Carlo Ghosn di nuovo in manette

| Nuovo arresto per l’ex top manager di Nissan: questa volta deve spiegare 32 milioni di euro della casa automobilistica che sarebbero stati usati per acquistare uno yacht

+ Miei preferiti
Carlos Ghosn, ex presidente di “Nissan” rilasciato su cauzione dopo 100 giorni di galera, è tornato in manette. L’arresto, a quanto si apprende, sarebbe da collegare a nuova accuse sul suo conto, che si aggiungono a quelle per frode finanziaria e fiscale sfociate nell’arresto del novembre dello scorso anno. Le nuove accuse riguardano il trasferimento sospetto di 32 milioni di euro (parte di un fondo di riserva della Nissan) ad un personaggio dell’Oman che li avrebbe usati per acquistare uno yacht per conto di Ghosn.

Secondo il legale dell’ex manager “la decisione del giudice è inappropriata”, ma a conferma della gravità delle accuse è la rarità del secondo arresto, caso alquanto insolito per il Giappone. Prima di essere nuovamente arrestato, Ghosn aveva indetto una conferenza stampa per l’11 aprile prossimo in cui aveva dichiarato di “voler dire la verità su quanto accadendo”.

Industria
Renault e Nissan pronte al divorzio
Renault e Nissan pronte al divorzio
Dopo vent’anni di alleanza, il caso Carlos Ghosn ha inasprito ancor di più rapporti che non sono mai stati idilliaci. Secondo il Financial Times i giapponesi stanno lavorando per una separazione in tempi brevi
Volkswagen apre ai rimborsi sul Dieselgate
Volkswagen apre ai rimborsi sul Dieselgate
Il colosso di Wolfsburg starebbe trattando un risarcimento con la Federazione dei consumatori tedeschi: va accettata dal 70% dei 440mila clienti che hanno citato in giudizio VW
FCA-PSA, è nato un colosso
FCA-PSA, è nato un colosso
La fusione, perfezionata nel giro dei prossimi mesi, crea un gruppo da 9 milioni di veicoli all’anno e 170 miliardi di utile operativo, a cui aggiungere 3,7 miliardi di risparmi grazie a sinergie e scambio di tecnologie
FCA-PSA: è fatta
FCA-PSA: è fatta
Manca l’ufficializzazione, ma il via libera dai cda dei due gruppi è arrivato ieri. Nasce il quarto gruppo mondiale automobilistico, con un patrimonio di 8,7 milioni di auto e 200 miliardi di euro di fatturato. Elkann presidente, Tavares ad
FCA-PSA, prove tecniche
di una nuova fusione
FCA-PSA, prove tecniche<br>di una nuova fusione
Archiviato il capitolo Renault, il Lingotto pare stia trattando un nuovo tentativo di fusione con altri francesi, quelli di Peugeot-Citroën. L’incognita della presenza del governo
Scandalo emissioni, arrestato dirigente FCA
Scandalo emissioni, arrestato dirigente FCA
Emanuele Palma, senior manager del gruppo negli Stati Uniti, è stato arrestato dall’FBI per violazione delle leggi sulle emissioni: avrebbero tarato in modo subdolo il software di controllo
Si schianta il mercato auto, crollo FCA
Si schianta il mercato auto, crollo FCA
Nuova pesante contrazione delle vendite per il mese di giugno, ma soprattutto un vistoso calo del gruppo italo-americano, che ha toccato i minimi storici
FCA-Renault, i segreti della fusione
FCA-Renault, i segreti della fusione
Mercati, tecnologie, segmenti da colmare, strategie: c’è un lungo lavoro di pianificazione, dietro la proposta lanciata dal Lingotto. In ballo c’è il primo posto nella classifica dei costruttori
FCA-Renault, la proposta è ufficiale
FCA-Renault, la proposta è ufficiale
Con un comunicato stampa del Lingotto, arriva la conferma della proposta di fusione con il gruppo nippo-francese: il CDA di Renault riunito d’urgenza per valutare la proposta. Si attende a ore la risposta
Trattative avanzate fra FCA e Renault
Trattative avanzate fra FCA e Renault
Così sono state definite da un’indiscrezione del Financial Times: da uno scambio di know-how tecnologico sarebbe sul tavolo un’alleanza in grado di creare il primo gruppo automobilistico al mondo