"La prego di confessare
come è morto Arthur"

| Dopo la confessione su Maelys, la famiglia del caporale ucciso in aprile lancia un drammatico appello a Nordhal Lelandais, arrestato a dicembre anche per questo caso: "La famiglia è nel dolore, solo lei più aiutarla"

+ Miei preferiti

La scomparsa di Arthur Noyer è il secondo caso per cui Nordahl Lelandais è stato arrestato. La confessione nel caso Maëlys ha suscitato speranze nella famiglia del giovane caporale. Il loro avvocato fa un appello perché parli:”A nome della famiglia Noyer, perché in grande dolore”, la preghiamo di dire tutta la verità”, ha detto Bernard Boulloud.

Arthur Noyer scomparve nella notte tra l' 11 e il 12 aprile, dopo una serata in discoteca a Chambéry (Savoie). Dal suo telefono, gli investigatori ricostruirono il suo percorso minuto per minuto si a quando fu spento. Si aggancia a quello Nordahl Lelandais per ni nove chilometri di un percorso in auto. E i due telefoni si tengono nello stesso istante. . Cinque mesi dopo, a 15 chilometri da Chambéry, il cranio del giovane Arthur Noyer fu scoperto su una strada forestale nel comune di Montemelian.

Di cosa e perchè è accusato Nordhal a proposito della scomparsa e del dell'omicidio di Arthur Noyer. Filtrano le prime indiscrezioni   sul lungo interrogatorio (10 ore) sostenuto dall'ex militare davanti ai magistrati di Chambery. Il caporale del 13° Battaglione Chasseurs Des Alpes aveva trascorso la sera nella discoteca Opera nel centro storico di Chambery. L'indagine ha rivelato che i telefoni del giovane soldato e di Nordahl Lelandais avevano "viaggiato" insieme lungo la strada per Saint Bandolph e poi Saint Jeoire Le Prieuré. Dove il cellulare di Arthur viene spento per sempre. Il cadavere del giovane verrò poi trovato, scheltrizzato, in un sentiereo nel comune di Montmerlian. Alle 2h56 dell'11 aprile, Noyer è visibile sulle immagini video della sorveglianza urbana di Chambéry Place de la République. Il suo telefono cellulare è poi attivo su Place Chevalier ed è in parallelo Saint Bandolph alle 3:05 del mattino in contemporanea con Nordhal Lelandais. Gli investigatori sospettano Nordahl Lelandais di avere aggredito il 23enne all'interno dell'Audi che appare anche nei video. Alle ore 3:11 del mattino, il telefono viene ancora rilevato ad Apremont prima di scomparire alle 4:00 dello stesso giorno.

Dopo la scomparsa di Maëlys de Araujo, la Gendarmerie indaga a fondo sulla vita e le abitudini di Lelandais. Il 18 dicembre, l' analisi mostra una concordanza con il DNA di Arthur Noyer e il cranio trovato da un escursionista a Montmelian. Il 20 dicembre è accusato di omicidio per la scomparsa del giovane soldato. Il pubblico ministero diChambéry, Thierry Dran, spiega in una conferenza stampa gli "indizi seri e concordanti" forniti dalle tracce elettroniche del telefono cellulare dell' indagato e dalla continua presenza del suo veicolo sull' ultimo presunto percorso di Arthur Noyer nella notte della sua scomparsa.  L'analisi della memoria del computer dell' indagato, sequestrato alla fine di agosto nella la casa dei suoi genitori a Domessin (Savoie), dopo la scomparsa di Maelys, rivelano una ricerca via Internet su "come far sparire un corpo", comprese le parole chiave citate dal procuratore "decomposizione di un corpo umano" il 25 aprile 2017, quando Arthur Noyer era sparito nella già da 13 giorni.
Fonti del Tribunale confermano che, nelle dieci ore di interrgoario, Lelandais ha risposto alle domane, lasciando intendere di avere dei testimoni per quanto riguarda quella notte, in merito ai suoi movimenti. Della sua bisesessualità sono convinti gli inquirenti. Sempre dal suo pc sono emersi i profili, con diversi alias, da lui utilizzati per cercare incontri su siti gay e le sue freqwuentazioni di alcune zone non distanti da Chambery in cui sono soliti incontrarsi giovani omosessuali in cerca di aventure di una notte. Un testimone ha detto di averlo notato più volte, in una piazzola di sosta dell'ausotrada A14, intento ad abbordare gli uoni che ogni o notte si ritrovano in quella nota località di gay-dating.
 

Il caso Maelys
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Spunta un'altra vittima allora 14enne di Nordhal Lelandais, l'ex militare in cella per l'omicidio di Maelys, 89 anni, di Arthur Noyer, 23, e per gli abusi su due bimbe di 4 e 6 anni. Dopo, le minacce: "Se parli, ti ammazzo"
Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni
Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni
La cellula Ariane della gendarmerie ha indagato per mesi su 900 casi di persone sparite, in 40 fascicoli possibili collegamenti con Nordhal Lelandais, in cella anche per l'omicidio di un caporale 23enne e due aggressioni pedofile
il mostro ammette: io sono un pedofilo
il mostro ammette: io sono un pedofilo
Agghiaccianti ammissioni di Lelandais, l'assassino di Maelys, dopo avere rivisto un suo video in cui abusa una cuginetta di 4 anni. "La sua sessualità sfrenata alla base degli omicidi", osservano i pm. Nuova perizia psichiatrica
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Nuove accuse per Nordhal Lelandais, l'ex militare reo confesso degli omicidi della piccola Maelys e del caporale Arthur Noyer. Due video, girati con il telefono, lo riprendono mentre abusa delle figlie di suoi familiari, di 7 e 4 anni
Familiari dei killer, la vita impossibile
Familiari dei killer, la vita impossibile
Madri, mogli e fratelli di assassini che hanno ucciso bambini o commesso atroci delitti pagano colpe che non hanno. Storia delle mogli di due pedofili, aggredite e insultate. E il fratello di Lelandais non trova più lavoro
Il mostro ha violentato un'altra bambina
Il mostro ha violentato un
Scoperto un secondo video di violenza ai danni di una bambina nella memoria dei telefoni cellulari di Nordhal Lelandais. Ha ucciso Maelys, il caporale Noyer e violentato la cugina di 7 anni. L'ergastolo? Una certezza
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Antoine Zoia era sparito il 1 marzo 2016 da Clarensac, nel Gard. Il suo fascicolo era stato inserito dalla cellula Ariane della Gendarmerie nell'indagine su Nordahl Lelandais, accusato di due omicidi. La pista del suicidio
Il mostro confessa:
ho colpito Maelys più volte
Il mostro confessa:<br>ho colpito Maelys più volte
Nordahl Lelandais torna sul luogo del delitto con gli investigatori e mima la scena finale con un manichino. Aveva fracassato a pugni il volto della vittima. Dove nascose il cadavere e il rientro nella sala per crearsi un alibi
La ricostruzione della notte di Maëlys
La ricostruzione della notte di Maëlys
In gran segreto, gli inquirenti hanno previsto di rifare insieme a Nordahl Lelandais il percorso che l’ex militare avrebbe coperto la notte fra il 26 e il 27 agosto 2017. Strade chiuse e massimo riserbo
Addio ad Arthur
ucciso dal killer di Maelys
Addio ad Arthur<br>ucciso dal killer di Maelys
A Bourges una grande folla per i funerale del 23enne ucciso da Nordahl Lelandais nell'aprile 2017. C'erano anche i genitori di Maelys. Ma l'assassino non vuole dire come è morto