MAELYS PICCHIATA PRIMA DI MORIRE

| Dall'autopsia la conferma che l'assassino mente. Aveva detto di avere ucciso la bambina "accidentalmente" con un solo pugno, invece ci sono altre fratture avvenute prima della morte

+ Miei preferiti

Manca un mese esatto al 1 anniversario della morte di Aelys De Arauyo, 9 anni, uccisa la notte del 27 agosto a Pont de Beauvoisin, dopo una festa di matrimonio, dall’ex militare Nordahl Lelandais, 34 anni, reo-confesso il 14 febbraio scorso, quando finalmente rivelò alla gendarmerie dove aveva nascosto il corpo della piccola. E nuovi elementi accusatori filtrano dall’analisi dei reperti dell’autopsia dei resti scheletrizzati della bambina. Intanto non è stato possibile accertare se ci fu o no una violenza sessuale ma un fatto contraddice l’assassino. Lui sostiene infatti di avere ucciso Maelys “accidentalmente”, con un solo pugno in faccia “per farla smettere di piangere”. Ma i periti hanno accertato altre lesioni ante-mortem, non solo le fratture alla mandibola colpita con grande violenza. Quelle lesioni possono confermare quanto già si immaginava: la piccola aggredita, s’è difesa, ha lottato sino all’ultimo per fermare il mostro, pieno d’alcol e di droga, in quella notte d’estate ormai così lontana. Nelle ore successive al primo fermo, Lelandais mostrava sulle braccia sulle gambe graffi profondi che aveva spiegato con “lavori nell’orto”, smentiti però dalla stessa madre. Adesso, dopo quattro mesi trascorsi in una clinica psichiatrica per detenuti di Lione, per il timore che potesse suicidarsi, è rientrato in una cella del carcere di massima sicurezza di Saint Quentin de Fallavier, sempre però in isolamento. Continuano intanto le indagini per scoprire eventuali collegamenti tra Lelandais e altre persone scomparse nelle regioni vicine alla Savoie negli ultimi 10 anni. E’ stata costituita una cellula della Gendarmerie che si occupa solo di questi casi, denominata Ariane.

Il caso Maelys
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Spunta un'altra vittima allora 14enne di Nordhal Lelandais, l'ex militare in cella per l'omicidio di Maelys, 89 anni, di Arthur Noyer, 23, e per gli abusi su due bimbe di 4 e 6 anni. Dopo, le minacce: "Se parli, ti ammazzo"
Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni
Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni
La cellula Ariane della gendarmerie ha indagato per mesi su 900 casi di persone sparite, in 40 fascicoli possibili collegamenti con Nordhal Lelandais, in cella anche per l'omicidio di un caporale 23enne e due aggressioni pedofile
il mostro ammette: io sono un pedofilo
il mostro ammette: io sono un pedofilo
Agghiaccianti ammissioni di Lelandais, l'assassino di Maelys, dopo avere rivisto un suo video in cui abusa una cuginetta di 4 anni. "La sua sessualità sfrenata alla base degli omicidi", osservano i pm. Nuova perizia psichiatrica
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Nuove accuse per Nordhal Lelandais, l'ex militare reo confesso degli omicidi della piccola Maelys e del caporale Arthur Noyer. Due video, girati con il telefono, lo riprendono mentre abusa delle figlie di suoi familiari, di 7 e 4 anni
Familiari dei killer, la vita impossibile
Familiari dei killer, la vita impossibile
Madri, mogli e fratelli di assassini che hanno ucciso bambini o commesso atroci delitti pagano colpe che non hanno. Storia delle mogli di due pedofili, aggredite e insultate. E il fratello di Lelandais non trova più lavoro
Il mostro ha violentato un'altra bambina
Il mostro ha violentato un
Scoperto un secondo video di violenza ai danni di una bambina nella memoria dei telefoni cellulari di Nordhal Lelandais. Ha ucciso Maelys, il caporale Noyer e violentato la cugina di 7 anni. L'ergastolo? Una certezza
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Antoine Zoia era sparito il 1 marzo 2016 da Clarensac, nel Gard. Il suo fascicolo era stato inserito dalla cellula Ariane della Gendarmerie nell'indagine su Nordahl Lelandais, accusato di due omicidi. La pista del suicidio
Il mostro confessa:
ho colpito Maelys più volte
Il mostro confessa:<br>ho colpito Maelys più volte
Nordahl Lelandais torna sul luogo del delitto con gli investigatori e mima la scena finale con un manichino. Aveva fracassato a pugni il volto della vittima. Dove nascose il cadavere e il rientro nella sala per crearsi un alibi
La ricostruzione della notte di Maëlys
La ricostruzione della notte di Maëlys
In gran segreto, gli inquirenti hanno previsto di rifare insieme a Nordahl Lelandais il percorso che l’ex militare avrebbe coperto la notte fra il 26 e il 27 agosto 2017. Strade chiuse e massimo riserbo
Addio ad Arthur
ucciso dal killer di Maelys
Addio ad Arthur<br>ucciso dal killer di Maelys
A Bourges una grande folla per i funerale del 23enne ucciso da Nordahl Lelandais nell'aprile 2017. C'erano anche i genitori di Maelys. Ma l'assassino non vuole dire come è morto