Industria

  • Manca l’ufficializzazione, ma il via libera dai cda dei due gruppi è arrivato ieri. Nasce il quarto gruppo mondiale automobilistico, con un patrimonio di 8,7 milioni di auto e 200 miliardi di euro di fatturato. Elkann presidente, Tavares ad
  • Archiviato il capitolo Renault, il Lingotto pare stia trattando un nuovo tentativo di fusione con altri francesi, quelli di Peugeot-Citroèn. L’incognita della presenza del governo
  • Emanuele Palma, senior manager del gruppo negli Stati Uniti, è stato arrestato dall’FBI per violazione delle leggi sulle emissioni: avrebbero tarato in modo subdolo il software di controllo
  • Nuova pesante contrazione delle vendite per il mese di giugno, ma soprattutto un vistoso calo del gruppo italo-americano, che ha toccato i minimi storici
Mercati, tecnologie, segmenti da colmare, strategie: c’è un lungo lavoro di pianificazione, dietro la proposta lanciata dal Lingotto. In ballo c’è il primo posto nella classifica dei costruttori
Con un comunicato stampa del Lingotto, arriva la conferma della proposta di fusione con il gruppo nippo-francese: il CDA di Renault riunito d’urgenza per valutare la proposta. Si attende a ore la risposta
Così sono state definite da un’indiscrezione del Financial Times: da uno scambio di know-how tecnologico sarebbe sul tavolo un’alleanza in grado di creare il primo gruppo automobilistico al mondo
Nuovo arresto per l’ex top manager di Nissan: questa volta deve spiegare 32 milioni di euro della casa automobilistica che sarebbero stati usati per acquistare uno yacht
Allo studio del presidente la fusione con altri gruppi automobilistici, la collaborazione tecnologica e anche più probabili alleanze con i colossi dell’hi-tech
Un piano ambizioso con 13 novità, ma a partire dal 2020, fa notare qualcuno. L’obiettivo, spiegano i vertici, è la piena occupazione degli stabilimenti
Il colosso automobilistico americano ha annunciato la chiusura di sette stabilimenti, con 15mila licenziamenti. Ufficialmente per adeguarsi alle sfide dei mercati, ma sarebbero anche le conseguenze delle politiche del governo
Il gruppo Volkswagen ha illustrato i piani dell’offensiva che ha l’obiettivo dichiarato di conquistare il mercato dell’auto elettrica. Investimenti record, date, modelli, piani e pieno appoggio del governo. Dall’Italia il silenzio di FCA
Industriale sabaudo, nobile e discreto, è stato colpito da un malore improvviso mentre si trovava a caccia in Valle d’Aosta. Nel 1973 era stato protagonista di un clamoroso sequestro di persona
LA GUERRA SANTA AL DIESEL
LA GUERRA SANTA AL DIESEL
Entro il 2021, l'Europa pretende un drastico abbassamento delle emissioni di CO2, con ulteriore restringimento nel 2030. È la condanna dei motori a gasolio, che in Italia sono ancora tanti, forse perfino troppi
Prima la Teslaquila, poi Jeeg Robot
Prima la Teslaquila, poi Jeeg Robot
Gli ultimi due tweet di Elon Musk promettono nuove follie: una tequila, di cui ha già registrato il marchio, e l’idea di realizzare i “mecha” che guardava in televisione quando era un ragazzino
Lo spinello (e i nuovi guai) di Elon Musk
Lo spinello (e i nuovi guai) di Elon Musk
Travolto dalle dimissioni dei suoi più stretti collaboratori, il Ceo di Tesla ha accettato uno spinello nel corso di un’intervista. E Wall Street lo punisce
Grillo fake-news, progetto Tav del 2011
Grillo fake-news, progetto Tav del 2011
Lo stato maggiore grillino che vuole cancellare la Tav Torino-Lione sostiene che il progetto è vecchio di 30 anni. Replica di Telt: "Falso, totalmente riscritto 7 anni fa". E intanto via agli appalti per 5 miliardi e mezzo
BlackFly, l'auto-volante del futuro prossimo

Video


Ultimi dettagli dopo il prototipo, la startup Opener è pronta a lanciare sul mercato BlacFly. Motori elettrici, leggerissima, percorre decine di miglia ad emissioni zero. Decolla in verticale, costa come un Suv. Video imperdibile
"Fece rivivere due aziende in forte crisi"
"Fece rivivere due aziende in forte crisi"
Il sobrio addio del New York Times al manager italo-canadese. Dai primi passi alla coraggiosa acquisizione, a costo zero, di Chrysler. Ha lasciato un impero industriale che vale dieci volte in più rispetto agli inizi
12