Scomparsi e uccisi un solo serial killer

| Vertice a Lione tra le famiglie di uomini e donne spariti per chiedere nuove indagini su Nordhal Lelandais, già reo confesso dei primi due omicidi. Riaperte le prime inchieste dall'unità Ariane della Gendarmerie

+ Miei preferiti

Undici famiglie francesi di persone scomparse si sono riunite a Lione per trovare una strategia comune nelle indagini, tutte in qualche modo collegate all’inquietante figura di Nordahl Lelandais, assassino reo confesso di Maelys De Arauyo, 9 anni, e di Arthur Noyer, 23. Il primo incontro era avvenuto il 1° febbraio, sempre a Lione, sotto l'egida dell'associazione ARPD (Assistance et recherche de personnes disparues). Come quasi tre mesi fa, in molti concentrano i loro sospetti su Nordahl Lelandais, sopratutto dopo le sue ultime confessioni. Lui, come è noto, afferma sempre che si è trattato di “morti involontarie” nel senso che ha ucciso ma non per sua volontà. Maelys l’ha colpito con un violento schiaffo, Noyer è caduto in seguito a una lite. In questi due casi, i risultati delle perizie - autopsie, analisi degli indumenti rinvenuti nel caso di Maëlys, esame dell'Audi A3 - sono ancora in attesa. Le famiglie si augurano di poter finalmente conoscere le condizioni precise delle tragedie.

Undici altre famiglie sono ancora in dubbio. "Non danno la colpa in modo automatico a Lelandais, questo deve essere molto chiaro. Vogliono semplicemente che vengano svolte indagini per verificare l’ipotesi investigativa e per essere rassicurati sul fatto che sia stata fatta ogni possibile azione per ritrovare i loro cari scomparsi", ha spiegato il presidente di ARPD Bernard Valézy. Perché in alcuni casi le inchieste sono state chiuse scagionando del tutto Lelandais, come nel caso della piccola Estelle Mouzin, sparita quando il killer era in missione all’estero con l’Esercito.

RIAPERTI 11 FASCICOLI

Dall'inizio dell'anno, tuttavia, sono stati riaperti diversi fascicoli. Dallo scorso gennaio, una cellula specifica della gendarmeria, Ariane, ricostruisce ogni passaggio della vita di Nordahl Lelandais, all'esame delle prove materiali ora contenute nei fascicoli di Maëlys e Noyer. Secondo L'Obs, l'Audi A3 dell'ex soldato è ancora in fase di analisi per cercare di conoscere meglio le circostanze della tragedia che è costata la vita alla bambina e al giovane caporale. La cellula Ariane sta inoltre studiando il cellulare dell'ex soldato per stabilire se sia possibile stabilire collegamenti tra le persone scomparse e la presenza di Nordahl Lelandais in un luogo e in un tempo particolari.

Ecco cosa sappiamo delle 11 persone scomparse le cui famiglie si incontrano a Lione venerdì.

1 - Eric Foray, scomparso il 16 settembre 2016 in Drôme

Eric Foray, 47 anni, è scomparso il 16 settembre 2016 poco dopo mezzogiorno, quando era appena stato a fare shopping a Chatuzange-le-Goubet, nella Drôme. Il fascicolo era stato chiuso, ma in marzo la Procura valenciana ha avviato un'indagine giudiziaria. Il suo compagno, Régis Pique, incontrerà il giudice istruttore responsabile del caso lunedì 30 aprile.

Secondo quanto riportato da diversi media, il nome del cugino di Eric Foray è stato scoperto dagli investigatori nella rubrica di Nordahl Lelandais. Ma né la sua famiglia né il suo compagno sembrano conoscere questa persona."Ci eravamo appena trasferiti alla Drôme e avevamo in programma di aprire un ristorante a Romans-sur-Isère. Lo stesso pomeriggio Eric è scomparso, avremmo dovuto ottenere un assegno di 7.200 euro. Non poteva essere scomparso così. Ha anche preso i biglietti del treno per vedere i suoi figli a Nancy nei giorni successivi", ha detto di recente il suo compagno al parigino.

2 - Anne-Charlotte Poncin, scomparsa il 5 gennaio 2016 ad Ain

Anne-Charlotte Poncin è scomparsa ad Ambérieux, nell'Ain, quando aveva appena lasciato la sua casa per andare in centro. E’ stata un’amica a dare l'allarme. "I gendarmi Ambérieux hanno chiesto alla cellula di Ariane di effettuare dei controlli", ha dichiarato Le Figaro una fonte vicina al dossier.

