma gli agenti della Scientifica della Gendarmerie sono riusciti a recuperarli. L’esame delle memorie dei suoi cellulari non è ancora concluso.

L’ex militare ha confermato l’aggressione ai gendarmi di Grenoble. La corsa verso l’ergastolo è ormai prossima alla fine e vicina alla certezza. I due omicidi, di Maelys del caporale Noyer, già sarebbero ampiamente bastati per la condanna alla massima pena, ma le due gravissime aggressioni sessuali documentate dai video da lui stesso girati, blindano ormai per sempre in cella quest’uomo malvagio, manipolatore e crudele. Vani i suoi tentativi di passare per matto, per strappare le attuenuanti. Una commissione di psichiatri che lo ha esaminato durante i mesi trascorsi un ospedale psichiatrico per detenuti non distante da Lione, ha escluso il vizio di mente. Lelandais è totalmente responsabile di quanto ha commesso. Aveva descritto delle “strane voci” che gli imponevano di sequestrare e uccidere la piccola Maelys: “C’è una persona che si sdoppia da me, io non volevo fare niente di male dalla bambina, ma lui mi ha obbligato…”. Maelys è morta per un tremendo pugno inferto in pieno volto, forse dopo la violenza. Ora lui è detenuto nel carcere di massima sicurezza di St. Quentin de Fallavier, in isolamento perché gli altri detenuti lo hanno minacciato di morte.

Il caso Maelys
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Spunta un'altra vittima allora 14enne di Nordhal Lelandais, l'ex militare in cella per l'omicidio di Maelys, 89 anni, di Arthur Noyer, 23, e per gli abusi su due bimbe di 4 e 6 anni. Dopo, le minacce: "Se parli, ti ammazzo"
Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni
Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni
La cellula Ariane della gendarmerie ha indagato per mesi su 900 casi di persone sparite, in 40 fascicoli possibili collegamenti con Nordhal Lelandais, in cella anche per l'omicidio di un caporale 23enne e due aggressioni pedofile
il mostro ammette: io sono un pedofilo
il mostro ammette: io sono un pedofilo
Agghiaccianti ammissioni di Lelandais, l'assassino di Maelys, dopo avere rivisto un suo video in cui abusa una cuginetta di 4 anni. "La sua sessualità sfrenata alla base degli omicidi", osservano i pm. Nuova perizia psichiatrica
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Nuove accuse per Nordhal Lelandais, l'ex militare reo confesso degli omicidi della piccola Maelys e del caporale Arthur Noyer. Due video, girati con il telefono, lo riprendono mentre abusa delle figlie di suoi familiari, di 7 e 4 anni
Familiari dei killer, la vita impossibile
Familiari dei killer, la vita impossibile
Madri, mogli e fratelli di assassini che hanno ucciso bambini o commesso atroci delitti pagano colpe che non hanno. Storia delle mogli di due pedofili, aggredite e insultate. E il fratello di Lelandais non trova più lavoro
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Antoine Zoia era sparito il 1 marzo 2016 da Clarensac, nel Gard. Il suo fascicolo era stato inserito dalla cellula Ariane della Gendarmerie nell'indagine su Nordahl Lelandais, accusato di due omicidi. La pista del suicidio
Il mostro confessa:
ho colpito Maelys più volte
Il mostro confessa:<br>ho colpito Maelys più volte
Nordahl Lelandais torna sul luogo del delitto con gli investigatori e mima la scena finale con un manichino. Aveva fracassato a pugni il volto della vittima. Dove nascose il cadavere e il rientro nella sala per crearsi un alibi
La ricostruzione della notte di Maëlys
La ricostruzione della notte di Maëlys
In gran segreto, gli inquirenti hanno previsto di rifare insieme a Nordahl Lelandais il percorso che l’ex militare avrebbe coperto la notte fra il 26 e il 27 agosto 2017. Strade chiuse e massimo riserbo
Addio ad Arthur
ucciso dal killer di Maelys
Addio ad Arthur<br>ucciso dal killer di Maelys
A Bourges una grande folla per i funerale del 23enne ucciso da Nordahl Lelandais nell'aprile 2017. C'erano anche i genitori di Maelys. Ma l'assassino non vuole dire come è morto
Un anno fa spenta la vita di Maelys
Un anno fa spenta la vita di Maelys
Il 27 agosto 2017 un ex militare di 34 anni uccise in modo atroce una bimba di 9 anni, Maelys de Arauyo, oggi la "marcia bianca" in suo ricordo organizzata dai familiari della piccola. Un incubo non ancora finito