Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni

| La cellula Ariane della gendarmerie ha indagato per mesi su 900 casi di persone sparite, in 40 fascicoli possibili collegamenti con Nordhal Lelandais, in cella anche per l'omicidio di un caporale 23enne e due aggressioni pedofile

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

Nordhal Lelandais, 35 anni, l’ex istruttore cinofilo dell’Esercito in carcere per gli omicidi di Maëlys De Aruyo, 9 anni e del caporale 23enne Arthur Noyer, è ora coinvolto in 40 casi irrisolti di persone scomparse in Francia. Lo ha rivelato il generale Jean-Philippe Lecouffe, vice direttore della polizia giudiziaria della gendarmeria nazionale. La cellula Ariane, creata all'inizio del 2018 per indagare sul passato del 36enne Nordahl Lelandais, ha completato l’analisi di 900 casi di persone scomparse negli ultimi 20 anni, rimasti finora senza risposta. "In questa fase, non vi sono motivi formali o giudiziari per implicare Nordahl Lelandais in nessuno di questi casi", ha dichiarato Lecouffe in una conferenza stampa presso la Direction générale de la gendarmerie nationale (DGGN) a Issy-les-Moulineaux (Hauts-de-Seine). L'unità non mira a indagare su questi casi, ma li ha segnalati ai magistrati e agli investigatori competenti, aprendo "nuove piste” investigative. E molte portano al killer di Maelys e di Arthur.

Lecouffe ha dettagliato la metodologia utilizzata per selezionare i file: l'unità ha prima ricostruito la vita di Nordahl Lelandais e poi identificato circa 900 casi irrisolti da file esistenti. In "poco meno di un terzo" dei casi, "Nordahl Lelandais poteva essere escluso, o perché al momento della scomparsa era molto lontano da lì (....) o perché le basi non erano necessariamente aggiornate", ha aggiunto Lecouffe.

I gendarmi hanno poi valutato i file secondo 4 criteri: il tempo e il luogo degli eventi, il profilo delle vittime e un ulteriore criterio di “sensibilità più soggettivo".

Circa 40 di questi casi saranno così riaperti. Ora inizia la fase 2, gli investigatori condurranno ricerche approfondite per determinare se l’ex militare può essere collegato ad una qualsiasi delle sparizioni. Nordahl Lelandais è stato nel frattempo accusato una quarta volta dopo che un video di violenza sessuale su una bimba è stato scoperto sul suo telefono. E’ stato interrogato venerdì. Nordahl Lelandais, incarcerato a Saint-Quentin-Fallavier, era già sotto inchiesta per gli omicidi di Maëlys e Arthur Noyer e l'aggressione sessuale di un altro bambino. 

 
Il caso Maelys
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Spunta un'altra vittima allora 14enne di Nordhal Lelandais, l'ex militare in cella per l'omicidio di Maelys, 89 anni, di Arthur Noyer, 23, e per gli abusi su due bimbe di 4 e 6 anni. Dopo, le minacce: "Se parli, ti ammazzo"
il mostro ammette: io sono un pedofilo
il mostro ammette: io sono un pedofilo
Agghiaccianti ammissioni di Lelandais, l'assassino di Maelys, dopo avere rivisto un suo video in cui abusa una cuginetta di 4 anni. "La sua sessualità sfrenata alla base degli omicidi", osservano i pm. Nuova perizia psichiatrica
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Nuove accuse per Nordhal Lelandais, l'ex militare reo confesso degli omicidi della piccola Maelys e del caporale Arthur Noyer. Due video, girati con il telefono, lo riprendono mentre abusa delle figlie di suoi familiari, di 7 e 4 anni
Familiari dei killer, la vita impossibile
Familiari dei killer, la vita impossibile
Madri, mogli e fratelli di assassini che hanno ucciso bambini o commesso atroci delitti pagano colpe che non hanno. Storia delle mogli di due pedofili, aggredite e insultate. E il fratello di Lelandais non trova più lavoro
Il mostro ha violentato un'altra bambina
Il mostro ha violentato un
Scoperto un secondo video di violenza ai danni di una bambina nella memoria dei telefoni cellulari di Nordhal Lelandais. Ha ucciso Maelys, il caporale Noyer e violentato la cugina di 7 anni. L'ergastolo? Una certezza
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Antoine Zoia era sparito il 1 marzo 2016 da Clarensac, nel Gard. Il suo fascicolo era stato inserito dalla cellula Ariane della Gendarmerie nell'indagine su Nordahl Lelandais, accusato di due omicidi. La pista del suicidio
Il mostro confessa:
ho colpito Maelys più volte
Il mostro confessa:<br>ho colpito Maelys più volte
Nordahl Lelandais torna sul luogo del delitto con gli investigatori e mima la scena finale con un manichino. Aveva fracassato a pugni il volto della vittima. Dove nascose il cadavere e il rientro nella sala per crearsi un alibi
La ricostruzione della notte di Maëlys
La ricostruzione della notte di Maëlys
In gran segreto, gli inquirenti hanno previsto di rifare insieme a Nordahl Lelandais il percorso che l’ex militare avrebbe coperto la notte fra il 26 e il 27 agosto 2017. Strade chiuse e massimo riserbo
Addio ad Arthur
ucciso dal killer di Maelys
Addio ad Arthur<br>ucciso dal killer di Maelys
A Bourges una grande folla per i funerale del 23enne ucciso da Nordahl Lelandais nell'aprile 2017. C'erano anche i genitori di Maelys. Ma l'assassino non vuole dire come è morto
Un anno fa spenta la vita di Maelys
Un anno fa spenta la vita di Maelys
Il 27 agosto 2017 un ex militare di 34 anni uccise in modo atroce una bimba di 9 anni, Maelys de Arauyo, oggi la "marcia bianca" in suo ricordo organizzata dai familiari della piccola. Un incubo non ancora finito