3 -  Alian Fiorentino, scomparso il 18 gennaio 2014 in Savoia

Il 18 gennaio 2014 solo la moto e il casco di quest'uomo di 37 anni sono stati trovati dai gendarmi di Bourg-Saint-Maurice, all'ingresso della galleria Siaix. Da allora, non ha dato alcun segno di vita.

4 - Stéphane Chemin, scomparso il 24 settembre 2012 in Isère

La Procura della Repubblica di Grenoble ha riaperto all'inizio di febbraio le indagini sulla scomparsa di Stéphane Chemin, 33 anni, nella Bourg d'Oisans. E' scomparso dopo essere fuggito dall'ambulanza che lo trasportava in ospedale.

5 - Lucie Roux, 16 settembre 2012 mancante

Lucie Roux, 43 anni, è scomparsa il 16 settembre 2012. Secondo Bernard Valézy, quel giorno, "ha preso un taxi, è andato in un negozio di fai da te per comprare una tavola di legno e chiodi. "Poi ha preso un taxi ed è stata lasciata sulle alture di Chambéry", senza più lasciare traccia.

6 - Malik Boutvillain, scomparso il 6 maggio 2012 in Isère

L'uomo, 32 anni, è scomparso a Echirolles quando era fuori a fare footing, senza il suo telefono, documenti d'identità o chiavi dell'auto. L'indagine era stata chiusa, ma il procuratore di Grenoble l'ha riaperta all'inizio di febbraio. Soffre di schizofrenia. 

7 - Jean-Christophe Morin, scomparso il 9 settembre 2011 in Savoia. A 23 anni, è scomparso durante un festival di musica elettronica organizzato al Fort de Tamié, vicino ad Albertville, in Savoia. I gendarmi hanno trovato solo il suo zaino. L'avvocato di Jean-Christophe Morin afferma che la sua famiglia ha ancora due telefoni che gli appartenevano e che non sono ancora stati esaminati. Va notato che un'altra persona, Ahmed Hamadou, 45 anni, è scomparsa nelle stesse condizioni nello stesso luogo durante la notte tra il 7 e l'8 settembre 2012. "Questo luogo è noto per il suo uso di stupefacenti. C'è una buona possibilità che Lelandais ci sia stato" nella veste di pusher, hanno commentato Didier Seban e Corine Hermann, gli avvocati di Jean-Christophe Morin e Ahmed Hamadou a L'Obs - la famiglia di quest'ultimo non sarà presente a Lione venerdì. "Hamadou era del Pont-de-Beauvoisin, conosceva Nordahl", aggiunge il suo avvocato. Nordahl Lelandais è cresciuto in parte in questo comune dell'Isère.

8 - Nelly Balmain, scomparsa l'8 agosto 2011 in Drôme

L'11 gennaio il procuratore di Valencia ha riaperto le indagini sulla scomparsa di Nelly Balmain, 29 anni, che è stata chiusa nel 2015. La giovane donna aveva lasciato la casa dei suoi genitori a Saint-Jean-en-Royans per non riapparire mai più, il suo scooter non è mai stato trovato.

9 - Adrien Fiorello, scomparso il 6 ottobre 2010 in Savoia. Quel giorno Adrien Fiorello, 22 anni, sarebbe stato visto a Saint-Etienne. Ma il 6 ottobre 2010, il giorno della sua scomparsa, il suo telefono limitato a Chambéry, dove viveva Nordahl Lelandais in quel momento. Il tribunale ha ordinato ulteriori indagini.

10 - Nicolas Suppo, scomparso il 15 settembre 2010 in Isère

Operaio specializzato, 30 anni, è scomparso a Echirolles, nell'Isère, mentre era in viaggio per il pranzo. Non aveva né i suoi documenti d'identità né il suo cartellino blu, France Bleu. Il caso è stato chiuso senza ulteriori interventi nel 2014 ed è stato poi riaperto all'inizio dell'anno dalla procura di Grenoble.

