FCA-PSA: è fatta

| Manca l’ufficializzazione, ma il via libera dai cda dei due gruppi è arrivato ieri. Nasce il quarto gruppo mondiale automobilistico, con un patrimonio di 8,7 milioni di auto e 200 miliardi di euro di fatturato. Elkann presidente, Tavares ad

+ Miei preferiti
Velocissimi, quasi per evitare gli intoppi e i tempi a elastico che lo scorso maggio avevano fatto naufragare l’intesa con Renault. Gli italo-americani di FCA Group e i francesi di PSA hanno trovato il punto d’incontro per un matrimonio paritario, in cui entrambi i coniugi hanno pari diritti e pari opportunità: ieri è arrivato il via libera del consiglio di sorveglianza PSA, seguito in serata da quello del consiglio di amministrazione di FCA.

In realtà, l’apparente velocità è figlia di una lunga trattativa iniziata quasi subito dopo la delusione dell’accordo con Renault: numerosi gli incontri fra i vertici dei due gruppi, con delegazioni che da mesi fanno la spola fra Torino e Parigi. Il dato più curioso, secondo gli analisti economici, è la posizione defilata della politica francese, lo scoglio su cui si erano polemicamente infrante le trattative con la “Régie”: nel nuovo giro di giostra, a parte benedire a distanza l’accordo, l’Eliseo che detiene il 12% attraverso “BpiFrance”, si è limitato a guardare, tenendosi il ruolo di osservatore e assicurando “una vigilanza su occupazione, governance e impronta industriale”. La lezione di Renault ha lasciato il segno, è evidente. Neanche a parlare di quello italiano, che prosegue nella veste di pubblico pagante, limitandosi a “osservare con attenzione la trattativa”. Timide aperture anche da parte dei sindacati, italiani e francesi (a parte le proteste controcorrente di “CGT”, secondo cui l’accordo mette a rischio posti di lavoro, stipendi e diritti collettivi nei due paesi) che da capitolato auspicano, si augurano e sperano.

L’ufficializzazione è attesa nelle prossime ore, ma sembra ormai solo un dettaglio che conferma le indiscrezioni lanciate dal “Wall Street Journal” poche ore fa: 50% a testa, presidenza a John Elkann e ruolo di AD a Carlos Tavares, nel consiglio di amministrazione sei posti ai francesi, cinque agli italiani. E sede in Olanda, in territorio neutro, più tre sedi operative in Italia, Francia e Stati Uniti. Un’operazione che fa sorridere le borse, dove FCA chiude la giornata con un confortante 12,87%, dopo essere partita da 9,53, mentre il titolo PSA fa segnare un +4,53%.

Un accordo che di fatto crea il quarto polo mondiale automobilistico, con un patrimonio di 8,7 milioni di auto vendute e un fatturato che sfiorerà i 200 miliardi di euro, alle spalle di General Motors, Volkswagen e la triade Renault-Nissan-Mitsubishi.

I NUMERI DELL’ACCORDO

FCA GROUP

Marchi: Abarth, Alfa Romeo, Chrysler, Dodge, Fiat, Fiat Professional, Jeep, Lancia, Ram e Maserati.

Stabilimenti: 102

Dipendenti: 199.000

Fatturato: 110 miliardi di euro nel 2018

Auto vendute: 4,8 milioni

PSA

Marchi: Peugeot, Citroën, Ds Automobiles, Opel e Vauxhall Stabilimenti: 45 (assemblaggio e componentistica)

Dipendenti: 211.000

Fatturato: 74 miliardi di euro nel 2018

Auto vendute: 3,9 milioni.

Industria
Regno Unito: 197 auto prodotte ad aprile
Regno Unito: 197 auto prodotte ad aprile
Il numero più basso di sempre, neanche paragonabile al crollo durante la Seconda Guerra Mondiale. Tutto il mercato dell’auto in profondo rosso
Renault & Nissan, ancora più vicine per non crollare
Renault & Nissan, ancora più vicine per non crollare
I due marchi hanno un disperato bisogno di aiuto, e l’alleanza che Carlos Ghosn ha costruito potrebbe essere la loro unica speranza di salvezza
Il braccio della morte degli aerei
Il braccio della morte degli aerei
Lo stop ai voli ha costretto industrie aeronautiche e compagnie a trovare una sistemazione ai loro velivoli. Ma non tutti torneranno a volare, per diversi lo stop equivale alla fine della carriera
Virgin Group sull’orlo del baratro
Virgin Group sull’orlo del baratro
Il colosso creato da Sir Richard Branson fortemente penalizzato dalla pandemia: buona parte delle sue società si occupano viaggi, tempo libero, turismo e crociere. A rischio Virgin Atlantic e Virgin Australia
Renault e Nissan pronte al divorzio
Renault e Nissan pronte al divorzio
Dopo vent’anni di alleanza, il caso Carlos Ghosn ha inasprito ancor di più rapporti che non sono mai stati idilliaci. Secondo il Financial Times i giapponesi stanno lavorando per una separazione in tempi brevi
Volkswagen apre ai rimborsi sul Dieselgate
Volkswagen apre ai rimborsi sul Dieselgate
Il colosso di Wolfsburg starebbe trattando un risarcimento con la Federazione dei consumatori tedeschi: va accettata dal 70% dei 440mila clienti che hanno citato in giudizio VW
FCA-PSA, è nato un colosso
FCA-PSA, è nato un colosso
La fusione, perfezionata nel giro dei prossimi mesi, crea un gruppo da 9 milioni di veicoli all’anno e 170 miliardi di utile operativo, a cui aggiungere 3,7 miliardi di risparmi grazie a sinergie e scambio di tecnologie
FCA-PSA, prove tecniche
di una nuova fusione
FCA-PSA, prove tecniche<br>di una nuova fusione
Archiviato il capitolo Renault, il Lingotto pare stia trattando un nuovo tentativo di fusione con altri francesi, quelli di Peugeot-Citroën. L’incognita della presenza del governo
Scandalo emissioni, arrestato dirigente FCA
Scandalo emissioni, arrestato dirigente FCA
Emanuele Palma, senior manager del gruppo negli Stati Uniti, è stato arrestato dall’FBI per violazione delle leggi sulle emissioni: avrebbero tarato in modo subdolo il software di controllo
Si schianta il mercato auto, crollo FCA
Si schianta il mercato auto, crollo FCA
Nuova pesante contrazione delle vendite per il mese di giugno, ma soprattutto un vistoso calo del gruppo italo-americano, che ha toccato i minimi storici