"Nono" implicato in un'altra misteriosa sparizione

| Il nome di un familiare di Eric Foray, 48 anni, un omosessuale sparito 18 mesi fa nella Drome era in un'agenda di Nordhal Lelandais. Subito aperto un nuovo fascicolo. Riaperte le indagini su altri 6 scomparsi

+ Miei preferiti

C’è un inquietante collegamento tra Nordahl Lelandais e una persona scomparsa nel Nord della Drôme un anno e mezzo fa, Éric Foray, 48, un omosessuale che conviveva con un coetaneo, Regis Pique, da anni. Gli investigatori avrebbero scoperto il nome di un membro della famiglia di Foray nella rubrica telefonica di Nordahl Lelandais. Da allora gli investigatori dell’unità Ariane, costituita per accertare eventuali legami tra l’ex militare reo confesso degli omicidi Maelys De Arauyo, 9 anni, e del caporale Arthur Noyer di 23 sta incrociando tutti i dati a disposzione per per scoprire se i due uomini avrebbero potuto incontrarsi al momento della sua scomparsa. Eric Foray è stato oggetto di affannose ricercato dal suo compagno per 18 mesi, invano, convinto che non aveva nessuna ragione né di allontanarsi, né di suicidarsi poiché avevano “una vita felice assieme”. Gli investigatori hanno nel frattempo escluso che si sia allontanato volontariamente.

Le ultime confessioni sul caso Maëlys, Nordahl Lelandais, il 19 marzo scorso, riguardano le modalità con cui ha ucciso "accidentalmente" Maëlys de Araujo, alla fine di agosto 2017. Secondo il suo racconto, Maëlys era salita a bordo del suo veicolo quella sera per andare a vedere i suoi cani Malinois nella sua casa, poco distante. Durante il viaggio la bambina sarebbe stata colta dal panico e sei era messa a piangere e a urlare, implorandolo di tornare indietro. Per farla tacere le aveva dato un manrovescio talmente violento da ucciderla all’istante. Arthur Noyer, sparito la notte di un anno a Chambery. sarebbe stato ucciso da Nordahl Lelandais in seguito a una rissa finita con una scarica di pugni: Nayer sarebbe infine caduto battendo la testa con violenza a terra, rimanendo ucciso sul colpo. Anche in questo caso l’ex militare ha specificato che “non era sua intenzione uccidere”. Nel frattempo è stato scagionato in merito ad altri casi di scomparsi, la bambina Estelle Mouzin (lui era in missione all’estero) e di Lucas Tronche, 15 anni, sparito da unaregione limitrofa alla Savoia nel 2015. Ma in quel periodo Lelandasi non aveva lasciato la sua abitazione. Restano ancora aperti sei fascicoli di scomparsi negli ultimi 10 anni in Francia, tra la Savoie e l’Isere.

Il caso Maelys
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Spunta un'altra vittima allora 14enne di Nordhal Lelandais, l'ex militare in cella per l'omicidio di Maelys, 89 anni, di Arthur Noyer, 23, e per gli abusi su due bimbe di 4 e 6 anni. Dopo, le minacce: "Se parli, ti ammazzo"
Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni
Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni
La cellula Ariane della gendarmerie ha indagato per mesi su 900 casi di persone sparite, in 40 fascicoli possibili collegamenti con Nordhal Lelandais, in cella anche per l'omicidio di un caporale 23enne e due aggressioni pedofile
il mostro ammette: io sono un pedofilo
il mostro ammette: io sono un pedofilo
Agghiaccianti ammissioni di Lelandais, l'assassino di Maelys, dopo avere rivisto un suo video in cui abusa una cuginetta di 4 anni. "La sua sessualità sfrenata alla base degli omicidi", osservano i pm. Nuova perizia psichiatrica
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Nuove accuse per Nordhal Lelandais, l'ex militare reo confesso degli omicidi della piccola Maelys e del caporale Arthur Noyer. Due video, girati con il telefono, lo riprendono mentre abusa delle figlie di suoi familiari, di 7 e 4 anni
Familiari dei killer, la vita impossibile
Familiari dei killer, la vita impossibile
Madri, mogli e fratelli di assassini che hanno ucciso bambini o commesso atroci delitti pagano colpe che non hanno. Storia delle mogli di due pedofili, aggredite e insultate. E il fratello di Lelandais non trova più lavoro
Il mostro ha violentato un'altra bambina
Il mostro ha violentato un
Scoperto un secondo video di violenza ai danni di una bambina nella memoria dei telefoni cellulari di Nordhal Lelandais. Ha ucciso Maelys, il caporale Noyer e violentato la cugina di 7 anni. L'ergastolo? Una certezza
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Antoine Zoia era sparito il 1 marzo 2016 da Clarensac, nel Gard. Il suo fascicolo era stato inserito dalla cellula Ariane della Gendarmerie nell'indagine su Nordahl Lelandais, accusato di due omicidi. La pista del suicidio
Il mostro confessa:
ho colpito Maelys più volte
Il mostro confessa:<br>ho colpito Maelys più volte
Nordahl Lelandais torna sul luogo del delitto con gli investigatori e mima la scena finale con un manichino. Aveva fracassato a pugni il volto della vittima. Dove nascose il cadavere e il rientro nella sala per crearsi un alibi
La ricostruzione della notte di Maëlys
La ricostruzione della notte di Maëlys
In gran segreto, gli inquirenti hanno previsto di rifare insieme a Nordahl Lelandais il percorso che l’ex militare avrebbe coperto la notte fra il 26 e il 27 agosto 2017. Strade chiuse e massimo riserbo
Addio ad Arthur
ucciso dal killer di Maelys
Addio ad Arthur<br>ucciso dal killer di Maelys
A Bourges una grande folla per i funerale del 23enne ucciso da Nordahl Lelandais nell'aprile 2017. C'erano anche i genitori di Maelys. Ma l'assassino non vuole dire come è morto