11 - Rachid Rameche, scomparso il 10 giugno 2009 in Savoia. Il 34enne è scomparso a Bassens, in Savoia, durante il suo soggiorno nel centro ospedaliero della città. Prima di scomparire, ha ritirato l'importo della sua prestazione d'invalidità per adulti. È lo stesso centro che Lucie Roux e Nordahl Lelandais avevano frequentato tra il 2012 e il 2013.

INVESTIGATORI CAUTI

In tutti questi casi, la giustizia è ovviamente molto prudente. "Non ci sono "prove" per stabilire la responsabilità di Nordahl Lelandais in questi casi "ma non ci sono neanche prove che lo escludano", ha commentato lo scorso febbraio il procuratore di Grenoble su quattro di essi. In alcuni casi di scomparsa, tuttavia, è stato escluso il nome dell'ex soldato: Estelle Mouzin, scomparsa il 9 gennaio 2003 a Guermantes; Lucas Tronche, scomparsa il 18 marzo 2015 a Bagnols-sur-Cèze, Adrien Mouralmié, scomparsa il 5 luglio 2017 nei pressi del lago di Annecy. In quest'ultimo caso, è stato ritrovato il corpo del ventiquattrenne belga e il "criminale sembra escludere", riferisce L'Obs.

 
Il caso Maelys
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Abusata sessualmente nel giorno del funerale del padre
Spunta un'altra vittima allora 14enne di Nordhal Lelandais, l'ex militare in cella per l'omicidio di Maelys, 89 anni, di Arthur Noyer, 23, e per gli abusi su due bimbe di 4 e 6 anni. Dopo, le minacce: "Se parli, ti ammazzo"
Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni
Killer Maelys coinvolto in 40 sparizioni
La cellula Ariane della gendarmerie ha indagato per mesi su 900 casi di persone sparite, in 40 fascicoli possibili collegamenti con Nordhal Lelandais, in cella anche per l'omicidio di un caporale 23enne e due aggressioni pedofile
il mostro ammette: io sono un pedofilo
il mostro ammette: io sono un pedofilo
Agghiaccianti ammissioni di Lelandais, l'assassino di Maelys, dopo avere rivisto un suo video in cui abusa una cuginetta di 4 anni. "La sua sessualità sfrenata alla base degli omicidi", osservano i pm. Nuova perizia psichiatrica
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Nuove accuse per Nordhal Lelandais, l'ex militare reo confesso degli omicidi della piccola Maelys e del caporale Arthur Noyer. Due video, girati con il telefono, lo riprendono mentre abusa delle figlie di suoi familiari, di 7 e 4 anni
Familiari dei killer, la vita impossibile
Familiari dei killer, la vita impossibile
Madri, mogli e fratelli di assassini che hanno ucciso bambini o commesso atroci delitti pagano colpe che non hanno. Storia delle mogli di due pedofili, aggredite e insultate. E il fratello di Lelandais non trova più lavoro
Il mostro ha violentato un'altra bambina
Il mostro ha violentato un
Scoperto un secondo video di violenza ai danni di una bambina nella memoria dei telefoni cellulari di Nordhal Lelandais. Ha ucciso Maelys, il caporale Noyer e violentato la cugina di 7 anni. L'ergastolo? Una certezza
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Antoine Zoia era sparito il 1 marzo 2016 da Clarensac, nel Gard. Il suo fascicolo era stato inserito dalla cellula Ariane della Gendarmerie nell'indagine su Nordahl Lelandais, accusato di due omicidi. La pista del suicidio
Il mostro confessa:
ho colpito Maelys più volte
Il mostro confessa:<br>ho colpito Maelys più volte
Nordahl Lelandais torna sul luogo del delitto con gli investigatori e mima la scena finale con un manichino. Aveva fracassato a pugni il volto della vittima. Dove nascose il cadavere e il rientro nella sala per crearsi un alibi
La ricostruzione della notte di Maëlys
La ricostruzione della notte di Maëlys
In gran segreto, gli inquirenti hanno previsto di rifare insieme a Nordahl Lelandais il percorso che l’ex militare avrebbe coperto la notte fra il 26 e il 27 agosto 2017. Strade chiuse e massimo riserbo
Addio ad Arthur
ucciso dal killer di Maelys
Addio ad Arthur<br>ucciso dal killer di Maelys
A Bourges una grande folla per i funerale del 23enne ucciso da Nordahl Lelandais nell'aprile 2017. C'erano anche i genitori di Maelys. Ma l'assassino non vuole dire come è morto